laRegione
Nuovo abbonamento
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
5 gior
Amarcord Italia ’90
Più che di un Mondiale da dimenticare per molti tifosi, quello andato in scena tra giugno e luglio di trent’anni fa è stato il ritratto di un paese con ancora molte idee, nonostante i soliti immancabili difetti.
Ticino7
5 gior
Minimal Minüs: la pandemia vista da Piazza Grande
A grande richiesta, nuovi appunti dal Covid-19. Questa volta è un fuori porta tutto locarnese, tra rive più ampie, gatti smarriti e salatissimi grotti (ahi ahi…)
Ticino7
5 gior
Il lungo cammino di Lokman Kadak
Nei luoghi in cui il vento della storia soffia ostile, le esistenze si consumano più velocemente. “Ho 42 anni, ma sono diventato come un anziano” racconta, riferendosi a tutte le avversità affrontate nella sua vita.
Ticino7
5 gior
Videoconferenze. L’ospite inatteso
Tra gli effetti collaterali interessanti della pandemia vi è la smaterializzazione dell’incontro con l’altro. Una tendenza peraltro già in atto da tempo, ma in questo frangente...
Ticino7
5 gior
Indovina chi c’è nel video?
Le videoconferenze non sono più materia per le solite grandi aziende. Ma una volta connessi, non pensate solo alla vostra immagine sullo schermo: anche i contenuti hanno una discreta rilevanza...
Ticino7
1 sett
Elogio della gratitudine
Desiderate iniziare con il piede giusto questo nuovo decennio ed essere felici? Provate con grandi dosi di gratitudine: costo zero e risultati scientificamente provati.
Ticino7
1 sett
Emanuele Santoro: finché c'è vita, c'è teatro
Attore, regista, direttore artistico del teatro "il Cortile" a Lugano, oggi definitivamente chiuso causa di un nuovo progetto edilizio. Ma lui, quel bisogno di mettersi in gioco ce l'ha proprio dentro.
Ticino7
1 sett
Evviva l'impunità di gregge
L’emergenza coronavirus ha confermato quanto oggi (ahinoi) dibattiti e confronti, pacati e costruttivi, siano la vera vittima delle nostre società. E così alla fine chi grida forte e vuole avere sempre ragione non sbaglia mai.
Ticino7
1 sett
All'outlet dell'intimo
Metti un giorno che, tanto per provare l'emozione che fa, entrate in uno di quegli spazi di vendita dove tutto costa meno...
Ticino7
1 sett
Turismo che va, turismo che resta
In inverno, a contarle una per una, non arrivi a quaranta anime. Ma da giugno a ottobre le cose cambiano (non in meglio).
Ticino7
2 sett
Disturbi mentali. Ai confini della realtà
André ha dovuto imparare a sopravvivere a un mondo di allucinazioni e deliri. Ma non è l’unico: una persona su cento soffre della stessa malattia.
Ticino7
26.04.2020 - 16:240

Fanatismo da runner

In Italia anche la corsetta mattutina è stata sottoposta a forti limitazioni. Ma questo non giustifica i lamenti e la retorica di certi impallinati

In questi oziosi giorni casalinghi, al posto di farmi gli affari miei, imparare a fare la pasta fresca, cantare una compilation dal balcone o finire l’intero catalogo Netflix ho guardato molto (forse troppo) i social e ho trovato, nelle frasi scritte o nelle citazioni di scrittori fatte dai runner, esattamente quello che detesto della crociata dei runner. Che avrebbe un senso se fosse basata sempre e solo su un paio di concetti: “Corro da solo, evito i contatti, mi tengo in forma e giro al largo dalla gente”. Invece no. 
Invece leggo che per molti - non tutti, per fortuna - la questione è un’altra. Loro devono poter correre perché correre è una cosa seria. Mica come tutto il resto. Correre è importante. Fondamentale. Correre è l’unica cosa che conta. Un bisogno superiore. Lo dice Murakami, lo dice Confucio, lo dice Forrest Gump, e perfino Linus, ah beh, se lo dice Linus. Ecco, proprio qui, in queste frasi tra il new age, la frase da Bacio Perugina, il mantra motivazionale e la supercazzola, dove credono di essere inattaccabili, lo diventano. Usando quella supponenza che sfiora il mistico e che unisce tutti i fanatici, che siano vegani, tifosi di calcio, fan di cantanti o, andando sempre più su - su come pericolosità - integralisti politici e religiosi. 
Se ragionassimo tutti così, ognuno avrebbe il suo buon motivo di mettere le sue esigenze, le sue "cose che lo fanno star bene”, al di sopra della legge e - nel caso specifico - del vivere civile, del con-vivere. 
La gente sta facendo sacrifici di ogni tipo. E rinuncia alle cose che la fanno stare bene. Per dire, trovo molto più insopportabile di una corsa in meno il sacrificio di un nonno nel non poter vedere - magari anche solo a distanza di sicurezza - un nipote per settimane o mesi. C’è poi lo schermidore o il judoka che non può andare in palestra o l’arciere che non può tirare con l’arco. Il motociclista che non può prendere la moto e andare. O il pescatore che non può pescare. Da solo, con la sua canna. Se li farà gli affari suoi un pescatore? È l’emblema del farsi gli affari suoi. Ricordo la maglietta di un pescatore con su scritto "se volevo fare conversazione, stavo a casa con mia moglie". I tempi verbali della maglietta un po' così, ma efficace. Ecco, più solitario del pescatore nessuno. E potrebbe pure citare a suo vantaggio Hemingway, Kipling o Melville. Altro che Linus. Magari anche a loro, tirare la lenza, la moto, di fioretto o al bersaglio regala gli stessi benefici mentali, psicologici e fisici che elencano i runner. Eppure non possono. Si lamentano, un po' come tutti. Come è giusto che sia. E alla fine se ne stanno. Loro. I runner no. 
E a stufare, alla lunga, è questa superiorità morale dei runner, come qualsiasi superiorità presunta. Fino a qualche anno fa erano una nicchia. Ora sono una voce, una comunità, una lobby, si potrebbe dire. Sono tanti e fanno rumore. Oltre a iniettare nel dibattito pubblico dosi di benaltrismo da far paura: “E gli uffici? E i padroni di cani? E quelli che fanno la fila al supermercato? E la metro? I bus? E il 5G? Gli unni? I tedeschi con i sandali? I dischi di Gigi D’Alessio? La fotosintesi clorofilliana? I trentatré trentini che entrarono a Trento tutti e trentatré trotterellando? Se non è un assembramento quello” 
Avete sentito degli arcieri lamentarsi? Eppure ci sarà un arciere a cui girano le scatole perché non può esercitarsi o rilassarsi. A quel punto arriverebbe un runner a dire che il tiro con l’arco certo, nobile, Guglielmo Tell, Robin Hood, Legolas, bravi eh, però vuoi mettere la corsa bla bla bla bla. Dio mio, più ci si sente superiori a qualcuno e più si è uguali a tutti gli altri. Se non peggio. 
E se fossi Murakami, così, anche solo per fargliela capire, inizierei ad andare in bicicletta. 

© Regiopress, All rights reserved