laRegione
Nuovo abbonamento
donne-passioni-amori-e-morte
+3
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
6 gior

Fuerteventura o il vento che spettina i pensieri

“Se non ci fossero gli alisei qui saremmo fritti e a farla da padrone sarebbe Calima e ci farebbe rosolare come in un forno".
Ticino7
6 gior

Lugano, ritorno a SlowLake

Dagli appunti del Covid-19 ecco una Zurigo viva a metà, l’ex Bronx alla Foce di Lugano e l’improvvisazione.
Ticino7
6 gior

Quattro pugni (di vita) con Americo Fernandes

Nato a Capo Verde, sul ring ci arriva all’età di 18 anni e nel 1985 si trasferisce in Ticino. Volete incontrarlo? Aprite la porta del Boxe Club Locarno.
Ticino7
6 gior

1990-1999: mille e non più mille?

Riflessioni apocalittiche e poco integrate ricordando un decennio che non era poi così male, dai.
Ticino7
1 sett

Di Novanta ce n'è uno

È opinione comune considerare i Cinquanta e i Sessanta come i migliori decenni del Novecento. Ora, provate a fare mente locale...
Ticino7
1 sett

Menefreghismo e inciviltà sulle rive del Brenno

Metti un tardo pomeriggio a Biasca e la voglia di farsi un bagno rinfrescante sulle rive del fiume. Scansando i rifiuti, naturalmente.
Ticino7
1 sett

Il caldo e la vita (passando dai capelli)

L’estate scorsa pedalavi in bicicletta col vento tra i capelli e tutto quel fiorato che svolazzava. Oggi il tuo riflesso in una vetrina ricorda la bidella delle scuole...
Ticino7
1 sett

Da schiavi a criminali: colpevoli di essere sé stessi

Un libro e un documentario "senza se e senza ma" per comprendere le origini delle discriminazioni vissute dalla comunità afro-americana statunitense.
Ticino7
1 sett

Storie di vita. La Regina che mi aprì gli occhi

1992, North Carolina. Io lavoravo per una multinazionale della carne, lei venne a lavorare come ricezionista. Ma un brutto giorno...
Ticino7
1 sett

Il nostro razzismo. Chi ha paura dell'uomo nero?

L'artificioso concetto di razza rimane un segnaposto all’interno di un sistema a forma di piramide fatto di diritti e privilegi politici, economici, giuridici e sociali. Anche in Svizzera.
Ticino7
09.12.2019 - 11:150

Donne, passioni, amori e morte

Racconti di femmine tentatrici, di uomini disarmati e di vortici senza uscita. Da Giovanni Verga a Nick Cave.

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, disponibile anche nelle cassette di 20 Minuti per tutto il fine settimana.

Storie di passioni, eros, amori e sangue. Di donne tentatrici, spregiudicate, di sessualità animalesca, di vortici nei quali si entra senza più uscirne (vivi). Di uomini deboli e accecati dalla carne, perduti e impotenti. Roba da farsi il segno della croce, atto che non si risparmiano le figure femminili della comunità siciliana dove vive Gnà Pina, per tutti «la Lupa», viste le sue credenziali fisiche e diabolicamente ammaliatrici. E titolo di una nota novella di Giovanni Verga, che Alberto Lattuada mise anche in pellicola nel 1953. Tutti cadono nella ragnatela della donna, il giovane Nanni per ultimo, avvinghiato dalla Lupa utilizzando la dolce e impotente figlia Maricchia come esca (che nel ragazzo pensava di aver trovato l’uscita dal suo Inferno). Ma la Lupa divora tutto; solo la sua uccisione sotto un torrido sole porrà fine, pragmaticamente, al male e al Diavolo. Tempi lontani, direte, scanditi da stregonerie e capri espiatori... ma anche no.
«On Jubilee Street there was a girl named Bee / She had a history, but no past» canta Nick Cave in Jubilee Street, oggi un classico delle esibizioni dal vivo del genio creativo australiano. È un brano che cresce, monta, tocca corde e racconta di umanità, di paure, di vuoti e di attese. Lei, Bee, fa il lavoro più vecchio del mondo; lui ne è perdutamente ossessionato: «Le tende sono chiuse / i mobili sono spariti / Mi sto trasformando / Sto vibrando / Sto brillando / Sto volando / Guardami adesso». E ora che la ragazza non c’è più, che ne sarà di lui? Da vedere il video diretto da John Hillcoat con l’attore Ray Winstone.

«Aveva un piccolo libro nero / e il mio nome era scritto su ogni pagina / Beh, una ragazza deve sbarcare il lunario / persino in Jubilee Street»
(dal brano Jubilee Street, Nick Cave & The Bad Seeds nell'album Push the sky away, 2013)

«Nanni spalancò gli occhi imbambolati, fra veglia e sonno, trovandosela dinanzi ritta, pallida, col petto prepotente...»
(dalla novella La Lupa, Giovanni Verga, 1880)

 

Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved