laRegione
Nuovo abbonamento
© Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
2 gior
Amarcord Italia ’90
Più che di un Mondiale da dimenticare per molti tifosi, quello andato in scena tra giugno e luglio di trent’anni fa è stato il ritratto di un paese con ancora molte idee, nonostante i soliti immancabili difetti.
Ticino7
2 gior
Minimal Minüs: la pandemia vista da Piazza Grande
A grande richiesta, nuovi appunti dal Covid-19. Questa volta è un fuori porta tutto locarnese, tra rive più ampie, gatti smarriti e salatissimi grotti (ahi ahi…)
Ticino7
2 gior
Il lungo cammino di Lokman Kadak
Nei luoghi in cui il vento della storia soffia ostile, le esistenze si consumano più velocemente. “Ho 42 anni, ma sono diventato come un anziano” racconta, riferendosi a tutte le avversità affrontate nella sua vita.
Ticino7
2 gior
Videoconferenze. L’ospite inatteso
Tra gli effetti collaterali interessanti della pandemia vi è la smaterializzazione dell’incontro con l’altro. Una tendenza peraltro già in atto da tempo, ma in questo frangente...
Ticino7
3 gior
Indovina chi c’è nel video?
Le videoconferenze non sono più materia per le solite grandi aziende. Ma una volta connessi, non pensate solo alla vostra immagine sullo schermo: anche i contenuti hanno una discreta rilevanza...
Ticino7
1 sett
Elogio della gratitudine
Desiderate iniziare con il piede giusto questo nuovo decennio ed essere felici? Provate con grandi dosi di gratitudine: costo zero e risultati scientificamente provati.
Ticino7
1 sett
Emanuele Santoro: finché c'è vita, c'è teatro
Attore, regista, direttore artistico del teatro "il Cortile" a Lugano, oggi definitivamente chiuso causa di un nuovo progetto edilizio. Ma lui, quel bisogno di mettersi in gioco ce l'ha proprio dentro.
Ticino7
1 sett
Evviva l'impunità di gregge
L’emergenza coronavirus ha confermato quanto oggi (ahinoi) dibattiti e confronti, pacati e costruttivi, siano la vera vittima delle nostre società. E così alla fine chi grida forte e vuole avere sempre ragione non sbaglia mai.
Ticino7
1 sett
All'outlet dell'intimo
Metti un giorno che, tanto per provare l'emozione che fa, entrate in uno di quegli spazi di vendita dove tutto costa meno...
Ticino7
1 sett
Turismo che va, turismo che resta
In inverno, a contarle una per una, non arrivi a quaranta anime. Ma da giugno a ottobre le cose cambiano (non in meglio).
Ticino7
2 sett
Disturbi mentali. Ai confini della realtà
André ha dovuto imparare a sopravvivere a un mondo di allucinazioni e deliri. Ma non è l’unico: una persona su cento soffre della stessa malattia.
Ticino7
2 sett
Sulle tracce di Pun Ka-Man
Per tutti, colleghi di polizia compresi, lei è ‘Pops’ e il suo mestiere ha quel nonsoché di cinematografico: veste la tutina bianca e si reca suoi luoghi del crimine...
Ticino7
2 sett
Bologna e le staffette alimentari partigiane
L’aiuto ai ‘tagliati fuori’ della pandemia nell’esperienza di un giovane bellinzonese nel capoluogo emiliano.
Ticino7
2 sett
Woody Allen: a proposito di citazioni
“Se potessi tornare indietro, cosa non farei? Comprare l’affettatutto che ho visto in televisione”.
Ticino7
2 sett
Gente di mondo
Si convinse che in paese cambiare auto era un atto di coraggio un venerdì, mentre faceva benzina al solito distributore...
Ticino7
09.05.2020 - 15:000
Aggiornamento : 11.05.2020 - 09:31

Clan asintomatico

Tra marmitte ruggenti e i ‘ce la faremo’: appunti da una quarantena alla luganese tutta da inventare. Nell’attesa di nuove forme di normalità.

Lui era stato a Milano a novembre, poi a febbraio, due sere al Carnevale, settimane a scuola. Si scoprì asintomatico. Come molti altri, per fortuna. Forse immune negativo, positivo contagioso, neutro resistente, chissà. Era stato al fronte dove di solito si è i primi a soccombere. Ha giocato alla roulette russa ma non sarà solo fortuna. Giorni di folle normalità, di preoccupante spensieratezza un po’ a Milano, poi qui a Lugano. In quella che da lì a poco sarebbe diventata la zona rossa insubrica: ricoveri d’inferno, deserto sociale, collasso economico. 

Fluisce la vita

Stavolta mascherati anche dopo il carnevale, scudo e stigma, simbolo d’angoscia. Nemmeno quel medico sapeva del virus bruttissimo invece della reginetta bellissima. Finirà febbraio col primo contagiato del Paese, un “prima i nostri” pandemico, triste e storico. Arriverà il “lockdown”, la grande serrata, la madre delle chiusure benedetta da Berna. A Lugano c’era quasi ancora odore di risotto in piazza, ancora foga da elezioni comunali. Presto la perla del Ceresio sarà una banale cozza vuota. Potrai fare solo questo ma soprattutto non quello, pena le multe di una polizia mai così indaffarata, persino nei boschi. Pasqua non con chi vuoi, ma solo con chi puoi. Distanziamento sociale fuori dalla macelleria, partita aperta tra comune capretto e strano virus. Vincitore scontato. Un asintomatico felice di essere svizzero: potrà uscire di casa. Così i tanti italiani a Lugano, perché di là sono arresti domiciliari, son confinanti confinati. I due metri di distanza, tutti geometri, un virus cavalletta. Le cinque persone, perché sei son già troppe. Ecco i clan degli asintomatici tra rive e piazzette, tra panchine e scalinate, tra sbarramenti e divieti. La vita fluirà lo stesso. 

Vedere il bello

Asintomatico ma infodemico, strafatto di notizie e non notizie, Gates è il diavolo, Koch un pazzo, Fauci un assassino. Il fumo e il gioco d’azzardo indispensabili, all’improvviso non più nocivi. Arriverà l’ondata epidemiologica coi suoi surfisti delle statistiche, il picco dei contagi coi suoi scalatori dell’angoscia, tutti virologi, tutti sportivi. Bollettini di ricoverati, ventilati, intubati, spirati. Anziani, nonni, zii, genitori, memoria storica decimata. Sarai in coda al supermercato per verdura fuori stagione ma col virus stagionato. In coda alla posta, le buste sì, i fogli A4 no, fotocopie vietate. L’asintomatico in giro smascherato tra mascherati, surreale, distopico, ma reale. Dispositivi da contrabbando, esportazioni da usurai. Lugano motore spento cantonale, Lugano marmitte ruggenti, Lugano “ce la faremo” , Lugano “andrà tutto bene”. Lugano dal lago chiuso ai pedoni ma non ai tamarri. Lugano dall’esibizionismo ancora più facile. Ma anche Lugano dai cieli più tersi senza aerei, di acque più limpide senza barche, di aria più pura (quasi) senza auto, di vie silenti senza gente. Sarà anche questa una sorta di pantomima pandemica.

 


1630: Firenze in un dipinto dell'epoca

LOCKDOWN GIÀ NEL SEICENTO

Nella storia delle epidemie la serrata dell’economia non è nuova. Era già successo quasi 400 anni fa, nel Seicento, con la peste a Firenze. Ne parlava in aprile Radio France Internationale con lo storico britannico John Henderson. Il paragone è azzardato per molti motivi (sanitari, tecnologici, urbanistici, economici ecc.), ma se oggi pare siamo solo all’inizio, allora l’epidemia durò oltre un anno causando “significative difficoltà economiche” , si legge. Esattamente come succede già ora. Si decise di “tagliare gli scambi con altre città”,  le professioni del commercio internazionale furono “completamente fermate”. Oggi il commercio internazionale soffre, ma non è bloccato: merci e certi professionisti continuano a muoversi. 400 anni fa a Firenze ci fu “compassione” per l’industria tessile, la principale di quel tempo. Si permise a “un numero limitato di membri” del settore di lavorare, fintanto che “rimasero nei loro laboratori e non tornarono a casa” , così l’economia “ha continuato a lavorare” per un po’ , dice Henderson. Insomma, si produceva ma si restava in azienda. In termini di grandi settori economici, oggi come allora si lavora. Nei servizi, da casa, in ufficio, in azienda, e si torna a domicilio. Il Ticino ha chiuso certi comparti, ma non la chimica farmaceutica, dove non si dorme certo in fabbrica. Potrebbe ospitare i suoi dipendenti l’alberghiero che è parzialmente attivo, mentre la ristorazione attende... Insomma, per contenere l’epidemia eravamo più coerenti allora oppure oggi? 

1630: Firenze in un dipinto dell'epoca
Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved