laRegione
Nuovo abbonamento
© Italian Image Institute
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
2 gior
Amarcord Italia ’90
Più che di un Mondiale da dimenticare per molti tifosi, quello andato in scena tra giugno e luglio di trent’anni fa è stato il ritratto di un paese con ancora molte idee, nonostante i soliti immancabili difetti.
Ticino7
2 gior
Minimal Minüs: la pandemia vista da Piazza Grande
A grande richiesta, nuovi appunti dal Covid-19. Questa volta è un fuori porta tutto locarnese, tra rive più ampie, gatti smarriti e salatissimi grotti (ahi ahi…)
Ticino7
2 gior
Il lungo cammino di Lokman Kadak
Nei luoghi in cui il vento della storia soffia ostile, le esistenze si consumano più velocemente. “Ho 42 anni, ma sono diventato come un anziano” racconta, riferendosi a tutte le avversità affrontate nella sua vita.
Ticino7
2 gior
Videoconferenze. L’ospite inatteso
Tra gli effetti collaterali interessanti della pandemia vi è la smaterializzazione dell’incontro con l’altro. Una tendenza peraltro già in atto da tempo, ma in questo frangente...
Ticino7
2 gior
Indovina chi c’è nel video?
Le videoconferenze non sono più materia per le solite grandi aziende. Ma una volta connessi, non pensate solo alla vostra immagine sullo schermo: anche i contenuti hanno una discreta rilevanza...
Ticino7
1 sett
Elogio della gratitudine
Desiderate iniziare con il piede giusto questo nuovo decennio ed essere felici? Provate con grandi dosi di gratitudine: costo zero e risultati scientificamente provati.
Ticino7
1 sett
Emanuele Santoro: finché c'è vita, c'è teatro
Attore, regista, direttore artistico del teatro "il Cortile" a Lugano, oggi definitivamente chiuso causa di un nuovo progetto edilizio. Ma lui, quel bisogno di mettersi in gioco ce l'ha proprio dentro.
Ticino7
1 sett
Evviva l'impunità di gregge
L’emergenza coronavirus ha confermato quanto oggi (ahinoi) dibattiti e confronti, pacati e costruttivi, siano la vera vittima delle nostre società. E così alla fine chi grida forte e vuole avere sempre ragione non sbaglia mai.
Ticino7
1 sett
All'outlet dell'intimo
Metti un giorno che, tanto per provare l'emozione che fa, entrate in uno di quegli spazi di vendita dove tutto costa meno...
Ticino7
1 sett
Turismo che va, turismo che resta
In inverno, a contarle una per una, non arrivi a quaranta anime. Ma da giugno a ottobre le cose cambiano (non in meglio).
Ticino7
2 sett
Disturbi mentali. Ai confini della realtà
André ha dovuto imparare a sopravvivere a un mondo di allucinazioni e deliri. Ma non è l’unico: una persona su cento soffre della stessa malattia.
Ticino7
2 sett
Sulle tracce di Pun Ka-Man
Per tutti, colleghi di polizia compresi, lei è ‘Pops’ e il suo mestiere ha quel nonsoché di cinematografico: veste la tutina bianca e si reca suoi luoghi del crimine...
Ticino7
2 sett
Bologna e le staffette alimentari partigiane
L’aiuto ai ‘tagliati fuori’ della pandemia nell’esperienza di un giovane bellinzonese nel capoluogo emiliano.
Ticino7
2 sett
Woody Allen: a proposito di citazioni
“Se potessi tornare indietro, cosa non farei? Comprare l’affettatutto che ho visto in televisione”.
Ticino7
2 sett
Gente di mondo
Si convinse che in paese cambiare auto era un atto di coraggio un venerdì, mentre faceva benzina al solito distributore...
Ticino7
3 sett
The Murder Capital: delitto bernese
Forse il rock non starà vivendo i suoi anni migliori. Ma se non vi fermate alle solite programmazioni radiofoniche, le sorprese sono dietro l'angolo (da Dublino a Berna).
Ticino7
3 sett
Il galateo della distanza
Fate un po' come vi pare: uscite, divertitevi che ve lo meritate, ma occhio alle distanze. E siate (almeno per i social) politicamente corretti, in attesa del caos e della vita vera.
Ticino7
3 sett
Lambo, er gigolo romano
All’alba è già in piedi. Un quarto d’ora di doccia ed eccolo che emerge dalla foschia del minuscolo bagno...
Ticino7
3 sett
Oltre i confini. Da Sarajevo a Bironico
I conflitti degli anni Novanta nella ex Jugoslavia hanno condotto molte persone verso il Ticino. Da dove vengono, cos’hanno portato con loro e come vivono nel nostro cantone?
Ticino7
3 sett
Era bello e impossibile
Dedicato a chi vive di conquiste, di ricordi e in un mondo che forse non c’è più. Dedicato a chi non smette di provarci, sognando (sempre) Richard Gere.
Ticino7
3 sett
La grande notte dei single
L'altro giorno un amico mi chiama per dirmi che ha finito Pornhub: nel senso che ha visto tutto. Ma tutto tutto, anche quelle categorie che uno ha paura a cliccare...
Ticino7
4 sett
I colori di Natascia Maurino
‘Il colore di questo 2020 è il classic blu, una tonalità senza tempo, elegante nella sua semplicità’. Come quello intenso del mare che bagna la sua Sicilia.
Ticino7
1 mese
La natura che cambia
In che modo i mutamenti climatici e l’innalzamento della temperatura influenzano la flora e il paesaggio? L’opinione di Gianfranco Giustina, curatore dei Giardini delle Isole Borromee.
Ticino7
16.11.2019 - 17:000

E tu, sai di che colore sei?

Tra i 90 milioni di sfumature esistenti ci sono sicuramente cromie in grado di valorizzarci al meglio. Basta trovarle, ma come?

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, disponibile anche nelle cassette di 20 Minuti per tutto il fine settimana.

Ci sono colori che meglio di altri «risuonano» armoniosamente su di noi, ma troppo spesso, ahinoi, ci leghiamo a sfumature che in verità non sempre ci rispecchiano al meglio. Anzi, se sono sbagliati causano l’effetto opposto: ci sminuiscono e ci mortificano, togliendoci la luce di cui ognuno è portatore. Esiste però una allettante soluzione.
La pratica dell’armocromia nasce negli anni Ottanta, tempi di edonismo e di gestione del proprio look, insieme alla Teoria delle quattro stagioni. Un segreto di bellezza tra i più affascinanti per cui, se messo in pratica in modo corretto, donerebbe risultati felici e immediati. Capace di tirar fuori il potenziale estetico di ogni persona e farla risplendere. A rendere l’analisi del colore personalizzata un vero fenomeno di costume fu soprattutto un volume apparso in quel decennio, Color me Beautiful dell’americana Carole Jackson. Prendeva così il via quello che è tuttora il grande business basato sul popolare metodo per migliorare ad hoc il proprio stile e aspetto con beauty e guardaroba.
Secondo questa teoria, la tipologia delle donne (e anche degli uomini, beninteso) si suddivide nelle quattro stagioni: primavera, estate, autunno e inverno. Badate bene, non si tratta del periodo in cui siamo nati, né tanto meno riguarda le stelle e i segni dell’oroscopo. Fa riferimento ai colori di cui siamo portatori, che si rispecchiano nelle diversificate sfumature delle quattro fasi dell’anno solare. Tuttavia, data l’incredibile varietà dei coloriti degli esseri umani e secondo rinnovati concetti, le tipologie stagionali da quattro diventano ben dodici, con tre sottotipi per ogni macro stagione. O addirittura sedici, e pure di più, secondo gli studi sul tema approfondito da Rossella Migliaccio, fondatrice dell’Italian Image Institute e rinnovatrice delle teorie dell’armocromia.

Donna Primavera
La stagione dei germogli e dei prati inondati dai primi tiepidi raggi di sole è caratterizzata da una marea di colori delicati, come il giallino, il panna, il pesca e il verde acqua; ma anche pieni di brio come il corallo, l’arancio, il verde mela, il violetto. Tinte pure e brillanti che si rispecchiano nello stereotipo di donna primavera (ma come già detto vale anche per l’uomo), che ha capelli chiari, ma non chiarissimi, cioè biondo dorato, castano ramato o decisamente rossi, occhi verdi o azzurri screziati da pagliuzze d’oro, pelle con sottotono tendente al beige, spesso punteggiata da lentiggini. Insieme all’autunno, la primavera è considerata stagione calda per l’intensità del croma. Va da sé che la palette del tipo primavera, da utilizzare per trucco e abiti, è molto variegata e in armonia con quella suggerita dalla natura. Da evitare i grigi e il nero. Ha tre sottotipi come i mesi che la compongono e come del resto hanno le altre stagioni. Passa da brillante a chiara ad assoluta, dai toni più luminosi ai più morbidi, ai più caldi e vivaci. Ben rappresentata nell’ordine da personaggi noti quali Mila Kunis, Scarlett Johansson (sotto) e Charlize Theron.

Donna Estate
Come la primavera, l’estate è una stagione chiara, ma le tonalità della stagione «calda» sono più freddine e sfocate. Comprendono tutta la gamma dei blu, mai troppo brillanti, i grigi, i verdi a base blu, i rosa e i lilla. La persona che incarna il tipo estivo ha capelli biondi, biondissimi o castano chiaro con riflesso cenere, occhi celesti o verde azzurrato, incarnato diafano. Portano molto bene le tonalità pastello e madreperlate e mal sopportano i colori troppo vividi e aggressivi. La sottotipologia estiva può essere fredda, leggera o tenue dai colori che da neutri diventano smorzati e poi eterei Si comincia con la delicata bellezza di Kate Middleton che guarda caso veste spesso di blu, per continuare con Gwyneth Paltrow impeccabile nel rosa pallido e lavanda, per terminare con Jennifer Aniston (sotto) al top abbigliata in verde giada.

Donna Autunno
Secondo la teoria delle stagioni, rientra in questa categoria chi ha una carnagione olivastra o nei toni mielati, capelli castani o biondo scuro dai riflessi dorati o ramati, occhi castani o nocciola screziati di ambra e di oro. I colori di riferimento sono quelli della terra e dei boschi autunnali, cioè arancione, bronzo, rame, senape, avorio e verde foresta. Da evitare il rosa confetto, il grigio e il nero. Si tratta della stagione dalla tavolozza più calda, non squillante come quella primaverile, ma più profonda e decisamente ad alta temperatura. Il sottotipo di stagione va dal caldo della mora Madalina Ghenea (sotto), fino al tenue delle bionde alla Giselle Bundchen, passando per il profondo delle rosse alla Julia Roberts.

Donna Inverno
Nella stagione invernale rientrano i tipi con la pelle color ebano, oliva, beige, avorio. I capelli vanno dal marrone scurissimo al nero corvino, tuttavia possono essere anche biondi nei toni platino. Gli occhi sono generalmente molto scuri, ma proprio perché questa è la stagione dei forti contrasti, ci sono donne brune dalla pelle di porcellana e dagli occhi di gemma. La palette che le valorizza abbraccia molti colori limpidi e freddi: il bianco ottico della neve, nero, blu elettrico, magenta, verde smeraldo, il rosso acceso delle bacche e il verde profondo delle conifere. Da evitare i colori della terra. Anche per l’inverno ci sono le tre classificazioni, tant’è che può essere profondo, rispecchiato dalla bellezza esotica di Kim Kardashian, freddo, ritrovato nell’algida Liv Tyler (sotto) o chiaro, quando ha gli occhi di zaffiro di Megan Fox.

LA CITAZIONE
«Ogni persona ha un suo proprio colore, una tonalità la cui luce trapela appena appena lungo i contorni del corpo. Una specie di alone. Come nelle figure viste in controluce».
(dal libro L’incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio di M. Haruki, Einaudi 2013)

SETTE DRITTE PER INIZIARE

Consulente d’immagine 
Se non siete sicuri di riuscire con il fai-da-te per individuare i colori che vi valorizzano, fatevi aiutare da un esperto consulente d’immagine. Da questa analisi dipenderà il successo di tutti i tuoi look. 

Specchio delle mie brame
Mettetevi comodamente seduti davanti allo specchio e a uno a uno accostate al viso i capi del vostro guardaroba, magari già in parte scelti secondo le palette di quella che ritenete sia la «vostra stagione».

Niente trucchi
La pelle deve essere al naturale: impossibile giudicare un colore in base all’incarnato se lo abbiamo coperto di fondotinta e blush!

Semplificare 
Il colore giusto, con il suo potere d’illuminare, vi permetterà pure di usare poco make-up o di semplificarlo.

Amica leale
Chiedete comunque consiglio a persone di cui vi fidate, pronte a promuovere o bocciare ogni sfumatura alla quale vi accostate...

Postazione perfetta
Non dimenticate che la postazione per effettuare il test deve essere ben illuminata (ma senza luce solare diretta).

Décolleté libero 
Niente abiti accollati: è fondamentale che nessun altro colore si interponga tra la vostra pelle e l’abito/cromia da testare.

 

 

 

Primavera
Guarda le 4 immagini
© Regiopress, All rights reserved