automobilisti-stressati-ansiosi-aggressivi
(Horror Fan Wiki)
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
3 gior

Dalla biopolitica alla psicopolitica. La filosofia ci salverà?

‘Nel cuore della relazione di potere, e a provocarla costantemente, c’è la resistenza della volontà e l’intransigenza della libertà’ (Michel Foucault)
Ticino7
3 gior

Brillante come un ramarro

Verde, azzurro, giallo sono solo alcune delle cromie di quest’agile rettile, dall’indole timida e che può essere considerato il re dei sauri europei
Ticino7
3 gior

Karin Motta non abbocca, anzi...

“La caccia e la pesca (...) mi avvicinano alla natura, perché si ha l’opportunità di conoscerla da vicino". E se non conosci, come puoi giudicare?
Ticino7
4 gior

Mele. Dalla Capriasca un nettare rigorosamente ‘doc’

Avete delle piante di mele nel vostro giardino e volete produrre un succo “tutto vostro”? In Ticino si può, seguendo la filosofia della filiera corta
Ticino7
4 gior

Ambiente & azione

Oltre alla ‘Giornata della buona azione’, questo fine settimana in Svizzera si celebrano anche la natura e gli ecosistemi
Ticino7
1 sett

Salvare una vita è sempre una buona idea

Nelle acque del Mediterraneo continuano a morire esseri umani, leggi e diritti. Spesso nel silenzio. Ne abbiamo parlato con Cecilia Strada della ONG ResQ
Ticino7
1 sett

L’occhio sociale di Alessandro Ligato

‘L’arte mi ha insegnato ad avere un pensiero divergente che non si ferma mai all’apparenza ma che tenta, piuttosto, di scoprire cosa c’è sotto il tavolo’
Ticino7
1 sett

Se volevo essere un riempimento di vuoti nascevo stucco

Perché è così difficile per le persone percepire la differenza tra essere disponibili ed essere a disposizione?
Ticino7
1 sett

Dimmi come ti chiamano (e ti dirò chi sei)

Ti si attacca addosso in un attimo e ti accompagna per tutta la vita, spesso finendo per diventare anche un nome di famiglia alternativo: è il soprannome
Ticino7
1 sett

Quello sei tu, davvero

Hai voglia a costruirti un profilo pubblico rispettabile, se poi quelli che ti conoscono veramente...
Ticino7
2 sett

Gabriel Stöckli e l’età dell’incertezza

La durezza e la semplicità delle forme coinvolte nelle sue creazioni sono anche la metafora della precarietà della sua generazione
Ticino7
2 sett

Storie e curiosità col ‘ghiro d’Italia’ (ma senza sudare)

Anche se non siete amanti della bici, qui potrete trovare pane per i vostri denti. Perché in su e in giù seguendo la Maglia Rosa non si pedala e basta...
Ticino7
2 sett

Il castoro cerca casa, uomo permettendo

Cacciato, estinto e reintrodotto. Anche quella di questo ingegnoso roditore è la storia di una convivenza fragile e complessa con l’homo sapiens
Ticino7
2 sett

Essere ‘Supergiovani’ dentro

“Nel boschetto della mia fantasia c’è un fottio di animaletti un po’ matti inventati da me, che mi fanno ridere quando sono triste”
Ticino7
3 sett

La scelta ‘silenziosa’ di Claudio Zanini

Guida un’auto elettrica e con 120mila chilometri alle spalle l’esperienza è molto positiva. A parte quei costi legati alla ricarica ‘da migliorare’...
Ticino7
3 sett

Guidare elettrico: lo stile fa la differenza

Come si guida un veicolo con motore elettrico, con un occhio ad autonomia e resa, e rientrare nei margini di percorrenza promessi dai costruttori?
Ticino7
3 sett

Elettrificazione. Ok, la parola è giusta

Piccola guida per capirci qualcosa in un universo fatto di sigle, corrente, cavi, potenza, batterie, prese e molto inglese
Ticino7
3 sett

Mobilità e sostenibilità: le buone intenzioni

Serve a poco utilizzare veicoli (sulla carta) poco inquinanti, se poi si guidano così così
Ticino7
1 mese

‘Egolandia’ o le cinquanta sfumature di Narciso

Volete evitare di cadere vittima del narcisista manipolatore? Ecco il contributo giusto per voi...
Ticino7
1 mese

La narrazione emotiva di Luca Chieregato

Recente autore di un coinvolgente volume, l’attore e cantastorie ci ricorda l’importanza della tradizione orale. Perché raccontare è anche raccontarsi
Ticino7
1 mese

Sandra Zanchi, un volto del popolo

Attrice dialettale, scrittrice, regista e autrice di brani musicali, a inizio aprile è diventata centenaria. Ma l’affetto del pubblico ancora la sorprende
Ticino7
1 mese

Chiedilo alla pipì (e vedrai che sorprese...)

Sei giovane o vecchio dentro, schifiltoso o aperto come una rosa di maggio? Lei è in grado di dirci molte cose su noi stessi e sulla nostra specie
Ticino7
1 mese

Non è solo una ‘stupida felicità’

‘Questa è la ballata dell’uomo felice, felice di nome, di fatto, si può dire di mestiere, uno che la felicità l’ha imparata a dovere...’
06.04.2019 - 19:30

Automobilisti stressati, ansiosi, aggressivi

Psicopatologia di quelli che quando sono al volante diventano Mr. Hyde, in attesa del pilota automatico...

di Mariella Dal Farra

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, disponibile anche nelle cassette di 20 Minuti per tutto il fine settimana.

Nella scena più famosa di 'Christine, la macchina infernale' (1983) – uno di quei film che, pur non essendo esattamente dei capolavori, tendono a installarsi in pianta stabile nell’immaginario collettivo – il protagonista, un ragazzo timido preso di mira dai compagni di scuola, contempla sconsolato la sua Plymouth Fury rosso fuoco che è stata gravemente danneggiata dai bulli. «Non ci faranno più del male» le sussurra, appoggiando teneramente il mento sul tettuccio ammaccato, «no, se restiamo insieme». Poi, dopo averle fatto pat-pat sul montante, si allontana di qualche passo e la incita con affetto: «Allora, fammi vedere». L’auto, che com’è noto è posseduta da uno spirito demoniaco, si rigenera da sola sotto lo sguardo galvanizzato e un po’ folle del ragazzo, pronta a rimettersi in pista per cercare la vendetta.
Ora, con questo non si vuole certo insinuare che tutti gli automobilisti instaurino con la propria vettura un rapporto simile a quello fra Christine e il suo proprietario, ma è innegabile che, in molti casi, l’auto diviene il catalizzatore di emozioni e aspirazioni non sempre o non completamente costruttive. Soprattutto quando c’è traffico.

Violenza e furbizia

«Il numero di automobili private che circolano giornalmente sulle strade continua ad aumentare in maniera costante» affermano due psicologi della guida. «Di conseguenza la competizione per lo spazio, i livelli di congestione e altre potenziali fonti di frustrazione, irritazione e stress sono aumentati esponenzialmente» (Hennessy & Wiesenthal, Traffic Congestion, Driver Stress, and Driver Aggression, 1999). D’altro canto, «l’esposizione prolungata o reiterata a situazioni stressanti è stata associata a una maggiore predisposizione al comportamento aggressivo» (ibidem). Nello specifico, diverse ricerche hanno evidenziato come gli ingorghi stradali o altre forme di impedimento alla circolazione tendano a innalzare il tasso di animosità degli automobilisti, e il problema pare riguardi un po’ tutti. A riprova di ciò un altro studio (Vest et al., Road Rage, 1997) descrive casi di aggressività automobilistica perpetrati da individui che non rientrano esattamente nello stereotipo dell’uomo giovane e propenso al rischio, con pregressi antisociali e violenti. Per esempio, «a Salt Lake City, nello Utah, un automobilista di 75 anni, irritato da un clacson suonato da un altro automobilista perché stava intralciando il traffico, lo ha inseguito fino a costringerlo ad accostare. Poi gli ha scagliato addosso una bottiglia contenente delle medicine e, in uno slancio di geriatrica determinazione, gli ha fratturato le ginocchia con la sua Mercury del ’92» (ibidem).
A lato di questi episodi estremi, ma per fortuna piuttosto rari, forme più tenui di aggressività automobilistica – suonare il clacson, imprecare all’indirizzo delle altre auto, tallonare intenzionalmente qualcuno, fare lampeggiare gli abbaglianti, impedire a chi sta dietro di superare – sono in netta crescita fra coloro che passano molto tempo al volante. Questi comportamenti sono dovuti a un’interpretazione ostile del comportamento degli altri automobilisti, le cui «manovre» vengono lette come tentativi di «fare i furbi» o addirittura come espressione di una volontà di prevaricazione.
Ciò è favorito dal fatto che, stando in auto, la nostra percezione dell’altro tende a essere un po’ «depersonalizzata». Non potendo vedere, se non a tratti e da lontano, il viso degli altri automobilisti, diventa più facile scivolare in stereotipi negativi, cosa che ci viene proporzionalmente più difficile quando, per esempio, siamo in fila per raggiungere una cassa e qualcuno ci passa davanti, ma poi lo guardiamo e ci accorgiamo che non ci ha visto oppure non ha capito che siamo in coda anche noi. Questa parziale depersonalizzazione ha anche un fronte «interno», poiché l’abitacolo dell’auto si configura come una sorta di guscio protettivo che potenzia il nostro ego e che, garantendoci al contempo un parziale anonimato, allenta un poco i freni inibitori.

Ansiosi o rabbiosi?

Se sul piano cognitivo l’aggressività automobilistica scaturisce dall’attribuzione di intenzioni ostili agli altri guidatori, sul piano emotivo la rabbia tende a presentarsi – come capita anche in altri contesti –
insieme all’ansia: due emozioni che sono spesso difficili da districare. Entrambe comportano infatti un processo di attivazione simile, caratterizzato cioè dal rilascio di adrenalina e cortisolo nel sangue, con conseguente aumento della frequenza del battito cardiaco, innalzamento della pressione sanguigna, accelerazione del respiro e così via. Si tratta della nota reazione di fight or flee (letteralmente, «combattere o fuggire»), una complessa risposta psicofisiologica che si attiva in presenza di una minaccia e che predispone l’organismo a fronteggiare nel miglior modo possibile la situazione. Secondo altri due psicologi (Zinzow and Jeffirs, Driving Aggression and Anxiety: Intersections, Assessment, and Interventions, 2018), nel contesto dell’aggressività automobilistica, ansia e rabbia «possono essere concettualizzate come manifestazioni concomitanti di un sistema integrato di risposta», ovvero come le due facce della fight or flee response. In effetti, gli studi dimostrano che guidare in condizioni di traffico intenso attiva questo tipo di risposta, in cui il prevalere dell’emozione di rabbia corrisponderebbe al polo «combattivo», mentre quella di ansia al polo «fuggitivo». Parimenti, gli automobilisti che tendono ad arrabbiarsi mostrano anche una più spiccata attitudine a recepire i comportamenti di guida scorretti come provocatori od ostili, laddove quelli che manifestano ansia o evitamento pongono l’accento sulla pericolosità di tali comportamenti.
In sintesi, la guida «ansiosa» e quella «rabbiosa» costituirebbero due diversi modi di reagire allo stress, simili sul piano fisiologico ed emotivo ma differenti nelle loro caratteristiche cognitive e comportamentali. In entrambi i casi, le ricadute in termini di benessere psicofisico e qualità della convivenza (su strada) non sono particolarmente positive.

In attesa della guida automatica

Per contrastare gli effetti «intossicanti» dello stress automobilistico gli interventi indicati consistono di solito nell’apprendimento di tecniche di rilassamento e/o meditazione (training autogeno, mindfulness ecc.), alcune delle quali utilizzabili in loco, per esempio quando rimaniamo incastrati in una coda chilometrica in autostrada, e c’è quello dietro che suona come se dovesse tornare a casa solo lui. Ecco, è in quei momenti lì, quando ci accorgiamo che la nostra mano sta lentamente scivolando verso il cric sotto il sedile del passeggero, che diventa opportuno concentrarsi sul respiro e liberare la mente dai pensieri negativi.
Può inoltre essere utile ricordarsi che dentro quell’auto che invece ci ha appena tagliato la strada ci potrebbe essere chiunque: una persona che sta portando di corsa un congiunto in ospedale, qualcuno che ha appena ricevuto una notizia sconvolgente o un anziano che dopo molto tempo ha deciso di mettersi alla guida per andare a trovare un amico lontano. Al fine di ridurre l’effetto depersonalizzante comportato dalla dimensione «materica» dell’automobile, facciamo mente locale sul fatto che è guidata da una persona, per lo più simile a noi, non necessariamente arrogante solo perché ha la macchina nuova e non per forza intenzionata a esasperarci soltanto perché va lenta.
In ogni caso, sulla base di quanto affermano gli esperti del settore automobilistico, presto il problema dello stress-aggressività automobilistico sarà solo un ricordo in quanto, semplicemente, smetteremo di guidare. Le vetture autoguidate rappresentano una tecnologia già esistente che necessita «solo» di un’infrastruttura adeguata per essere implementata e la rete 5G sarà il passo decisivo verso una transizione che potrebbe aiutarci anche a liberarci da situazioni stressanti. Nel frattempo, però, andiamoci piano.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved