ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
10 ore

Cartoline da Barcellona

Arriva un giorno in cui alcune città di mare crescendo se ne allontanano. Come se non ci fosse più.
Ticino7
12 ore

Cesare Veglio, o semplicemente Maestro Cesare

Ha poco più di 30 anni, ha cominciato nel 2012 alle scuole elementari di Acquarossa, poi è stato chiamato a Olivone e ora è tornato al paese d’origine...
Ticino7
15 ore

Moda e inclusività (stiamo lavorando per voi)

Proposte sempre meno discriminanti, senza paletti di taglia, gender, cultura o età. Il mondo del fashion è davvero più fluido e democratico?
Ticino7
18 ore

L’amore ai tempi delle neuroscienze

Molti i progressi in questo ambito, e quanto è stato scoperto è interessante, anche se resta irrisolta la questione principale: cos’è l’amore?
Ticino7
20 ore

Amore amore, amore un Festival

Per introdurre l’edizione odierna, nella quale camminano a braccetto sentimento e neuroscienze, un amoroso aneddoto dagli ‘squallidi’ risvolti
Ticino7
6 gior

Sportivamente parlando

L’avvento dello sport in Ticino, dalle riserve iniziali ai successivi eccessi (risse incluse)
Ticino7
6 gior

Generazione ‘Aftersun’

Presentato lo scorso maggio a Cannes, è diventato un caso. Paul Mescal (Calum nel film) è candidato all’Oscar come Miglior attore protagonista
Ticino7
1 sett

Il poliziotto Mattia

Mattia Da Dalt si occupa di formazione, interna ed esterna al Corpo di Polizia, dalla scuola dell’infanzia fino agli adulti. Anche con l’amico Peo.
Ticino7
1 sett

Ho visto Jerry Seinfeld

Trattato come uno scarto da chi maneggiava palinsesti, dopo di lui nulla è stato più come prima: buio in sala, sul palco di Tucson la leggenda.
Ticino7
1 sett

Gioco, partita, incontro e citazione

Per inaugurare l’edizione n. 4 dedicata allo sport ticinese, parole di tennis (non ticinese)
Newsletter
1 sett

C’era una volta il primo skilift

È quello di Airolo-Lüina, nato nel 1950. C’erano una volta pure gli Ittiti e Hattusa, città sacra. Attualissimi, invece, gli insulti e gli insetti
16.11.2019 - 18:00
Aggiornamento: 18.11.2019 - 10:59

Piora. Un alpe, una valle, una storia

Un libro di recente pubblicazione raccoglie i personaggi, le storie, le tradizioni e le conoscenze di un territorio unico e meraviglioso.

di Cristina Pinho / ALESI
piora-un-alpe-una-valle-una-storia
+5

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, disponibile anche nelle cassette di 20 Minuti per tutto il fine settimana.

Un nome dall’aura evocativa, e uno zoom all’indietro per coglierne le molteplici sfaccettature: questo è ‘Piora. Un alpe, una valle, una storia’ (Salvioni Edizioni), un’opera corale nata dall’impegno di una ventina di autori che si sono occupati di un ampio ventaglio di ambiti legati a tale microcosmo. Si tratta di storici, scienziati, giornalisti, fotografi,  tecnici e studenti, capaci nei loro contributi di trasmettere con passione i risultati delle proprie ricerche. 
Per iniziare c’è la storia: si parte dal 1227, anno della ripartizione dei diritti di sfruttamento degli alpi della Leventina, e si arriva ai giorni nostri, percorrendo le varie tappe dell’attività agropastorale tuttora di primaria importanza per la valle e l’eccellenza del suo formaggio. Nel cuore del volume troviamo un album di ritratti nati da una serie di incontri: uomini e donne che sono l’anima dell’alpe – il casaro, la pastora, la cuoca – tratteggiati con partecipazione, sensibilità e ironia, colti nelle sfumature e nei silenzi, lasciando intuire l’ulteriorità delle loro esistenze. Vengono sondati i terreni dei ricordi d’infanzia (gli odori di piante e di rustico, le merende con limonata e vino, le lacrime lontano da casa, l’incanto della neve); i ritmi di una quotidianità fatta di salite irte e faticose, di risvegli all’alba, ma piena di fascino remoto e della sensazione di realizzazione; i passi sui crinali delle relazioni, accanto agli abissi e alle orme lasciate da chi non c’è più. Emergono caratteri e storie diversi  accomunati da impegno, fatica, cura e dedizione, a sancire lo spirito di un lavoro solitario e collettivo svolto con lo sguardo puntato verso un medesimo orizzonte, quello di «portare una tradizione secolare al centro del futuro». 

Attraversando le stagioni
Piora, col suo Centro di biologia alpina, è anche un laboratorio grazie alla varietà geologica, alla biodiversità della flora, ai numerosi laghetti. Affascinanti aspetti naturalistici – trattati in queste pagine con piglio divulgativo – che oltre alla bellezza del paesaggio contribuiscono alla qualità dei prodotti che vi hanno origine. Ulteriori approfondimenti conducono in un viaggio di scoperta nei meandri della valle: si va dai versi di aquile e marmotte bianche, a quelli nostalgici della poetessa di Ambrì; dalla storia della diga e della funicolare, fino alle slitte dirette alla birreria di Piotta con il ghiaccio tagliato dal Ritom. Ci sono anche le visite di Nietzsche ed Einstein, notizie e aneddoti apparsi sulla stampa, un manuale di degustazione del formaggio e altro ancora. 
A chiudere si trova il reportage di una scolaresca elementare con resoconti, foto, disegni e poesie, per vedere anche dalla prospettiva curiosa e incantata dei bambini i contorni del mondo di Piora. Pregevoli sono la stampa e le immagini, con dossier fotografici a fare da intermezzi e sostenere il ritmo di questo ricchissimo libro a carattere documentario: cartoline promozionali; foto d’epoca a testimonianza di tecniche e gesti antichi; operai in posa nei cantieri; turisti facoltosi davanti all’albergo locale. E ovviamente spettacolari vedute colte nel costante mutamento di tempo e stagioni, dal brulicare di vita tra il verde e blu estivo, alla quieta sospensione sotto la coltre invernale che ammanta ogni cosa.

Per informazioni e ordinazioni del libro (pp. 304, CHF 45.-): SalvioniEdizioni, Via Ghiringhelli, 6500 Bellinzona: tel. 091 821 11 11; libri@salvioni.ch

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved