Ticino7
25.01.2020 - 14:500

Diventare magre? E perché mai...

Le ragioni che portano una donna a perdere i chili di troppo possono essere molte e comprensibili. Ricevere dei complimenti, per esempio.

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, disponibile anche nelle cassette di 20 Minuti per tutto il fine settimana.

Nel giorno in cui un digital humanist vi apparisse come collegamento LinkedIn potreste imbattervi – come è accaduto a qualcuno di mia conoscenza – in una foto della cantante Adele, notevole in quanto enormemente dimagrita. Divorziata da poco e mamma di un bimbo di sette anni, la talentuosa cantante avrebbe perso circa una trentina di chili grazie a una dieta che prevede sport, no alcol, no zuccheri e soprattutto una combinazione di cibi particolare in grado di «attivare il gene della magrezza». 
Prima di cercare su Google Maps il gene della magrezza e cliccare su «calcola percorso», vorrei che i miei quattro lettori si fermassero un momento per seguire alcuni ragionamenti che solo inizialmente parranno divagazioni, ma a un determinato punto del percorso appariranno nella loro indiscutibile e convincente chiarezza.

Salute o magrezza?

Cercando le foto di «Adele dimagrita» vedrete la circonferenza della vita, quella delle braccia, la possibilità (impensabile per un «grasso») di incrociare le gambe con i polpacci sotto le cosce. Vedrete anche un seno non più prosperoso, delle guance smunte, un’espressione smarrita di chi non sa come dirigere un corpo improvvisamente ridotto a un terzo di quello precedente. Ascolterete qualcuno notare quanto fosse sorridente prima e quanto paia preoccupata adesso. Come a dire che prima pensava di addentarsi una mortazza e ora è schiacciata dalla mestizia della vellutata di finocchio.
A quel punto qualcuno vi farà notare che si può anche perdere il sorriso – perché i «grassi» sorridono sempre, probabilmente cantano svuotando la dispensa accompagnati da un nero con il senso del ritmo –, se in ballo c’è la salute. La salute, sia ben chiaro, non la magrezza
Del resto i tabloid ci informano che la stessa Adele avrebbe deciso di rimettersi in forma per suo figlio, Angelo, che evidentemente merita una madre sana. Il fatto che questo coincida con una madre magra, signora mia, è solo un caso fortuito. 

Il fattore ’vestitini‘

Eccola la contraddizione inaccettabile: se un’agenda per i risparmi di casa (ricorderete il mio Kakebo dello scorso 10 gennaio; Ticino7 nr. 2/2020) può e deve prometterci la felicità, da una dieta non possiamo aspettarci nulla se non la salute. A questo punto la rubrichista, che casualmente è reduce dalla perdita di svariati chili e impegnata nel folle volo della prosecuzione per gli ultimi cinque maledetti che la separano dalla felicità eterna, sbotta e dà in escandescenze. 
Nessuna donna «grassa» o anche solo pingue ha il coraggio di dire che si è messa a dieta per muoversi con più disinvoltura sugli uomini che le interessano e per allacciare la zip dell’abito nuovo senza rischiare l’asfissia. Nessuna racconta della soddisfazione inenarrabile di portare al braccio la borsa che ci si è regalate al traguardo dei primi 10 chiletti persi. La salute è una roba da maschi oppure per chi non ha il coraggio di rivelare quante materialissime e frivolissime soddisfazioni ci si possa prendere con dieci, e dico dieci, chili in meno. 
No, la dieta non si fa per stare bene con sé stesse. La dieta si fa per indossare cose sbracciate e strette in vita anche in inverno, tornando a casa con la polmonite pur di sentirsi chiedere: «Ma come hai fatto? Stai benissimo!». 

© Regiopress, All rights reserved