laRegione
il-mondo-di-stella-n-djoku
© Ti-Press / Pablo Gianinazzi
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
3 gior

Ricordando Giovanni Boggini

"Un buon formaggio lo senti prima che diventi formaggio. Lo senti con le mani e col naso. Come ci si arriva, a parole, non te lo so spiegare”.
Ticino7
3 gior

QAnon: i complottisti e Donald Trump

Immaginate i Clinton e Obama a capo di una setta satanista, con divi del cinema, il Papa e il Dalai Lama. No, non è la trama di un film...
Ticino7
3 gior

Di bronchi e shampoo

Se non ti cambi le mutande ogni giorno, ripeteva sempre mia nonna, come farai il giorno in cui ti porteranno in ospedale?
Ticino7
4 gior

Per capire il Kosovo

Il paese che esiste per alcuni, ma non per altri. Dove i ponti diventano muri e la storia non si dimentica
Ticino7
4 gior

La pandemia e le strategie asettiche

La mascherina è fondamentale per proteggersi e proteggere gli altri. In molti, invece, pare si stiano dimenticando delle loro manine
Ticino7
1 sett

This War of Mine: quando i videogiochi entrano a scuola

I 'serious games' possono essere utilizzati per studiare temi importanti come la storia e la guerra. Sta succedendo in Polonia con un gioco davvero originale
Ticino7
1 sett

Erminio Ferrari e il valzer per un amico

Pubblichiamo un racconto dall'ultimo libro del giornalista e scrittore morto in montagna mercoledì scorso: una storia di amicizia, cime, musica e tutto il resto
Ticino7
1 sett

710 Ashbury Street: il ‘gruppo locale’ dei Grateful Dead

Considerati la band psichedelica per definizione, i Grateful Dead sono stati un fenomeno artistico centrale nella storia della controcultura americana.
Ticino7
1 sett

La Ficcanaso, la Ferragni e la seconda gravidanza

La già lunga lista di “cose che dobbiamo imparare da Chiara Ferragni”, si è arricchita, qualche giorno fa, di un nuovo importantissimo capitolo
Ticino7
2 sett

Depilazione: cosa ci dice un pelo

Farlo o non farlo. Per alcune è diventato un dilemma. Per altre una questione di moda, di rivendicazioni e a volte di semplice pigrizia.
Ticino7
2 sett

Sport e disturbi psichici. Ombre accanto al ghiaccio

Negli sport di squadra il tasso di burnout e abuso di alcol tocca il 5% dei giocatori, per ansia e depressione si arriva al 45. E in Ticino?
Ticino7
2 sett

Una tazzina con Jean-Claude Luvini

Importa caffè certificati provenienti principalmente dall’Uganda. Prodotti molto richiesti, soprattutto da chi crede nell'economia equo-solidale.
Ticino7
2 sett

Ciccia, bellezza e differenze

Vanessa Incontrada si mette nuda e ricorda a tutte (e tutti) di essere sé stessi. Lei può, perché è il suo mestiere: noi no, perché facciamo altro.
Ticino7
2 sett

Tu cercali, se vuoi, nellʼuovo

Oggi non esiste uomo (probabilmente) che non si sia mai tolto qualche pelino di troppo. Sarà un problema di bellezza.
Ticino7
3 sett

Il destino e il lusso della verità

La domanda è: si può imparare a fingere? Sì, ma solo esercitandosi molto, con metodo e rigore. Solo, soprattutto, iniziando con sé stessi.
Ticino7
09.12.2019 - 11:150

Il mondo di Stella N'Djoku

Nelle sue vene scorrono i profumi di terre vicine e lontane. Radici che le permettono di aprirsi e cercare un dialogo universale.

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, disponibile anche nelle cassette di 20 Minuti per tutto il fine settimana.

È davvero un bel mix quello di Stella N’Djoku: la mamma è nata a Berna da genitori italiani (nonna friulana, nonno pugliese) e cresciuta in Ticino, mentre il papà è giunto a Lugano dalla Repubblica democratica del Congo all’inizio degli anni Ottanta per motivi di studio e di lavoro. «Ho parenti e cugini sparsi un po’ in tutto il mondo: in America, in Africa, in Inghilterra, in Italia, in Belgio, in Argentina. Se volessi fare il giro del mondo, troverei quasi sempre un approdo». Una grande apertura, dunque, per questa ragazza 26enne che, anche grazie alle sue molteplici radici, ha scelto di intraprendere nella sua vita di studio e lavorativa dei percorsi che avessero a che fare con la comunicazione, il dialogo, la conoscenza reciproca, l’integrazione.

Duplice attività

Durante il Bachelor in Filosofia, alla Facoltà di Teologia di Lugano, Stella si è lanciata in una duplice attività, quella giornalistica e quella di insegnante di religione. «Nelle mie lezioni cerco di educare i ragazzi all’intelligenza emotiva, all’empatia, alla tolleranza, al rispetto. Dico sempre ai miei studenti che lo spirito critico e un buon utilizzo della lingua sono i nostri fondamentali: se non sai dirmi perché ti piace il gelato, allora come farai a rispondere a chi ti chiederà se credi in Dio?; e poi ci occupiamo delle piccole intolleranze quotidiane. Così divido le mie lezioni in tre parti: conoscenza dei testi sacri, religione e vita quotidiana, e poi l’attualità». Ed è proprio l’attualità, in fondo, a collegare l’insegnamento con la comunicazione: «Già da quando ho incominciato a studiare, avevo una grande passione per il giornalismo. Pochi mesi dopo l’inizio dell’università collaboravo con alcuni quotidiani del cantone e il sito catt.ch, e in seguito sono approdata in RSI. Ma l’inizio di tutto è stato il mensile studentesco L’Universo, del quale sono stata anche direttrice e per il quale ho creato diversi eventi. Attualmente collaboro ancora, da esterna, con alcuni di questi media e da qualche mese posso continuare queste attività anche all’Università della Svizzera italiana».

La poesia 

Un’altra grande passione della nostra interlocutrice è la scrittura, più precisamente la poesia, tanto che qualche mese fa ha pubblicato la sua prima raccolta, intitolata Il tempo di una cometa (ed. Ensemble). «Tutto è nato – ci spiega – quando ero bambina. Mi piaceva tanto leggere e recitare le poesie. Ho sempre amato in particolare le filastrocche, soprattutto quelle di Gianni Rodari. Ho scritto tanto e di tutto: racconti, filastrocche, fiabe e poesie». Nel 2012 Stella è arrivata quarta al Premio Chiara Giovani, con il racconto «Il Carillon». Poi è tornata alla poesia. «La raccolta che ho pubblicato è nata nel giro d’un anno e mezzo, ma racconta di esperienze che risalgono anche a 10 anni fa, alla morte di mio nonno, che ha cambiato tutto, e poi ad altri amici che mi hanno lasciata. Avevo bisogno di pacificarmi, di elaborare la mia sofferenza, di trasformarla in qualcosa di positivo, in speranza, in fiducia: spero sempre che gli addii non siano definitivi, che quando saremo ‘scie luminosissime’, come scrive Mariangela Gualtieri, donna e poetessa che amo, ci riconosceremo, ci riabbracceremo».

Conoscere le varie religioni

Ma gli impegni di Stella N’Djoku non si fermano qui. È infatti responsabile per la Svizzera italiana del progetto interreligoso nazionale «Dialogue en route», ideato da IRAS-COTIS, la Comunità di lavoro interreligiosa in Svizzera. Di cosa si tratta? «Vogliamo offrire a classi scolastiche, gruppi, ma anche singole persone, dei percorsi alternativi di conoscenza della regione. Invitiamo a visitare luoghi culturali e religiosi della Svizzera italiana che abbiano a che fare con le varie fedi presenti sul nostro territorio: cristianesimo, islam, ebraismo, buddismo... Al momento in Ticino abbiamo undici partner e stiamo riscontrando un discreto successo».
Una ragazza dai molti interessi e dalle mille sfaccettature, dunque, un vulcano sempre in eruzione... «La mia vita è sempre frenetica, per cui mi piacerebbe, in futuro, trovare la mia Itaca, un porto sicuro in cui approdare e che mi dia un po’ più di calma. Ma sono contenta di quello che faccio». E i progetti non le mancano di certo: «È ancora tutto in cantiere, ma sono idee legate al media radiofonico, ma anche alla scrittura. In questo caso però non si tratterà, almeno per ora, di poesie, ma di progetti rivolti all’infanzia, dei luoghi per trovare anche qualcosa di sé. È anche per questo che vorrei ritornare a pubblicare di più sul mio blog, (stellandjoku.wordpress.com, ndr), che ultimamente ho un po’ trascurato».

IL PERSONAGGIO

Stella N’Djoku è nata il 27 giugno 1993 a Locarno. Nel 2017 ha conseguito il Bachelor of Arts in filosofia alla Facoltà di Teologia di Lugano. Attualmente è impegnata con un Master of Arts in Scienze, filosofia e teologia delle religioni nella stessa facoltà. È attiva nell’insegnamento della religione cattolica (nell’anno scolastico 2019-2020 alle Scuole medie di Bellinzona 1 e Riva San Vitale), nel giornalismo e nella comunicazione. Oggi vive a Lugano. 

Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved