laRegione
Nuovo abbonamento
moda-verde-alla-conquista-della-svizzera
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
3 ore

Acque fresche (oltre la siepe)

Causa pandemia, in molti hanno pensato di arricchire casa e giardino con piscine e idromassaggi. Non tutti sapendo con esattezza a cosa andavano incontro.
Ticino7
5 gior

Sofia Santori e una storia d'amore #atypical

Mamma di due meravigliose bambine, ci parla dell'autismo di sua figlia, della pagina #chihapauradellospettro e di molto altro
Ticino7
5 gior

Ringiovanire, un'ossessione molto redditizia

Sulle rughe aveva ragione Anna Magnani, quando al suo truccatore diceva: “Non me ne togliere nemmeno una, ci ho messo una vita a farmele!”
Ticino7
5 gior

Traslocare: una cosa terribile che per fortuna rifarò

Dal montaggio degli scatoloni alla luce in fondo al tunnel, diario psicotico e musicale di un'esperienza dalla quale siamo passati quasi tutti
Ticino7
5 gior

La Ficcanaso e il Kindle (un po' come la scarpa comoda)

Perché il dubbio, quello che ho da tempo e che mi tormenta soprattutto quando vorrei tanto fare un’orecchia alla pagina...
Ticino7
5 gior

Maledetta mezz'età (una festa in valle)

A un certo punto nella vita si è troppo vecchi per stare coi giovani, ma troppo giovani per andare a letto presto.
Ticino7
1 sett

Fuerteventura o il vento che spettina i pensieri

“Se non ci fossero gli alisei qui saremmo fritti e a farla da padrone sarebbe Calima e ci farebbe rosolare come in un forno".
Ticino7
1 sett

Lugano, ritorno a SlowLake

Dagli appunti del Covid-19 ecco una Zurigo viva a metà, l’ex Bronx alla Foce di Lugano e l’improvvisazione.
Ticino7
1 sett

Quattro pugni (di vita) con Americo Fernandes

Nato a Capo Verde, sul ring ci arriva all’età di 18 anni e nel 1985 si trasferisce in Ticino. Volete incontrarlo? Aprite la porta del Boxe Club Locarno.
Ticino7
1 sett

1990-1999: mille e non più mille?

Riflessioni apocalittiche e poco integrate ricordando un decennio che non era poi così male, dai.
Ticino7
2 sett

Di Novanta ce n'è uno

È opinione comune considerare i Cinquanta e i Sessanta come i migliori decenni del Novecento. Ora, provate a fare mente locale...
Ticino7
2 sett

Menefreghismo e inciviltà sulle rive del Brenno

Metti un tardo pomeriggio a Biasca e la voglia di farsi un bagno rinfrescante sulle rive del fiume. Scansando i rifiuti, naturalmente.
Ticino7
2 sett

Il caldo e la vita (passando dai capelli)

L’estate scorsa pedalavi in bicicletta col vento tra i capelli e tutto quel fiorato che svolazzava. Oggi il tuo riflesso in una vetrina ricorda la bidella delle scuole...
Ticino7
2 sett

Da schiavi a criminali: colpevoli di essere sé stessi

Un libro e un documentario "senza se e senza ma" per comprendere le origini delle discriminazioni vissute dalla comunità afro-americana statunitense.
Ticino7
2 sett

Storie di vita. La Regina che mi aprì gli occhi

1992, North Carolina. Io lavoravo per una multinazionale della carne, lei venne a lavorare come ricezionista. Ma un brutto giorno...
Ticino7
2 sett

Il nostro razzismo. Chi ha paura dell'uomo nero?

L'artificioso concetto di razza rimane un segnaposto all’interno di un sistema a forma di piramide fatto di diritti e privilegi politici, economici, giuridici e sociali. Anche in Svizzera.
Ticino7
2 sett

Discriminazioni: un problema di colore

A volte ci si illude che il razzismo possa estinguersi da solo, come certi personaggi malmostosi con le loro pantofole sfondate. E invece.
Ticino7
3 sett

Manuela Meier non ha paura di sporcarsi le mani

Ha scelto di seguire le orme di famiglia, quelle che hanno lasciato suo papà, nonno e addirittura bisnonno: coltivare ortaggi con infinita passione.
Ticino7
3 sett

Quando finisce un libro

Ovvero, quando amare non significa aggiustare. Perché nessuno è aggiustabile.
Ticino7
3 sett

Macerie d’Albania: storie da un paese che vuole crescere

Lo scorso maggio il Teatro nazionale di Tirana è stato raso al suolo, nonostante una forte opposizione popolare.
Ticino7
3 sett

Pizzo Cornera. Toccare la cima, ma con molta attenzione

" (...) il pietrone che ne costituisce la vetta balla da far spavento, come ci eravamo resi conto con un brivido io e il Maurino, quando l’avevo salito.
Ticino7
3 sett

Piantate un seme, aiutate la diversità

La riscoperta dell’orto e la coltivazione di frutta e verdura sono stati tra gli effetti secondari più sorprendenti dell’emergenza sanitaria. Ma c'è chi da molti anni promuove e sostiene queste attività.
Ticino7
1 mese

Tutta un'altra carne

La vecchia bistecca affronta la concorrenza di sostituti vegetali sempre migliori. Ma nel dibattito pubblico prevale il battibecco.
INCONTRI
1 mese

Céline: 21 anni e il sogno di pilotare elicotteri

La storia di una ragazza che vuole librarsi in volo. Dopo l'esperienza come assistente di volo, ora sta svolgendo la formazione pratica.
L'approfondimento
1 mese

Quelle quasi-bistecche di carne vegetale

È arrivata anche in Svizzera. Un prodotto con tanti pregi e alcuni difetti
SOCIETÀ
1 mese

Boogaloo, i suprematisti bianchi dal nome afroamericano

Viaggio dietro le quinte del fenomeno emerso durante le proteste contro le misure anti pandemia negli Stati Uniti.
Ticino7
1 mese

Amarcord Italia ’90

Più che di un Mondiale da dimenticare per molti tifosi, quello andato in scena tra giugno e luglio di trent’anni fa è stato il ritratto di un paese con ancora molte idee, nonostante i soliti immancabili difetti.
Ticino7
1 mese

Minimal Minüs: la pandemia vista da Piazza Grande

A grande richiesta, nuovi appunti dal Covid-19. Questa volta è un fuori porta tutto locarnese, tra rive più ampie, gatti smarriti e salatissimi grotti (ahi ahi…)
Ticino7
1 mese

Il lungo cammino di Lokman Kadak

Nei luoghi in cui il vento della storia soffia ostile, le esistenze si consumano più velocemente. “Ho 42 anni, ma sono diventato come un anziano” racconta, riferendosi a tutte le avversità affrontate nella sua vita.
Ticino7
1 mese

Videoconferenze. L’ospite inatteso

Tra gli effetti collaterali interessanti della pandemia vi è la smaterializzazione dell’incontro con l’altro. Una tendenza peraltro già in atto da tempo, ma in questo frangente...
Ticino7
1 mese

Indovina chi c’è nel video?

Le videoconferenze non sono più materia per le solite grandi aziende. Ma una volta connessi, non pensate solo alla vostra immagine sullo schermo: anche i contenuti hanno una discreta rilevanza...
Ticino7
07.03.2020 - 14:300

Moda "verde" alla conquista della Svizzera

La produzione e la distribuzione dei capi d’abbigliamento è il secondo settore più inquinante al mondo. Anche per questo sempre più marchi puntano su qualità (e non quantità).

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, disponibile anche nelle cassette di 20 Minuti per tutto il fine settimana.

Locarno. Sono passate da poco le otto di mattina e Lisa Pomari attraversa la Piazza Grande avvolta dal freddo di una mattina di fine inverno. Qua e là i furgoni scaricano la merce per rifornire i locali del centro. Nei bar qualcuno sorseggia il caffè e sfoglia il giornale. Altri chiacchierano animatamente. All’altezza del bar Ravelli Lisa svolta a sinistra in via Panelle. Prosegue per alcuni metri poi si ferma davanti a una boutique. Infila la chiave nella serratura e apre la porta. Appena entrata, si dirige nel retrobottega, si toglie il giaccone e si prepara un tè caldo. Inizia così una nuova giornata di lavoro. 

Inizia la formazione

«La mattina prima dell’apertura del negozio mi piace svolgere le attività pratiche», racconta Lisa. I compiti variano dal creare schizzi delle stampe sull’iPad, al digitalizzare i disegni al computer, allo sviluppare cartamodelli, fino a tagliare e cucire i vestiti stessi. Lisa è una fashion designer ticinese. Cresciuta a Locarno, dopo aver ottenuto la maturità liceale si è spostata a Milano per inseguire il suo sogno: una carriera nella moda. 
«Arrivata a Milano non ho avuto il coraggio di frequentare uno studio di fashion perché in Ticino tutti me lo sconsigliavano – racconta Lisa –. Qui da noi lavorare nella moda non è visto di buon occhio. Così mi sono iscritta a uno studio di scienze politiche». Ma quando uno ha una passione è solo una questione di tempo prima che trovi la sua strada. E così è stato anche per Lisa. Lo studio in scienze politiche non faceva per lei. Dopo neanche un semestre ha abbandonato l’università e, libera da impegni, ha potuto concentrarsi sul suo vero interesse: la moda. Era nella città giusta, Milano, capitale della moda, ora doveva solo trovare lo studio giusto per realizzare il suo sogno. «Mi sono iscritta a dei corsi all’Istituto Marangoni, una delle scuole di moda più prestigiose e antiche – racconta Lisa – e non sono più tornata indietro». 

I primi riconoscimenti

Lisa ha talento nel creare i vestiti. Verso la fine del suo studio è stata scelta dalla prestigiosa rivista Vogue tra i 200 talenti emergenti dell’industria della moda. Grazie alla notorietà, ha ricevuto diverse offerte di lavoro da marchi molto famosi. Per qualche mese ha anche lavorato per un’azienda del settore a Milano, ma si sentiva soffocata. Un semplice ingranaggio della catena di produzione che doveva solo sfornare disegni di vestiti uno dopo l’altro a ritmi elevati. «Sono tornata a Locarno e ho lavorato in altri ambiti – racconta Lisa –. E così ho scoperto il mio spirito imprenditoriale. Mi piaceva essere attiva in diversi campi. Svolgere compiti differenti. «È così nata l’idea di creare i propri vestiti. Grazie all’aiuto di altri creativi attivi nel cantone ha mosso i primi passi fino ad arrivare nel 2016 a creare il proprio marchio: «LP4». Adesso ha un atelier-boutique a Locarno dove produce e vende i suoi vestiti. Lo spazio è condiviso con altri due creativi ticinesi, Vanessa Venturi e Sami Perucchi del marchio «mae».
Lisa è convinta che l’industria della moda debba cambiare e non è l’unica a pensarlo. Proprio lo scorso marzo le Nazioni Unite hanno lanciato l’alleanza per una moda sostenibile (Alliance for Sustainable Fashion) che promuove progetti e politiche per diminuire gli impatti negativi dell’industria della moda.

L'impatto ambientale

Ma perché proprio la moda? Quando pensiamo ai settori con un effetto dannoso sull’ambiente, ci vengono in mente solitamente altri ambiti, come la produzione di energia, i trasporti o l’agricoltura. Tuttavia, l’industria della moda è considerata dalle Nazioni Unite il secondo settore più inquinante al mondo. Il modello di business dominante è quello del fast fashion, secondo cui ai consumatori vengono offerte sempre nuove collezioni a prezzi bassi così da incoraggiarli a cambiare i vestiti molto frequentemente. I giganti del fast fashion come H&M e Zara propongono nuove collezioni addirittura settimanalmente e a prezzi stracciati. Molti esperti ritengono che questo modello di business sia responsabile degli impatti sociali e ambientali negativi dell’industria della moda. 
I numeri parlano chiaro. L’industria della moda consuma ogni anno 93 miliardi di metri cubi d’acqua. Una quantità sufficiente per permettere a 5 milioni di persone di vivere. Inoltre, la produzione di vestiti e calzature è responsabile dell’8% delle emissioni globali di gas serra e produce il 20% delle acque di scarico globali. Mentre ogni secondo, un camion pieno di vestiti viene buttato in discarica o bruciato. 

Sprechi e nuove sensibilità

Siamo diventati dei divoratori di vestiti. Ne compriamo sempre di più per usarli sempre meno. Secondo il rapporto di McKinsey sullo stato dell’industria della moda 2019, compriamo in media il 60% di capi d’abbigliamento in più rispetto a 15 anni fa e li teniamo per la metà del tempo. I vestiti sono diventati prodotti usa e getta. La metà dei vestiti nuovi che compriamo ogni anno non li indossiamo nemmeno o solo raramente. Visto il nostro enorme consumo di vestiti è fondamentale che i capi d’abbigliamento vengano prodotti in modo più etico e sostenibile possibile.
L’industria della moda si sta piano piano accorgendo che il settore deve cambiare. Secondo il rapporto di McKinsey, la sostenibilità per la prima volta nel 2019 è stata nominata dai top executive del settore come una delle sfide più importanti che l’industria deve affrontare. Il concetto si sta evolvendo da un semplice mezzo per migliorare l’immagine dell’azienda a una vera e propria strategia aziendale radicata nel modello di business. La società di abbigliamento outdoor «Patagonia» per esempio produce giacche in poliestere da bottiglie di PET riciclate. Mentre l’azienda canadese di abbigliamento «Novel Supply» ha implementato un sistema di raccolta di abiti usati grazie al quale i clienti possono restituire i loro vestiti quando non li indossano più, in modo che l’azienda possa riciclare e riutilizzare i materiali.

Una moda più ’lenta‘

Nonostante i buoni propositi di alcune aziende, però, l’unico modo per rendere davvero sostenibile la moda è porre fine alla cultura del fast fashion. Raddoppiare la durata di utilizzo di ogni capo di abbigliamento infatti permette di dimezzare le emissioni di gas a effetto serra dell’intero settore. Un principio questo che è al centro dell’idea dello slow fashion. 
A differenza del fast fashion, lo slow  promuove vestiti di alta qualità che durano a lungo. Questo è in definitiva il concetto principale, ma il termine viene usato anche per indicare un gran numero di strategie per rendere la produzione di vestiti più sostenibile. Slow fashion significa anche una produzione con elevati standard sociali e ambientali, un’attenta selezione delle materie prime e un commercio equo e solidale. Il tutto con design all’avanguardia e prezzi accessibili. Il concetto stesso mette in discussione il nostro rapporto con i vestiti. Ci sfida ad avere più cura e attenzione per i vestiti che compriamo e indossiamo.

Produttori e consumatori

«Per me slow fashion è soprattutto la contrapposizione al fast fashion – spiega Lisa –. Il fatto che noi creatori di moda ci prendiamo il tempo di sviluppare i capi senza la frenesia di dover produrre sempre nuove collezioni a ritmi elevati». Per Lisa è stato naturale seguire i principi di una produzione con standard sociali e ambientali elevati. «Quando ho iniziato a produrre i miei vestiti ho conosciuto meglio l’industria della moda – racconta Lisa – ed è stato automatico produrre in modo sostenibile e locale». Per la produzione dei suoi capi Lisa infatti sceglie materiali di qualità e a base naturale che acquista da aziende della regione. I vestiti che confeziona nel suo atelier con l’aiuto dei suoi collaboratori sono allo stesso tempo trendy, sostenibili e a prezzi accessibili. 
Lisa non è l’unica a promuovere vestiti di qualità, equi ed ecologici. In Svizzera ci sono sempre più marchi e stilisti che mettono la qualità prima della quantità. Marchi svizzeri famosi per la moda maschile e femminile sono per esempio «Jungle Folk», «Komana», «Etris» e «ZRCL». Mentre «Rotauf» punta sull’abbigliamento outdoor con capi realizzati in Svizzera e con materie prime preferibilmente prodotte da noi. Una tendenza, quella dello slow fashion, che promuove la creazione e la produzione di vestiti nel nostro Paese. Forse nei prossimi anni anche noi avremo un’industria della moda di successo, grazie a consumatori più attenti ai vestiti che comprano e indossano.

IN CIFRE

6’000: sono gli impiegati nel meta-settore della moda in Ticino (che include attività produttive, commerciali e logistica). Sono circa 40 le aziende attive in questo comparto.
1’500: sono gli impiegati nel settore della produzione di vestiti nel nostro cantone; circa 7 le aziende impegnate.
2’600 franchi: è il salario minimo del Contratto collettivo di lavoro (CCL) per gli impiegati nella produzione di vestiti.
(fonti: TicinoModa e sindacato OCST)

PRODUZIONE & RICICLAGGIO

› Il consumo di vestiti in Svizzera dal 1950 ad oggi è quintuplicato.
› Oggi in media ogni svizzero compra annualmente più di 60 articoli d’abbigliamento e butta via circa 15 chilogrammi di vestiti.
› La metà dei vestiti scartati viene consegnata alla raccolta differenziata; l’altra metà finisce nel cestino della spazzatura e viene bruciata in un inceneritore.
Due terzi dei vestiti consegnati alla raccolta differenziata sono in buono stato e vengono rivenduti all’estero principalmente in Europa dell'Est, Russia e Africa. Il resto viene riutilizzato per produrre stracci o materiale isolante.
› La maggior parte dei vestiti oggi è composta da tessuti misti che non possono essere riciclati per produrre nuovi vestiti.
› I vestiti consegnati alla raccolta differenziata possono solamente essere rivenduti come abiti di seconda mano, oppure riutilizzati per produrre prodotti di qualità inferiore (stracci, materiali isolanti).
› In futuro, per poter riutilizzare i materiali per la produzione di nuovi vestiti, sarà necessario sviluppare tecnologie che permettano di estrarre le singole fibre dai tessuti misti oppure creare vestiti di un unico tessuto adatti al riciclaggio.

 

Lisa Pomari - © Lucia Fatima
Guarda le 3 immagini
© Regiopress, All rights reserved