laRegione
Nuovo abbonamento
1969-the-stooges
Wikimedia
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
9 ore

Acque fresche (oltre la siepe)

Causa pandemia, in molti hanno pensato di arricchire casa e giardino con piscine e idromassaggi. Non tutti sapendo con esattezza a cosa andavano incontro.
Ticino7
5 gior

Sofia Santori e una storia d'amore #atypical

Mamma di due meravigliose bambine, ci parla dell'autismo di sua figlia, della pagina #chihapauradellospettro e di molto altro
Ticino7
5 gior

Ringiovanire, un'ossessione molto redditizia

Sulle rughe aveva ragione Anna Magnani, quando al suo truccatore diceva: “Non me ne togliere nemmeno una, ci ho messo una vita a farmele!”
Ticino7
5 gior

Traslocare: una cosa terribile che per fortuna rifarò

Dal montaggio degli scatoloni alla luce in fondo al tunnel, diario psicotico e musicale di un'esperienza dalla quale siamo passati quasi tutti
Ticino7
6 gior

La Ficcanaso e il Kindle (un po' come la scarpa comoda)

Perché il dubbio, quello che ho da tempo e che mi tormenta soprattutto quando vorrei tanto fare un’orecchia alla pagina...
Ticino7
6 gior

Maledetta mezz'età (una festa in valle)

A un certo punto nella vita si è troppo vecchi per stare coi giovani, ma troppo giovani per andare a letto presto.
Ticino7
1 sett

Fuerteventura o il vento che spettina i pensieri

“Se non ci fossero gli alisei qui saremmo fritti e a farla da padrone sarebbe Calima e ci farebbe rosolare come in un forno".
Ticino7
1 sett

Lugano, ritorno a SlowLake

Dagli appunti del Covid-19 ecco una Zurigo viva a metà, l’ex Bronx alla Foce di Lugano e l’improvvisazione.
Ticino7
1 sett

Quattro pugni (di vita) con Americo Fernandes

Nato a Capo Verde, sul ring ci arriva all’età di 18 anni e nel 1985 si trasferisce in Ticino. Volete incontrarlo? Aprite la porta del Boxe Club Locarno.
Ticino7
1 sett

1990-1999: mille e non più mille?

Riflessioni apocalittiche e poco integrate ricordando un decennio che non era poi così male, dai.
Ticino7
2 sett

Di Novanta ce n'è uno

È opinione comune considerare i Cinquanta e i Sessanta come i migliori decenni del Novecento. Ora, provate a fare mente locale...
Ticino7
2 sett

Menefreghismo e inciviltà sulle rive del Brenno

Metti un tardo pomeriggio a Biasca e la voglia di farsi un bagno rinfrescante sulle rive del fiume. Scansando i rifiuti, naturalmente.
Ticino7
2 sett

Il caldo e la vita (passando dai capelli)

L’estate scorsa pedalavi in bicicletta col vento tra i capelli e tutto quel fiorato che svolazzava. Oggi il tuo riflesso in una vetrina ricorda la bidella delle scuole...
Ticino7
30.03.2019 - 20:000
Aggiornamento : 01.04.2019 - 11:10

1969: The Stooges

Scritto sulla pelle. Alle radici del punk

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, disponibile anche nelle cassette di 20 Minuti per tutto il fine settimana.

Nell’estate del 1969 il gruppo di Iggy Pop pubblica il suo primo album. L’inizio di una trilogia che influenzerà generazioni di musicisti in tutto il mondo.

Stati Uniti, gennaio 1978. La scaletta del concerto che i Sex Pistols tengono a San Francisco, l’ultimo della loro controversa carriera (reunion escluse), terminava con un brano degli Stooges. Non a caso, visto il testo. Il tempo del divertimento era finito: «No fun to hang around / Feelin’ that same old way / No fun to hang around / Freaked out for another day». Ma i gruppi che hanno ripreso canzoni di questo disco apparso mezzo secolo fa non si contano: dai Sonic Youth di «I Wanna Be Your Dog» a «Little Doll» riletta dai The Haut di Blixa Bargeld e «1969» dei The Sisters of Mercy. 

Avanguardia per giovani menti
Prodotto dal genio dei Velvet Underground John Cale – che segnerà il suono del gruppo –, oltre a Iggy alla voce (classe 1947), la formazione comprende i fratelli Ron (chitarra) e Scott Asheton  (batteria), oltre a Dave Alexander (basso). Marci, sporchi, lascivi e dall’aria cattivella, i quattro si esercitavano già dal 1967. Nel giro del suono garage delle aree industriali del Michigan i ragazzi erano noti per le loro esibizioni oltraggiose, con tanto di autolesionismo e provocazione gratuita. Roba tosta, insomma, che non sfuggì alla Elektra, etichetta nota per avere sotto contratto Jim Morrison e i Doors, per dire. Al suo debutto l’album ebbe solo un discreto successo, ma si inseriva perfettamente in quella corrente musicale figlia della disillusione post-hippy; la colonna sonora ideale delle aree urbane americane, fatte di lavoretti, amori da fine settimana e tanta droga. Ma anche di blues, patriottismo e ricerca delle radici. Assieme agli MC5 di Detroit e ai Sonics di Tacoma, gli Stooges furono senza dubbio il vero seme di tutto ciò che dai Modern Lovers ai Ramones (in avanti) avvenne nel mondo del pop-rock. Punk e sottogeneri compresi.

Senza rete
The Stooges è una breve raccolta di gemme soniche e assalti frontali. Ma non solo: «We Will Fall», per esempio, è un mantra di 10 minuti con cadenze soffuse e il wah-wah della chitarra di Asheton che narra di una notte trascorsa da Iggy in hotel ad attendere la sua ragazza del periodo, quella Nico musa ispiratrice (imposta) da Andy Warhol a Lou Reed nei Velvet. Nella produzione degli Stooges questo brano costituirà un ottimo preludio al secondo lavoro della band (Fun House, 1970): ovvero nichilismo e alienazione in un crescente senso di straniamento. Ancora oggi, ad ascoltarlo, ti chiedi quale genio del male abbia mai potuto architettare quella miscela. Sotto l’ala protettrice di David Bowie, il successivo Raw Power (1973) chiuderà la storia del gruppo. L’«Iguana» cambierà colore e pelle, fuggendo da alcol e droghe.

 

SETTE (PIÙ UNO) CAPOLAVORI

1969
Ritmo boogie ballabile, ritornello rock’n’roll, un basso che pompa e Iggy che urla sguaiato la sua noia: «It’s another year for me and you / Another year with nothing to do». Epico.

I Wanna Be Your Dog
Un riff di chitarra di sole 3 note (sol, fa# e mi) suonato ininterrottamente per tutta la durata del pezzo, accompagnato da una singola nota
di pianoforte e un inquietante scampanellio coreografico. Ecco il punk (ma prima del punk). Un capolavoro di tre minuti. Difficile fare meglio.

We Will Fall
John Cale ci mette la sua viola. Il resto è una discesa agli inferi: sembra amore, ma è morte.

No Fun
«It’s no fun to be alone», canta Iggy quasi fosse perso nel vuoto dell’esistenza. Un po’ come tutti. 

Real Cool Time
Un brano per «piatti & wah wah». Batteria, chitarre e una notte di sesso: vi serve altro?

Ann 
Uno dei brani più strutturati e maturi del disco. Qui Iggy pare dialogare con Jim Morrison. 

Not Right 
Puro rock’n’roll. Devastante suonata dal vivo.

Little Doll
La donna è una creatura archetipo dell’essere, voluta da Dio per la salvezza dell’uomo. Amen.

 

Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved