laRegione
Nuovo abbonamento
© Ti-Press / Samuel Golay
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
5 gior
Amarcord Italia ’90
Più che di un Mondiale da dimenticare per molti tifosi, quello andato in scena tra giugno e luglio di trent’anni fa è stato il ritratto di un paese con ancora molte idee, nonostante i soliti immancabili difetti.
Ticino7
5 gior
Minimal Minüs: la pandemia vista da Piazza Grande
A grande richiesta, nuovi appunti dal Covid-19. Questa volta è un fuori porta tutto locarnese, tra rive più ampie, gatti smarriti e salatissimi grotti (ahi ahi…)
Ticino7
5 gior
Il lungo cammino di Lokman Kadak
Nei luoghi in cui il vento della storia soffia ostile, le esistenze si consumano più velocemente. “Ho 42 anni, ma sono diventato come un anziano” racconta, riferendosi a tutte le avversità affrontate nella sua vita.
Ticino7
5 gior
Videoconferenze. L’ospite inatteso
Tra gli effetti collaterali interessanti della pandemia vi è la smaterializzazione dell’incontro con l’altro. Una tendenza peraltro già in atto da tempo, ma in questo frangente...
Ticino7
5 gior
Indovina chi c’è nel video?
Le videoconferenze non sono più materia per le solite grandi aziende. Ma una volta connessi, non pensate solo alla vostra immagine sullo schermo: anche i contenuti hanno una discreta rilevanza...
Ticino7
1 sett
Elogio della gratitudine
Desiderate iniziare con il piede giusto questo nuovo decennio ed essere felici? Provate con grandi dosi di gratitudine: costo zero e risultati scientificamente provati.
Ticino7
1 sett
Emanuele Santoro: finché c'è vita, c'è teatro
Attore, regista, direttore artistico del teatro "il Cortile" a Lugano, oggi definitivamente chiuso causa di un nuovo progetto edilizio. Ma lui, quel bisogno di mettersi in gioco ce l'ha proprio dentro.
Ticino7
1 sett
Evviva l'impunità di gregge
L’emergenza coronavirus ha confermato quanto oggi (ahinoi) dibattiti e confronti, pacati e costruttivi, siano la vera vittima delle nostre società. E così alla fine chi grida forte e vuole avere sempre ragione non sbaglia mai.
Ticino7
1 sett
All'outlet dell'intimo
Metti un giorno che, tanto per provare l'emozione che fa, entrate in uno di quegli spazi di vendita dove tutto costa meno...
Ticino7
1 sett
Turismo che va, turismo che resta
In inverno, a contarle una per una, non arrivi a quaranta anime. Ma da giugno a ottobre le cose cambiano (non in meglio).
Ticino7
2 sett
Disturbi mentali. Ai confini della realtà
André ha dovuto imparare a sopravvivere a un mondo di allucinazioni e deliri. Ma non è l’unico: una persona su cento soffre della stessa malattia.
Ticino7
2 sett
Sulle tracce di Pun Ka-Man
Per tutti, colleghi di polizia compresi, lei è ‘Pops’ e il suo mestiere ha quel nonsoché di cinematografico: veste la tutina bianca e si reca suoi luoghi del crimine...
Ticino7
2 sett
Bologna e le staffette alimentari partigiane
L’aiuto ai ‘tagliati fuori’ della pandemia nell’esperienza di un giovane bellinzonese nel capoluogo emiliano.
Ticino7
2 sett
Woody Allen: a proposito di citazioni
“Se potessi tornare indietro, cosa non farei? Comprare l’affettatutto che ho visto in televisione”.
Ticino7
2 sett
Gente di mondo
Si convinse che in paese cambiare auto era un atto di coraggio un venerdì, mentre faceva benzina al solito distributore...
Ticino7
25.04.2020 - 17:200

Soccorritori, nella buona e cattiva sorte

La cosa più difficile del mestiere di Gianni Sicilia? Non sapere se, quando lo chiamano, si sta recando da qualcuno che conosce.

Pubblichiamo un contributo apparso in Ticino7, allegato del sabato nelle pagine de laRegione.

Gianni Sicilia è soccorritore diplomato, cioè è quello che arriva con l’ambulanza quando ti fai male. Lavora per l’associazione Tre Valli Soccorso, nata vent’anni fa, ed è padre di tre figli. La cosa più bella del suo mestiere? Quando l’adrenalina lascia il posto al sollievo, perché capisci che il pericolo più grave è scampato.

Viene dal Mendrisiotto, ma ora ha piantato radici bene in fondo nella terra della Valle di Blenio. È stato uno dei primi infermieri a fare la formazione per diventare soccorritore diplomato, nel 1989. Lavora per Tre Valli Soccorso da quando questo servizio è stato creato vent’anni fa. Ormai gli mancano due anni alla pensione, ma Gianni Sicilia parla ancora del suo lavoro con l’amore dei primi giorni: “Lo ammetto, all’inizio ho scelto questa strada perché c’era più azione. Quando avevo 23 anni lavoravo nel reparto di chirurgia di un ospedale e dalla finestra vedevo arrivare le ambulanze: erano macchinoni americani colorati, con le sirene spiegate. Mi incuriosivano, così mi sono avvicinato e poi ho scelto di specializzarmi. Partiva proprio quell’anno il primo corso di formazione per soccorritori”. 
Sempre in quell’epoca, nelle corsie dell’ospedale Gianni ha conosciuto Lorenza, levatrice, oggi sua moglie e madre dei loro tre figli. Quando me lo racconta il suo sguardo vaga per un attimo, un sorriso gli affiora sulle labbra. Chissà cosa vede, quanta luce in quel ricordo. 

Non ci si abitua a questo mestiere

Gianni Sicilia ne ha conosciute di case. Una non la dimenticherà mai, in Valle Malvaglia, 30 anni fa. “Era così spoglia che mi ha fatto male. Non c’era niente. Solo un pentolino incrostato con dentro un dito di latte. Un letto di ferro e una signora anziana sdraiata, completamente sola. Ho pensato: siamo il paese più ricco del mondo e c’è questa signora qui, messa così, che non possiede niente. La gente a volte ci dice curiosa: Chissà quante cose vedete... Ma cosa vediamo? Vediamo la gente che sta male. Vediamo i morti. Vediamo cose che ci segnano. Una volta una volontaria ha visto un uomo morto. Ha pianto e poi ha deciso di fare l’infermiera. Un altro volontario era un banchiere che è venuto a darci una mano nel suo tempo libero, perché sentiva l’esigenza di fare qualcosa per ‘gli altri’. E poi ha cambiato mestiere”. 

Per capirsi

“Qui vieni per capire chi sei”, continua Sicilia. “Vieni perché non è la tranquillità ciò di cui hai bisogno, ma qualcosa d’altro. Il nostro lavoro è salvare la gente: è una questione veloce, di cervello, improvvisazione, gesti conosciuti e sempre nuovi. C’è adrenalina durante la corsa in ambulanza, ma prima di catapultarti dentro alla situazione di emergenza, devi calmarti. Prima di entrare in casa di qualcuno devi innanzitutto pulirti le scarpe. È un gesto di rispetto. Mentre lo fai hai quell’attimo per spogliarti da ogni tua paura o pregiudizio. Quello che trovi sarà la materia del tuo intervento, senza mai giudicare nessuno”. 
Oltre alla prontezza clinica e logistica ci vuole una qualità che è impalpabile. “Qui hai strumenti e la borsa di pronto intervento, ma non è come in ospedale”, spiega. “A volte devi ricorrere alle tue buone e vecchie mani per capire cosa c’è. Devi pensare con la tua buona vecchia testa: accogli tutte le idee che ti vengono e poi confermi o escludi. Bisogna porre molte domande al paziente, usare i propri cinque sensi per capire di cosa necessita lui e anche chi gli sta vicino”. 

Una porta sempre aperta

Tra colleghi ci si sostiene, soprattutto dopo un intervento pesante che può restare sospeso e iniettare malessere se non viene raccontato, ascoltato, rielaborato. Ognuno sa chi ha problemi a casa, chi non sta bene: è molto importante che il personale abbia un buon rapporto e che possa sempre dire come si sente, altrimenti ne va del lavoro sul campo. A volte c’è tanto tempo da aspettare tra un intervento e l’altro. Allora si parla, ci si forma soprattutto, ci si aggiorna e si allena la capacità di fare diagnosi in fretta: cosa avrà il paziente? Di che tipo di primo intervento necessita? Con questo tempo o con questo traffico e in questa situazione di cosa c’è bisogno: ambulanza, Rega, colonna di soccorso, medico... “È un lavoro fantastico” assicura Gianni Sicilia. “Vedi gente più giovane di te che non ha un futuro; vedi nascere bambini in ambulanza e in quel momento è come se fossero i tuoi. È stancante certo, ma lo rifarei mille volte, perché mi ha dato molto più di quanto non ho dato io. Mi ha fatto capire che la vita è una cosa bella, che va vissuta fino in fondo”.
Quando sarà in pensione continuerà a occuparsi della formazione dei suoi giovani colleghi e poi vorrebbe inserirsi in un progetto che porta le vecchie ambulanze del Tre Valli Soccorso in Senegal. Gianni vorrebbe mettere in piedi la formazione del personale locale. «Il legame che ho con l’ambulanza non è una porta che si può chiudere, dura per sempre”. 

© Ti-Press / Samuel Golay
Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved