laRegione
Nuovo abbonamento
millennials-quelli-di-cui-tutti-parlano
© iStockphoto
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
17 ore

Sofia Santori e una storia d'amore #atypical

Mamma di due meravigliose bambine, ci parla dell'autismo di sua figlia, della pagina #chihapauradellospettro e di molto altro
Ticino7
17 ore

Ringiovanire, un'ossessione molto redditizia

Sulle rughe aveva ragione Anna Magnani, quando al suo truccatore diceva: “Non me ne togliere nemmeno una, ci ho messo una vita a farmele!”
Ticino7
17 ore

Traslocare: una cosa terribile che per fortuna rifarò

Dal montaggio degli scatoloni alla luce in fondo al tunnel, diario psicotico e musicale di un'esperienza dalla quale siamo passati quasi tutti
Ticino7
20 ore

La Ficcanaso e il Kindle (un po' come la scarpa comoda)

Perché il dubbio, quello che ho da tempo e che mi tormenta soprattutto quando vorrei tanto fare un’orecchia alla pagina...
Ticino7
23 ore

Maledetta mezz'età (una festa in valle)

A un certo punto nella vita si è troppo vecchi per stare coi giovani, ma troppo giovani per andare a letto presto.
Ticino7
1 sett

Fuerteventura o il vento che spettina i pensieri

“Se non ci fossero gli alisei qui saremmo fritti e a farla da padrone sarebbe Calima e ci farebbe rosolare come in un forno".
Ticino7
1 sett

Lugano, ritorno a SlowLake

Dagli appunti del Covid-19 ecco una Zurigo viva a metà, l’ex Bronx alla Foce di Lugano e l’improvvisazione.
Ticino7
1 sett

Quattro pugni (di vita) con Americo Fernandes

Nato a Capo Verde, sul ring ci arriva all’età di 18 anni e nel 1985 si trasferisce in Ticino. Volete incontrarlo? Aprite la porta del Boxe Club Locarno.
Ticino7
1 sett

1990-1999: mille e non più mille?

Riflessioni apocalittiche e poco integrate ricordando un decennio che non era poi così male, dai.
Ticino7
1 sett

Di Novanta ce n'è uno

È opinione comune considerare i Cinquanta e i Sessanta come i migliori decenni del Novecento. Ora, provate a fare mente locale...
Ticino7
1 sett

Menefreghismo e inciviltà sulle rive del Brenno

Metti un tardo pomeriggio a Biasca e la voglia di farsi un bagno rinfrescante sulle rive del fiume. Scansando i rifiuti, naturalmente.
Ticino7
2 sett

Il caldo e la vita (passando dai capelli)

L’estate scorsa pedalavi in bicicletta col vento tra i capelli e tutto quel fiorato che svolazzava. Oggi il tuo riflesso in una vetrina ricorda la bidella delle scuole...
Ticino7
2 sett

Da schiavi a criminali: colpevoli di essere sé stessi

Un libro e un documentario "senza se e senza ma" per comprendere le origini delle discriminazioni vissute dalla comunità afro-americana statunitense.
Ticino7
2 sett

Storie di vita. La Regina che mi aprì gli occhi

1992, North Carolina. Io lavoravo per una multinazionale della carne, lei venne a lavorare come ricezionista. Ma un brutto giorno...
Ticino7
2 sett

Il nostro razzismo. Chi ha paura dell'uomo nero?

L'artificioso concetto di razza rimane un segnaposto all’interno di un sistema a forma di piramide fatto di diritti e privilegi politici, economici, giuridici e sociali. Anche in Svizzera.
Ticino7
2 sett

Discriminazioni: un problema di colore

A volte ci si illude che il razzismo possa estinguersi da solo, come certi personaggi malmostosi con le loro pantofole sfondate. E invece.
Ticino7
3 sett

Manuela Meier non ha paura di sporcarsi le mani

Ha scelto di seguire le orme di famiglia, quelle che hanno lasciato suo papà, nonno e addirittura bisnonno: coltivare ortaggi con infinita passione.
Ticino7
3 sett

Quando finisce un libro

Ovvero, quando amare non significa aggiustare. Perché nessuno è aggiustabile.
Ticino7
3 sett

Macerie d’Albania: storie da un paese che vuole crescere

Lo scorso maggio il Teatro nazionale di Tirana è stato raso al suolo, nonostante una forte opposizione popolare.
Ticino7
3 sett

Pizzo Cornera. Toccare la cima, ma con molta attenzione

" (...) il pietrone che ne costituisce la vetta balla da far spavento, come ci eravamo resi conto con un brivido io e il Maurino, quando l’avevo salito.
Ticino7
3 sett

Piantate un seme, aiutate la diversità

La riscoperta dell’orto e la coltivazione di frutta e verdura sono stati tra gli effetti secondari più sorprendenti dell’emergenza sanitaria. Ma c'è chi da molti anni promuove e sostiene queste attività.
Ticino7
3 sett

Tutta un'altra carne

La vecchia bistecca affronta la concorrenza di sostituti vegetali sempre migliori. Ma nel dibattito pubblico prevale il battibecco.
INCONTRI
4 sett

Céline: 21 anni e il sogno di pilotare elicotteri

La storia di una ragazza che vuole librarsi in volo. Dopo l'esperienza come assistente di volo, ora sta svolgendo la formazione pratica.
L'approfondimento
4 sett

Quelle quasi-bistecche di carne vegetale

È arrivata anche in Svizzera. Un prodotto con tanti pregi e alcuni difetti
SOCIETÀ
4 sett

Boogaloo, i suprematisti bianchi dal nome afroamericano

Viaggio dietro le quinte del fenomeno emerso durante le proteste contro le misure anti pandemia negli Stati Uniti.
Ticino7
1 mese

Amarcord Italia ’90

Più che di un Mondiale da dimenticare per molti tifosi, quello andato in scena tra giugno e luglio di trent’anni fa è stato il ritratto di un paese con ancora molte idee, nonostante i soliti immancabili difetti.
Ticino7
1 mese

Minimal Minüs: la pandemia vista da Piazza Grande

A grande richiesta, nuovi appunti dal Covid-19. Questa volta è un fuori porta tutto locarnese, tra rive più ampie, gatti smarriti e salatissimi grotti (ahi ahi…)
Ticino7
1 mese

Il lungo cammino di Lokman Kadak

Nei luoghi in cui il vento della storia soffia ostile, le esistenze si consumano più velocemente. “Ho 42 anni, ma sono diventato come un anziano” racconta, riferendosi a tutte le avversità affrontate nella sua vita.
Ticino7
1 mese

Videoconferenze. L’ospite inatteso

Tra gli effetti collaterali interessanti della pandemia vi è la smaterializzazione dell’incontro con l’altro. Una tendenza peraltro già in atto da tempo, ma in questo frangente...
Ticino7
1 mese

Indovina chi c’è nel video?

Le videoconferenze non sono più materia per le solite grandi aziende. Ma una volta connessi, non pensate solo alla vostra immagine sullo schermo: anche i contenuti hanno una discreta rilevanza...
Ticino7
1 mese

Elogio della gratitudine

Desiderate iniziare con il piede giusto questo nuovo decennio ed essere felici? Provate con grandi dosi di gratitudine: costo zero e risultati scientificamente provati.
Ticino7
1 mese

Emanuele Santoro: finché c'è vita, c'è teatro

Attore, regista, direttore artistico del teatro "il Cortile" a Lugano, oggi definitivamente chiuso causa di un nuovo progetto edilizio. Ma lui, quel bisogno di mettersi in gioco ce l'ha proprio dentro.
Ticino7
06.07.2019 - 17:150

Millennials. Quelli di cui tutti parlano

Chi sono e che cosa fanno veramente i nati fra il 1980 e la metà degli anni Novanta?

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, disponibile anche nelle cassette di 20 Minuti per tutto il fine settimana.

Dei bambinoni, viziati fin dalla più tenera età, capricciosi e totalmente incapaci di sottostare a qualsivoglia autorità. È questo il giudizio sommario e discutibile che la stampa, le statistiche e in generale la società attribuiscono ai Millennials, cioè quella generazione di giovani nati alla fine del secolo, fra il 1980 e il 1996 e apparentemente così diversa da quelle che l’hanno preceduta.
Sociologi, psicologi, economisti, specialisti in risorse umane, il mercato stesso, sia esso quello dei consumi oppure quello del lavoro, tutti sembrano avere una propria opinione e un proprio giudizio su questa generazione apparentemente inclassificabile e liquida, certamente la più studiata e analizzata dai tempi dei baby-boomers.
Infatti i Millennials, così designati dagli autori americani William Strauss e Neil Howe, che proprio a loro hanno dedicato diversi libri, vengono anche identificati come «echo-boomers», a causa dell’incremento delle nascite caratteristica del decennio 1980-’90 e per essere, in gran parte, figli degli stessi baby-boomers. Meno utopistici sul mondo dopo gli attacchi terroristici dell’11 settembre, vissuti durante la primissima giovinezza, i Millennials (o generazione Y, cioè successiva alla generazione X, quest’ultima nata fra la metà degli anni Sessanta e l’inizio degli Ottanta) sono cresciuti con l’esplosione di Internet e la rapida diffusione della tecnologia digitale, senza dimenticare però l’urto, al momento di entrare nel mondo del lavoro, della pesante crisi del 2008.

Generazione 'io'
Nata la definizione, sulla stampa hanno cominciato ad apparire le teorie più disparate. Celebre l’articolo di copertina del settimanale americano Time del 2013, «Millennials: The Me Me Me Generation» (Millennials: la generazione io io io), in cui i rappresentanti della generazione Y sono stati bollati come pigri, narcisisti, egoisti, materialisti, distaccati oramai da ideali e istituzioni e allevati sotto la costante protezione di genitori «elicottero», pronti a correre in soccorso dei pargoli ben oltre la maggiore età, affettivamente e soprattutto economicamente. 
Ron Alsop, giornalista del Wall Street Journal, già nel 2008, scrisse un libro (The Trophy Kids grow up: how the Millennial Generation is shaking up the workplace) a proposito di quelli che ha chiamato i «bambini trofeo», analizzando il loro atteggiamento nel momento dell’ingresso nel mondo professionale. 
A suo dire, i Millennials non rispetterebbero autorità e gerarchia e, allo stesso tempo, non ne sarebbero nemmeno infastiditi: semplicemente non li considererebbero elementi degni di attenzione. Nel lavoro, i rappresentanti della generazione Y hanno bisogno di stimoli, di superiori competenti e ispiranti, desiderano crescere, bruciare le tappe, imparare ininterrottamente e ricevere continue conferme. Se queste aspettative non vengono soddisfatte dal posto che occupano sono pronti ad andarsene, senza drammi e senza rimpianti, cercando altro che possa dare maggior senso al loro lavoro. 

Ne hanno già viste
Tante parole spese per questi ragazzini? Forse. In ogni caso, questi ragazzini, che poi tanto piccoli non sono più, rappresenteranno ben presto il 50% della popolazione e, entro il 2050, circa la metà della forza lavoro. Nessuno li capisce, il mondo professionale non sa come approcciarli, il mercato non sa come corteggiarli, gli investitori non possono permettersi di ignorarli (lo scrive Credit Suisse in un rapporto di ricerca del 2018), creano panico e in un certo senso timore, perché sanno dire «No». Per la generazione X valeva il motto del «fare fare fare», i Millennials invece scelgono l’approccio del «prima di fare preferisco rifletterci» e questo destabilizza chiunque li circondi, dalla famiglia ai colleghi di lavoro. Ma come dargli torto? I Millennials nella loro corta esistenza hanno già vissuto di tutto: la crisi, la recessione, la disoccupazione impietosa. In linea generale e globale, sono meno ricchi, possiedono poco o niente, si sposano meno e hanno meno figli – in America il numero di figli per donna ha raggiunto il livello più basso negli ultimi 32 anni – rispetto a tutte le generazioni che li hanno preceduti dopo la grande depressione degli anni Trenta.

Sacrificati?
A detta del Wall Street Journal si tratterebbe di una generazione a parte, in un certo senso sacrificata, la quale non raggiungerà mai i livelli di benessere conquistati dai propri genitori e addirittura dei propri nonni. La Banca Federale Americana non lo nasconde: i capifamiglia della generazione X, antecedenti ai Millennials, lavorando a tempo pieno, guadagnavano circa il 18% in più rispetto alla generazione Y alla stessa età. Se poi si somma la precarietà al fatto che questi giovani così indecifrabili sono in molti casi di gran lunga più formati rispetto a chi è nato prima di loro (istruzione superiore, conoscenza delle lingue, in perfetta osmosi con il mondo digitale), è comprensibile la loro voglia di fuga da realtà lavorative e sociali preimpostate, in maggioranza vetuste, senza sbocchi: in poche parole sterili. I Millennials preferiscono non possedere, ma condividere ciò che è materiale, viaggiare piuttosto che acquistare, vivere esperienze invece di accumulare cose. Secondo gli ultimi due rapporti pubblicati da Deloitte nel 2018 e nel 2019 – azienda di revisione e consulenza fra le più grandi al mondo, la quale dedica ai Millennials analisi statistiche costanti: è valutato un campione di più di 10mila persone sparse in 36 Paesi, fra cui anche la Svizzera –, la loro scelta in termini di impiego è chiara. Essi sono sempre più attratti dalla Gig economy, cioè da attività autonome, freelance, distaccate oppure con contratti temporanei. Questo tipo di rapporto lavorativo permetterebbe alla generazione Y di variare settore e forse anche di guadagnare di più, di spostarsi, lavorare viaggiando e soprattutto di assicurarsi l’agognato equilibrio fra lavoro e vita privata, valore molto caro ai Millennials.

Una 'cosa' globale
Come mostrano le statistiche, le propensioni della generazione Y sono spesso molto simili in vari Paesi del mondo, nonostante culture, tradizioni e situazioni sociali, politiche ed economiche differenti. Sono stati infatti la globalizzazione, i social network e in generale l’esportazione della cultura occidentale a livellarne i gusti. 
Il nostro paese non fa eccezione. Come riportato dalla rivista economica Bilan i rappresentanti della generazione Y in Svizzera sono circa 2 milioni di individui, il 94% di loro possiede uno smartphone e in media passano 5 ore della propria giornata in rete. Affascinati dai social media, vengono catturati più dalle immagini che dalle parole. Refrattari ai diktat imposti dalla società non smettono di porre la domanda «perché?», snobbando i canali di comunicazione tradizionale come la televisione e preferendo le assicurazioni degli «influencer», i personaggi pubblici di internet. 
Per quanto concerne l'approccio alla professione, il già citato rapporto Deloitte del 2019, più cupo rispetto a quello del 2018, riporta come i giovani svizzeri si uniformino alle tendenze dei coetanei stranieri. Critici verso il mondo del lavoro e l’organizzazione delle aziende, il 49% dei Millennials autoctoni sono convinti che dirigenti e imprenditori abbiano un impatto negativo sulla società. Ben il 75% di loro crede inoltre che le aziende agiscano solo in termini egoistici e di proprio tornaconto senza alcuna attenzione a possibili benefici per la società. 
La flessibilità di orari e luogo di lavoro vede nella generazione Y confederata un’ardente sostenitrice. Il 64% la considera una priorità, mentre i coetanei di altri Paesi l’abbracciano solo al 50%. Nota positiva emersa dallo studio, i giovani svizzeri vedono di buon occhio la cosiddetta Industria 4.0, o Quarta rivoluzione industriale, la quale prevede nel futuro prossimo l’automazione industriale, lo sviluppo di nuovi prodotti e servizi attraverso l’integrazione di nuove tecnologie (mondo virtuale) e lo scambio di dati. 
A questo proposito, i Millennials rossocrociati non temono di perdere il proprio lavoro, anzi sono convinti che l’Industria 4.0 permetterà loro di concentrarsi maggiormente sull’aspetto creativo e umano della professione. Inoltre, il 39% della generazione Y svizzera considera che sia responsabilità delle aziende preparare i propri impiegati a questi cambiamenti.

Darwin docet
È infatti la parola «cambiamento» quella che più caratterizza i Millennials e questi tempi, così frenetici e così innovativi. I giovani suscitano particolare curiosità poiché sono nati in un periodo cerniera, la fine di un secolo e l’inizio di un altro, assistendo in prima persona alla rivoluzione digitale, i cui effetti e il cui futuro sono, ad oggi, indefinibili. Indefinibili come la generazione Y, che prima di tutte ha saputo adattarsi, integrare e comprendere i nuovi paradigmi. Il mondo e la società evolvono a una velocità dirompente, ma come già ci insegnava Charles Robert Darwin più di cento anni or sono «non è la più forte delle specie che sopravvive, né la più intelligente, ma quella più reattiva ai cambiamenti». Forse i nuovi adulti con la «Y», con i loro difetti e le loro eccentricità, l’hanno capito prima di tutti. E complice la giovinezza ne hanno fatto un mantra.

 

LA TESTIMONIANZA / a cura della Redazione
"MIllenario, semmai"*

«Millennials, certo. Come no. Sicché essendo nato nei primi anni Ottanta dovrei essere flessibile, abbracciare il cambiamento, quello che gli economisti fighetti chiamano 'disruption', lo scombussolamento costante del lavoro e della società promesso dai vari Uber, Lyft, Facebook. A chi interessa più il lavoro dalle 9 alle 17? Il posto fisso? Quel mondo soffocante nel quale entravi in un'azienda a vent'anni e ne uscivi per la pensione, con in mano l'orologino regalato dai colleghi, una pacca sulla spalla del completo buono? Roba da vecchi; noi qua inseguiamo l'innovazione, diamo sfogo alla creatività, viviamo il piacere del momento. Ci interessa essere, non avere. Lavoriamo da casa, dormiamo al lavoro. Siamo social media manager, web communication officer, tutte quelle robe che in inglese suonano nuove ed eccezionali (perché noi lo sappiamo l'inglese, mica come voi cariatidi)... Balle. Che tanti della mia generazione ci credano davvero, e vivano di conseguenza, è solo un altro segno che è meglio non fidarsi: odi profanum vulgus et arceo (perché va bene l'inglese, ma pure il latino). Qui ragazzi è una guerra. Tocca fare sette mestieri, sgamellare di qua e di là, si arriva ai quarant'anni con mille vinili da collezione e camicie da hipster, ma senza un tetto. Più che una presentazione leccatina di Mark Zuckerberg, la nostra vita sembra raccontata da Mario Brega in quel vecchio film di Verdone: "Ma che è 'n fijio questo? Senza 'na casa, senza 'na famijia, co' le pezze ar c...". Poi certo, per le menti più geniali e gli spiriti più robusti questo mondo è un'ostrica. Ma ci sono anche gli altri, quelli come me. Quelli che sospirano quando vedono chiudere un ufficio postale anche se non ci sono mai stati. Celebrate pure i Millennials, ma ricordatevi di noi poveri millenari».

* testimonianza di uno squilibrato, personaggio  noto alla Redazione.

 

 

 

© Regiopress, All rights reserved