Aarau
1
Xamax
1
fine
(0-1)
Langnau
4
Lugano
7
fine
(1-3 : 2-3 : 1-1)
Ginevra
3
Zurigo
0
fine
(2-0 : 0-0 : 1-0)
Friborgo
5
Bienne
3
fine
(2-0 : 2-2 : 1-1)
Davos
4
Berna
3
fine
(2-0 : 1-2 : 1-1)
Zugo
11
Ajoie
0
fine
(2-0 : 3-0 : 6-0)
Visp
2
Turgovia
3
fine
(0-0 : 2-0 : 0-2 : 0-1)
Olten
2
Zugo Academy
0
fine
(1-0 : 0-0 : 1-0)
Kloten
2
La Chaux de Fonds
1
fine
(2-0 : 0-1 : 0-0)
Ticino Rockets
1
Langenthal
8
fine
(0-3 : 1-2 : 0-3)
Sierre
4
GCK Lions
2
fine
(2-1 : 1-1 : 1-0)
cinema-correva-l-anno-1999
American Beauty
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
4 gior

Diaframma. A ‘Gennaio’ fa freddo, anche a Firenze

“Nessun senso di colpa, non è importante per me / tu non stare in pensiero, è solo un finto cuore”
Ticino7
6 gior

La bacchetta magica di Elena Schwarz

Nata a Lugano nel 1985, le sue radici affondano fra l’Engadina e l’Australia. Direttrice d’orchestra, la musica è la colonna sonora della sua esistenza
Ticino7
6 gior

Vasco Rossi a Locarno. Cosa succede(va) nel 1985?

A pochi giorni dal 70esimo compleanno di Vasco Rossi, ricordiamo attraverso la lettura dei giornali dell’epoca l’incredibile controversia di Piazza Grande
Ticino7
6 gior

Ai margini: riflessioni su chi c’è, ma non si fa notare

Una società senza asociali o è morta oppure è una dittatura. Perché abbiamo molto da imparare da chi non ama i riflettori
Ticino7
6 gior

La scelta del ‘profilo basso’

ʻPiù piccola è la mente più grande è la presunzioneʼ. Esopo aveva ragione, si sa
Ticino7
1 sett

Braccati e in fuga con Matula (e i Pink Floyd)

Metti una sera davanti alla TV. In onda una vecchia puntata del classico “Ein Fall für Zwei”, ma il bello è quello che si sente in sottofondo...
Ticino7
1 sett

L’arte ‘sociale’ di Manuela Villa-Petraglio

"Vado in studio, resto lì… a respirarne l’aria, tasto l’atmosfera, cerco di estraniarmi dal mondo esterno per entrare in una comunicazione con me stessa”
Ticino7
1 sett

Lassù, tra le cime. La vita dello stambecco alpino

Appartiene al superordine degli ungulati e domina le valli dalle vette dell’arco alpino dove esibisce, con portamento fiero, le sue maestose corna
Ticino7
1 sett

Radio e TV: la staffetta di Carla e Lara

“Scrivi più su di lei, mi raccomando!”. “Ma no, ma no, scrivi più su di lei!”. Vabbè, dai... intanto iniziamo a raccontarvi che c’è di nuovo alla RSI
Ticino7
1 sett

Giornata mondiale della neve. Una scuola coi fiocchi

Il 16 gennaio si celebra la Giornata mondiale della neve. Una ricorrenza istituita nel 2012 per ricordare (anche) la sua importanza per il nostro pianeta
Ticino7
1 sett

Ghiacciaio del Chüeboden. Una storia di piccoli iceberg

In un recente volume, il meteorologo e glaciologo Giovani Kappenberger ripercorre la nascita e la scomparsa di un fenomeno inedito per le nostre regioni
24.12.2019 - 14:200

Cinema: correva l’anno 1999

Vent’anni fa i cinema proiettavano sequenze che influenzeranno un’intera generazione, la mia. Sapranno gli ‘eroi’ di oggi fare altrettanto?

Credo che ricorderò il 2019 come l’anno in cui il 1999 ha compiuto 20 anni. Il 1999, per me nata nel 1984, rappresenta forse il primo anno in cui mi sono percepita come individuo, come persona parte di qualcosa di più vasto, qualcosa che andava oltre i miei amici, la mia scuola, la mia famiglia: mi sono vista come parte di una società, una comunità, addirittura di un pianeta. Una presa di coscienza che devo certamente ai chiassosi pranzi in famiglia ma che attribuisco anche ad una serie di film, divenuti ormai dei classici, usciti in sala proprio nel 1999. Sono i film che hanno segnato la mia adolescenza e che appartengono alla mia generazione: non li abbiamo ereditati da nessuno. 

Spirito del tempo

Mi ha sconvolto vederli compiere 20 anni ma soprattutto mi ha sconvolto capire che impatto devono aver avuto quei film – che rappresentano quello specifico Zeitgeist, quel preciso spirito del tempo – su dei 15enni, degli adolescenti. Nel 1999 in sala usciva American Beauty, un film dove ogni elemento dell’ipotetica vita perfetta del modello statunitense veniva distrutto e messo in dubbio. Usciva Matrix, dove quella che credevamo realtà era in verità una simulazione al computer. C’era anche l’horror low budget girato esattamente come un video amatoriale The Blair Witch Project, un caso di studio per tutto il settore, dove il confine tra documento, testimonianza e finzione veniva messo in discussione. 
Del 1999 anche EdTv, dove si simulava un primo tentativo di reality show, e Fight Club, film dove un uomo crea un alter ego per radere al suolo le fondamenta della vita moderna votata al consumismo tramite una rete di club clandestini che si trasformano in cellule terroristiche.
In sintesi, dei film che ci parlano di dubbio, disillusione, una realtà manipolata che non puoi comprendere o controllare. Modelli di vita e di condotta fasulli e fragili, degli obiettivi e dei progetti irrealizzabili, un sistema globale ingestibile destinato al fallimento. 
Davano anche film divertenti al cinema nel ’99, ma il mood, l’aria che tirava era questa qui. Un bel cambio di rotta per chi da bambino era cresciuto con eroi buoni come Indiana Jones o grandi esempi di gioco di squadra tra Goonies, Guerre Stellari e la Storia infinita. Dove sono finiti tutti quanti? In uno scantinato a picchiarsi o a decidere se prendere la pillola rossa o la pillola blu.

Salvatori del mondo

Questa decisamente semplicistica analisi della mia generazione letta attraverso una manciata di film, in realtà, giustifica in parte la visione diffusa che c’è della gente della mia età, una fotografia nella quale ammetto di riconoscermi: tendenzialmente paranoici, ipocondriaci, confusi nel chiederci come mai non abbiamo più i piani che avevano i nostri genitori e al contempo fermamente convinti di non volerli quei piani, giudicandoli stupidi vincoli stabiliti da chissà chi. Cresciuti tra consumismo e benessere siamo stati catapultati – sulla soglia dell’età adulta – verso il precariato e la crisi finanziaria perenne. Ecco quanto ci avevano visto giusto ottimi film come American Beauty o Fight Club.
I 15enni di oggi stanno crescendo a forza di supereroi della Marvel e della DC, gli Avengers ma anche l’ultimo interessante Joker. Vedremo che influenza avranno su di loro: forse salveranno davvero il mondo. 

Nota al testo
Questo contributo della giornalista Chiara Fanetti è stato scritto per la rubrica «Il Corsivo» nell'ambito della trasmissione Verde Aurora (RSI-Rete Due, 10/10/2019)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved