laRegione
elio-fontana-e-il-motociclismo-che-fu
(Ti-Press)
+3
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
3 gior

La linea del tempo e il ‘sé narrativo’

La nostra vita raccontata a noi stessi. Ecco perché è utile mettere nero su bianco i fatti della propria esistenza (o quelli che ricordiamo)
Ticino7
3 gior

Scivolando (e non solo) con Mattia Fogliani

Se amate la libertà e gli sport invernali, ma non avete la più pallide idea di cosa sia lo splitboard, questo contributo potrebbe interessarvi...
Ticino7
3 gior

E la televendita continua

Il "venerdì nero" è quasi un ricordo, va bene. Ma se avete bisogno di compensare lacune di qualsivoglia natura (anche sentimentali) non disperate
Ticino7
3 gior

Memorie di edifici fantasma (e altre visioni)

Che esista un legame fra territorio e memoria (umana) non ci sono dubbi. Peccato ci si ricordi della sua centralità sempre sulle macerie fumanti
Ticino7
1 sett

Sotto lo sguardo vigile di Selene Alcini

Oggi è una agente di custodia in carcere, ma nelle sue molteplici vite precedenti si è dedicata a molto altro. È tutto "scritto" sulla pelle...
Ticino7
1 sett

Quelle "stranezze" del mondo animale

La natura e gli esseri viventi non mancano mai di stupirci. Per esempio, quando devono garantire la sopravvivenza della propria specie...
Ticino7
1 sett

Noi, loro, i forconi e i pop corn

Perché l'elezione di un nuovo presidente americano scalda il mondo intero e la nostra politica (svizzera ed europea) no? Io ho un'idea
Ticino7
1 sett

United Roads of America. Fra Covid-19 e i sussidi

Dal Maine all'Ohio, continua il nostro viaggio nell'ombelico degli Stati Uniti. Ricordando Marguerite Yourcenar e gli indiani Sioux
Ticino7
21.03.2020 - 17:200

Elio Fontana e il motociclismo che fu

Vecchie moto, targhe, pompe di benzina degli anni Cinquanta, latte d'olio. La stanza-museo di Elio Fontana è il santuario del motociclismo che fu

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, disponibile anche nelle cassette di 20 Minuti per tutto il fine settimana. Però uscite solo se è proprio necessario!

Vecchie moto, targhe, pompe di benzina degli anni Cinquanta, latte d'olio. La stanza-museo di Elio Fontana è il santuario del motociclismo che fu: quello di quando i piloti correvano con la tuta sporca di grasso e saper smontare il motore contava quanto il «manico» alla guida, per usare un'espressione cara a Elio. Il quale fin da ragazzino si divertiva a smanettare sui motorini: «gli facevo l'assetto sportivo, col manubrio basso...», dice ancora col sorriso dell'adolescente che insegue la sua passione.

Poi quella passione sarebbe diventata uno sport, con una declinazione particolare: la gara in salita. E lì sì che il «manico» conta: «La disciplina consiste nel portare la moto lungo un percorso di montagna che arriva anche a dieci chilometri. Si parte a 30-40 secondi di distanza e si corre contro il cronometro: per cui non hai gli altri piloti dei quali seguire il comportamento, sei da solo e non puoi sbagliare. Ti serve il pieno controllo della moto e un'ottima conoscenza del percorso: anche se hai un paio di cavalli in meno, è quello che fa la differenza».

Conclusa la vita sportiva, Elio si è dedicato a raccogliere i cimeli di quel mondo: moto Suzuki, Yamaha e Bultaco, con telai artigianali costruiti apposta per i grand prix. Ma anche tutto quello che ci girava attorno: le pompe di miscela e carburante, si diceva, ma anche vecchi caschi e cimeli di ogni tipo. Anche chi non è appassionato di moto si perde nella fantasia di quella storia che sa di polvere e ottani. E in quello che rivela del demone – in senso buono – che anima ogni collezionista: «C'è chi colleziona francobolli, chi cremini da caffè... io colleziono queste cose qui».

Una vita a manetta

Elio Fontana, classe 1951, abita a  Castel San Pietro. Macellaio e salumiere di formazione, il suo amore per i motori è nato nella prima adolescenza e non è mai scemato. Iniziando a 14 anni dal primo motorino, un Cilo del 1961.

Poi le cose si sono fatte più serie: la prima Suzuki 250 acquistata nel ’69 e poi nel ’71 le prime gare in salita come debuttante, sia in Svizzera francese sia in Ticino Fra le gare più amate si contano la memorabile Mendrisio - Monte Generoso e la Gerra Piano - Medoscio, ma anche la Agno-Iseo.

Con lo sforzo e la dedizione  sono arrivati anche gli allori internazionali: dal '71 all''85 Elio ha partecipato al campionato svizzero e a quello europeo della montagna, che ha vinto nel 1981, dopo il secondo posto dell'anno precedente. Anni nei quali il pilota era anche meccanico, e si muoveva accompagnato dal papà, dal fratello  e da qualche amico – in Svizzera e in Europa: Francia, Belgio... Una passione lunga una vita, una dedizione che oggi si è fatta collezione.

Guarda tutte le 7 immagini
© Regiopress, All rights reserved