laRegione
Nuovo abbonamento
Seguite quel monolite - da "2001- Odissea nello spazio", S. Kubrick, 1968
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
2 gior
Amarcord Italia ’90
Più che di un Mondiale da dimenticare per molti tifosi, quello andato in scena tra giugno e luglio di trent’anni fa è stato il ritratto di un paese con ancora molte idee, nonostante i soliti immancabili difetti.
Ticino7
2 gior
Minimal Minüs: la pandemia vista da Piazza Grande
A grande richiesta, nuovi appunti dal Covid-19. Questa volta è un fuori porta tutto locarnese, tra rive più ampie, gatti smarriti e salatissimi grotti (ahi ahi…)
Ticino7
2 gior
Il lungo cammino di Lokman Kadak
Nei luoghi in cui il vento della storia soffia ostile, le esistenze si consumano più velocemente. “Ho 42 anni, ma sono diventato come un anziano” racconta, riferendosi a tutte le avversità affrontate nella sua vita.
Ticino7
2 gior
Videoconferenze. L’ospite inatteso
Tra gli effetti collaterali interessanti della pandemia vi è la smaterializzazione dell’incontro con l’altro. Una tendenza peraltro già in atto da tempo, ma in questo frangente...
Ticino7
2 gior
Indovina chi c’è nel video?
Le videoconferenze non sono più materia per le solite grandi aziende. Ma una volta connessi, non pensate solo alla vostra immagine sullo schermo: anche i contenuti hanno una discreta rilevanza...
Ticino7
1 sett
Elogio della gratitudine
Desiderate iniziare con il piede giusto questo nuovo decennio ed essere felici? Provate con grandi dosi di gratitudine: costo zero e risultati scientificamente provati.
Ticino7
1 sett
Emanuele Santoro: finché c'è vita, c'è teatro
Attore, regista, direttore artistico del teatro "il Cortile" a Lugano, oggi definitivamente chiuso causa di un nuovo progetto edilizio. Ma lui, quel bisogno di mettersi in gioco ce l'ha proprio dentro.
Ticino7
1 sett
Evviva l'impunità di gregge
L’emergenza coronavirus ha confermato quanto oggi (ahinoi) dibattiti e confronti, pacati e costruttivi, siano la vera vittima delle nostre società. E così alla fine chi grida forte e vuole avere sempre ragione non sbaglia mai.
Ticino7
1 sett
All'outlet dell'intimo
Metti un giorno che, tanto per provare l'emozione che fa, entrate in uno di quegli spazi di vendita dove tutto costa meno...
Ticino7
09.11.2019 - 11:350
Aggiornamento : 11.11.2019 - 16:20

Quell'orologio è tutto un suono

‘Tick tack tick tack tick’: quale oggetto meglio di questo può ricordarci il tempo che se ne va? Chiedetelo ai Pink Floyd. Oppure ai Chromatics...

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, disponibile anche nelle cassette di 20 Minuti per tutto il fine settimana.

Parte lieve Time dei Pink Floyd, con quell’inconfondibile «tick tock tack tick» di orologi meccanici improvvisamente interrotto dal baccanale cacofonico di sveglie e pendoli fuori tempo. Anni dopo Alan Parsons, geniale tecnico del suono, svelò che quell’armamentario di sveglie fu registrato «separatamente in un negozio di antiquariato e i singoli nastri poi sincronizzati per suonare nello stesso momento».
Entrano basso e chitarra, piccole improvvisazioni di piano elettrico (un Fender Rhodes) ad acquerellare il tappeto musicale su cui si sviluppa un assolo di tom, ma sempre sommesso. Arrivano poi il rullante, la voce di David Gilmour e la coralità del brano trova battute e ritmi comuni. Ecco il capolavoro: come nelle migliori meccaniche d’alta orologeria svizzera, gli accordi finali introducono i sentieri musicali della successiva Breathe (Reprise), che nell’originale album formano un’unica traccia. Piccole magie analogiche da vinile, si sa. 
Anche ai Chromatics (da Portland, Oregon) i vecchi orologi piacciono parecchio. Nella loro notevole Tick of the Clock, al minuto 5.30 una nota persistente fa capolino nel brano, come se con un piano sequenza Stanley Kubrick si volesse impossessare della traccia, piazzandoci davanti il monolite nero di Odissea nello spazio. Ascolti catturato. E attendi. Che sia un segnale verso un pianeta lontano, frutto di un’intelligenza aliena? Forse. Che sia la fine? Poi al minuto 10.10 la ritmica riprende, prima che una puntina ti ricordi che il tempo dell’universo è infinito: «crick crack crick crack crick».
Tu invece hai un giorno in meno, ti cantano i Floyd. Eh già...

«Il sole è sempre lo stesso, relativamente parlando, ma tu sei più vecchio / col fiato più corto e con un giorno in meno da vivere»
(Time dei Pink Floyd, dall'album The Dark Side of the Moon, 1974)

«Crick crack crick crack crick crack crick crack crick...» (e la puntina cammina sui solchi senza fine di un vinile) 
(Tick of the Clock dei Chromatics, dall'album Night Drive, 2007)

© Regiopress, All rights reserved