laRegione
Nuovo abbonamento
villeggiare-il-tempo-delle-liberta
Dal classico "Les vacances de Monsieur Hulot" (1953)
+7
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
18 ore
Tutta un'altra carne
La vecchia bistecca affronta la concorrenza di sostituti vegetali sempre migliori. Ma nel dibattito pubblico prevale il battibecco.
INCONTRI
2 gior
Céline: 21 anni e il sogno di pilotare elicotteri
La storia di una ragazza che vuole librarsi in volo. Dopo l'esperienza come assistente di volo, ora sta svolgendo la formazione pratica.
L'approfondimento
2 gior
Quelle quasi-bistecche di carne vegetale
È arrivata anche in Svizzera. Un prodotto con tanti pregi e alcuni difetti
SOCIETÀ
2 gior
Boogaloo, i suprematisti bianchi dal nome afroamericano
Viaggio dietro le quinte del fenomeno emerso durante le proteste contro le misure anti pandemia negli Stati Uniti.
Ticino7
1 sett
Amarcord Italia ’90
Più che di un Mondiale da dimenticare per molti tifosi, quello andato in scena tra giugno e luglio di trent’anni fa è stato il ritratto di un paese con ancora molte idee, nonostante i soliti immancabili difetti.
Ticino7
1 sett
Minimal Minüs: la pandemia vista da Piazza Grande
A grande richiesta, nuovi appunti dal Covid-19. Questa volta è un fuori porta tutto locarnese, tra rive più ampie, gatti smarriti e salatissimi grotti (ahi ahi…)
Ticino7
1 sett
Il lungo cammino di Lokman Kadak
Nei luoghi in cui il vento della storia soffia ostile, le esistenze si consumano più velocemente. “Ho 42 anni, ma sono diventato come un anziano” racconta, riferendosi a tutte le avversità affrontate nella sua vita.
Ticino7
1 sett
Videoconferenze. L’ospite inatteso
Tra gli effetti collaterali interessanti della pandemia vi è la smaterializzazione dell’incontro con l’altro. Una tendenza peraltro già in atto da tempo, ma in questo frangente...
Ticino7
1 sett
Indovina chi c’è nel video?
Le videoconferenze non sono più materia per le solite grandi aziende. Ma una volta connessi, non pensate solo alla vostra immagine sullo schermo: anche i contenuti hanno una discreta rilevanza...
Ticino7
2 sett
Elogio della gratitudine
Desiderate iniziare con il piede giusto questo nuovo decennio ed essere felici? Provate con grandi dosi di gratitudine: costo zero e risultati scientificamente provati.
Ticino7
2 sett
Emanuele Santoro: finché c'è vita, c'è teatro
Attore, regista, direttore artistico del teatro "il Cortile" a Lugano, oggi definitivamente chiuso causa di un nuovo progetto edilizio. Ma lui, quel bisogno di mettersi in gioco ce l'ha proprio dentro.
Ticino7
2 sett
Evviva l'impunità di gregge
L’emergenza coronavirus ha confermato quanto oggi (ahinoi) dibattiti e confronti, pacati e costruttivi, siano la vera vittima delle nostre società. E così alla fine chi grida forte e vuole avere sempre ragione non sbaglia mai.
Ticino7
2 sett
All'outlet dell'intimo
Metti un giorno che, tanto per provare l'emozione che fa, entrate in uno di quegli spazi di vendita dove tutto costa meno...
Ticino7
2 sett
Turismo che va, turismo che resta
In inverno, a contarle una per una, non arrivi a quaranta anime. Ma da giugno a ottobre le cose cambiano (non in meglio).
Ticino7
3 sett
Disturbi mentali. Ai confini della realtà
André ha dovuto imparare a sopravvivere a un mondo di allucinazioni e deliri. Ma non è l’unico: una persona su cento soffre della stessa malattia.
Ticino7
3 sett
Sulle tracce di Pun Ka-Man
Per tutti, colleghi di polizia compresi, lei è ‘Pops’ e il suo mestiere ha quel nonsoché di cinematografico: veste la tutina bianca e si reca suoi luoghi del crimine...
Ticino7
25.03.2020 - 13:380
Aggiornamento : 26.03.2020 - 13:59

Villeggiare. Il tempo delle libertà

Un originale documentario di Andrea Canetta – in onda alla RSI il 29 marzo nell'ambito di "Storie" – racconta le vacanze dei ticinesi tra gli anni '50 e '80 del secolo scorso.

Il Kenya, Napoli, la Tailandia. Che cos'hanno comune? Quasi nulla. Salvo essere destinazioni turistiche, più o meno esotiche. Salvo farci sognare un'evasione ora impossibile, in questo periodo di blocco della mobilità. Inutile smaniare, passerà. Che sia venuto il momento di rispolverare i souvenir di viaggio finiti sugli scaffali del garage? In un film d'archivio senza alcuna voce narrante, il regista Andrea Canetta ora ci propone un mosaico di flash vacanzieri che assembla vacanze documentate con la vecchia cinepresa Super 8 di papà, amatorialmente. Montaggio a stacco, accostamenti disinvolti. Sorrisi, pose plastiche, musica minimal. Zero commenti. Salvo qualche centellinata e brevissima intervista. A noi capire, a noi intuire relazioni, situazioni, motivazioni che hanno animato - tra gli anni Cinquanta e gli anni Ottanta del secolo scorso - il tuffo degli svizzeri nel tempo liberato dal lavoro, il Tempo di vacanza

Spiagge e corride

Indimenticabile la bambinetta che, evidentemente emulando la mamma, trascina una valigia enorme. E poi la testimonianza, in dialetto ticinese, di una signora, anonima e tranquilla ma evidentemente molto avventurosa, che nel 1974 mostra una sorprendente apertura mentale: bisogna andare via, staccare, vedere, esplorare la diversità del mondo. E i pericoli? Macché pericoli, se ti deve succedere qualcosa (di brutto) ti succede anche a casa! Sono immagini "ritrovate" che nel complesso suscitano tenerezza e molte emozioni. Ed è anche inevitabile la domanda: che cos'è cambiato nella vacanza, rispetto al secolo scorso? Be', anzitutto i corpi nudi sulla spiaggia di Riccione: nessuno è tatuato, a differenza di oggi. Quanto all'abbigliamento è semplice ed elegante anche al mare, sono assenti mogli e mariti sbracati. C'è persino un pattinatore solitario, filmato in bianco e nero a Bolle di Magadino, che volteggia sulla superficie gelata del lago in giacca e cravatta. Cose di un altro mondo.

Voglia di andare

Di questi tempi è il turismo ad essere congelato. Ma passeranno i rischi di contagio e usciremo da questa crisi. Nel frattempo, il mondo con le sua grande varietà si presenta a noi senza necessariamente doverlo andare a cercare. Con i tassisti mediorientali, i ristoratori asiatici, la frutta esotica al supermercato, la musica afro. Usanze e culture diverse, messe in mostra anche al Musec, il bel Museo delle Culture di Lugano (che riaprirà i battenti il 19 aprile), dove non manca mai una riflessione antropologica sulla ricchezza della diversità. Quello che per fortuna non è cambiato, ha ragione l'anonima signora, è la sacrosanta voglia di andare.

PER SAPERNE DI PIÙ - Sette dritte, fra libri e film

Les vacances de Monsieur Hulot, film di Jacques Tati (1953)
Un classico, diretto da Jacques Tati. Il personaggio stralunato di Monsieur Hulot, in vacanza sulla costa bretone, appare qui per la prima volta, vestito di impermeabile e cappello.


Dal classico "Les vacances de Monsieur Hulot" (1953)

Dove vai in vacanza?, film in tre episodi, autori vari (1978)
Film collettivo nel quale il terzo episodio, intitolato Le Vacanze intelligenti, diretto e interpretato da Alberto Sordi, è un capolavoro di umorismo pre-vanziniano.


Dal film a episodi "Dove vai in vacanza?" (1978)

La storia della villeggiatura, di Maria Clelia Cardona (Edizioni Abele, 1994)
La villeggiatura (cioè fare vacanza in villa) raccontata come spazio privilegiato del piacere. I giochi, le feste e gli eccessi, vissuti come eccezione alla regola e come ritualità collettiva.

Breve storia delle vacanze, di Fruttero e Lucentini (Mondadori, 1994)
Dalla Bibbia al Club Méditerranée, un erudito e divertente excursus sugli usi e sui costumi vacanzieri dell'umanità.

L'invenzione del tempo libero, a cura di Alain Corbin (Laterza 1996)
Viaggio attraverso le molte facce del tempo libero. Dalle escursioni in montagna alle vacanze al mare, dal tennis della high society inglese al turismo popolare organizzato dal fascismo.

Andare a quel paese, di Duccio Canestrini (Feltrinelli, 2003).
Vademecum del turista responsabile. Per trasformarsi da consumatori di vacanze a protagonisti delle proprie avventure. Senza offendere la dignità altrui.

Turismo di massa e usura del mondo, di Rodolphe Christin (Elèuthera, 2019).
Dove il sociologo francese sostiene che la massificazione del desiderio turistico, camuffata da libertà di movimento, ha distrutto la dimensione simbolica del viaggio, trasformandolo in una "evasione".

Guarda tutte le 9 immagini
© Regiopress, All rights reserved