laRegione
Nuovo abbonamento
indecifrabili-universi-immaginari
dal "Codex Seraphinianus", 1981
+1
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
2 gior
Tutta un'altra carne
La vecchia bistecca affronta la concorrenza di sostituti vegetali sempre migliori. Ma nel dibattito pubblico prevale il battibecco.
INCONTRI
4 gior
Céline: 21 anni e il sogno di pilotare elicotteri
La storia di una ragazza che vuole librarsi in volo. Dopo l'esperienza come assistente di volo, ora sta svolgendo la formazione pratica.
L'approfondimento
4 gior
Quelle quasi-bistecche di carne vegetale
È arrivata anche in Svizzera. Un prodotto con tanti pregi e alcuni difetti
SOCIETÀ
4 gior
Boogaloo, i suprematisti bianchi dal nome afroamericano
Viaggio dietro le quinte del fenomeno emerso durante le proteste contro le misure anti pandemia negli Stati Uniti.
Ticino7
1 sett
Amarcord Italia ’90
Più che di un Mondiale da dimenticare per molti tifosi, quello andato in scena tra giugno e luglio di trent’anni fa è stato il ritratto di un paese con ancora molte idee, nonostante i soliti immancabili difetti.
Ticino7
1 sett
Minimal Minüs: la pandemia vista da Piazza Grande
A grande richiesta, nuovi appunti dal Covid-19. Questa volta è un fuori porta tutto locarnese, tra rive più ampie, gatti smarriti e salatissimi grotti (ahi ahi…)
Ticino7
1 sett
Il lungo cammino di Lokman Kadak
Nei luoghi in cui il vento della storia soffia ostile, le esistenze si consumano più velocemente. “Ho 42 anni, ma sono diventato come un anziano” racconta, riferendosi a tutte le avversità affrontate nella sua vita.
Ticino7
1 sett
Videoconferenze. L’ospite inatteso
Tra gli effetti collaterali interessanti della pandemia vi è la smaterializzazione dell’incontro con l’altro. Una tendenza peraltro già in atto da tempo, ma in questo frangente...
Ticino7
1 sett
Indovina chi c’è nel video?
Le videoconferenze non sono più materia per le solite grandi aziende. Ma una volta connessi, non pensate solo alla vostra immagine sullo schermo: anche i contenuti hanno una discreta rilevanza...
Ticino7
2 sett
Elogio della gratitudine
Desiderate iniziare con il piede giusto questo nuovo decennio ed essere felici? Provate con grandi dosi di gratitudine: costo zero e risultati scientificamente provati.
Ticino7
2 sett
Emanuele Santoro: finché c'è vita, c'è teatro
Attore, regista, direttore artistico del teatro "il Cortile" a Lugano, oggi definitivamente chiuso causa di un nuovo progetto edilizio. Ma lui, quel bisogno di mettersi in gioco ce l'ha proprio dentro.
Ticino7
2 sett
Evviva l'impunità di gregge
L’emergenza coronavirus ha confermato quanto oggi (ahinoi) dibattiti e confronti, pacati e costruttivi, siano la vera vittima delle nostre società. E così alla fine chi grida forte e vuole avere sempre ragione non sbaglia mai.
Ticino7
2 sett
All'outlet dell'intimo
Metti un giorno che, tanto per provare l'emozione che fa, entrate in uno di quegli spazi di vendita dove tutto costa meno...
Ticino7
2 sett
Turismo che va, turismo che resta
In inverno, a contarle una per una, non arrivi a quaranta anime. Ma da giugno a ottobre le cose cambiano (non in meglio).
Ticino7
3 sett
Disturbi mentali. Ai confini della realtà
André ha dovuto imparare a sopravvivere a un mondo di allucinazioni e deliri. Ma non è l’unico: una persona su cento soffre della stessa malattia.
Ticino7
14.09.2019 - 20:300
Aggiornamento : 16.09.2019 - 12:02

Indecifrabili universi immaginari

Creatore di un’enciclopedia che ancora oggi meraviglia, Luigi Serafini è stato ospite del Festival Babel per parlare di enigmi e codici

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, disponibile anche nelle cassette di 20 Minuti per tutto il fine settimana.

Il Codex Seraphinianus è un’enciclopedia visionaria, uno straordinario  connubio di scrittura e immagini uscite dalla fantasia e dalla matita di Luigi Serafini. Fu realizzato alla fine degli anni Settanta nella Roma del Borromini, all’ombra dei suoi sterminati capolavori, dove l’autore e poliedrico artista vive e lavora. Lo scorso 14 settembre Serafini è stato protagonista con Paolo Albani dell’incontro «L’indecifrabile. Gli enigmi, i codici» al Teatro Sociale di Bellinzona, nell’ambito di Babel (babelfestival.com) che quest’anno rifletteva col pubblico sulle lingue inaccessibili. Lo abbiamo incontrato.
Signor Serafini, ci ricorda la genesi del suo Codex
«La scrittura, come i disegni, sono parte di un sogno, una fantasia. Quando ho iniziato a disegnare le tavole, senza neanche sapere cosa stessi facendo, volevo addomesticare queste strane creature. Invece di raccontare una storia è venuta fuori una sorta di scrittura automatica, come quella dei sensitivi. Ci sono molte componenti di lingue diverse che vanno dal greco al latino con l’alfabeto e le grazie delle maiuscole. Non parliamo poi dell’arabo». 
Cosa ha rappresentato?
«È stato uno slancio vitale, una necessità ineludibile, ma anche il risultato delle mie esperienze. Negli anni Settanta ero in America, on the road, nel momento clou della generazione che avrebbe inventato internet; quella dei figli di chi aveva fatto la guerra, il Codice Enigma e negato la comunicazione». 
Un tripudio di barocco ha vegliato sul Codex, regno di metamorfosi. Parliamo di genius loci…
«Ho pensato il Codex a Pedaso, nelle Marche, tra il faro e la villa in collina dei miei zii, che era una Wunderkammer. Poi l’ho realizzato in via Sant’Andrea delle Fratte, a Roma, all’ombra dell’omonima chiesa con il tiburio e il campanile del Borromini. Oggi il mio studio è vicino a Sant’Ivo alla Sapienza, con la lanterna dell’architetto ticinese il cui progetto era riportato sulla vecchia banconota da 100 franchi». 
Come è stato accolto in Cina?
«A una conferenza a Pechino per l’edizione cinese del Codex mi chiesero cosa pensassi della contraffazione in quantità dell’opera venduta online. Risposi che ero stupito che la mia fantaenciclopedia potesse essere apprezzata come una borsa di Louis Vuitton...».
Ci sono dei paralleli tra la sua opera e il noto (e misterioso) Manoscritto di Voynich del XV secolo? 
«No, per niente. Ho sempre pensato che il libro che Rodolfo II d’Asburgo, appassionato d’alchimia, acquistò a caro prezzo avesse un’indecifrabilità finalizzata alla truffa». 
Ha visto i tatuaggi serafiniani riportati su Instagram? 
«Sì, e ho immaginato una grande festa in uno stadio dove riunire i tatuati da tutto il mondo». 
Tra gli estimatori del Codex c’è il regista Tim Burton…
«È tutta colpa di Danny Elfman, il compositore prediletto da Tim Burton, che tra l’altro ha realizzato la colonna sonora di una mia personale a Milano».
E anche Federico Fellini…
«Ci frequentavamo e realizzai la locandina del film La voce della luna. Entrambi avevamo vissuto lo stupore di vedere il sorgere all’orizzonte della Luna sull’Adriatico».

PROFILO D'ARTISTA
Luigi Serafini, artista poliedrico, nasce a Roma nel 1949. Nel suo affascinante percorso ha declinato di volta in volta le sue varie anime di instancabile disegnatore, architetto, pittore, scultore, designer, scenografo e scrittore. Nel 1981 pubblica con Franco Maria Ricci il Codex Seraphinianus, enciclopedia di alfabeti inventati e creature inesistenti che ripercorre tutti i campi dello scibile. Un libro d’arte entrato nella storia dell’editoria e oggi giunto alla sua undicesima edizione (Rizzoli). Tra gli estimatori dell’opera si ricordano Azzedine Alaia, Roland Barthes, Tim Burton, Italo Calvino, Federico Fellini, Douglas Hofstadter, Leonardo Sciascia e Vittorio Sgarbi. Nel 2014 a rendergli omaggio è il film Luigi Serafini, Grand rectum de l’Université de Foulosophie per la regia di François Gourd e Mélanie Ladouceur. Tra gli altri libri pubblicati da questo artista visionario segnaliamo Pulcinellopaedia (1984) e Il coniglio d’oro (2015). Fra le sue opere spicca Balançoires sans frontières, l’installazione temporanea «in stile fantasegnaletico e antixenofobo» realizzata nel 2008 sul confine tra l’Italia e la Svizzera, tra Castasegna e Villa di Chiavenna, per la manifestazione Arte Bregaglia. La surreale altalena, che rifletteva sul «tema del confine e della frontiera» e sulla «forza rivoluzionaria dei bambini», aveva preceduto di anni quella più recente di Ronald Rael e Virginia San Fratello posizionata tra il muro che divide Messico e Stati Uniti d’America.

Le introvabili edizioni pubblicate dall'editore Franco Maria Ricci
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved