laRegione
locale-e-globale
ULTIME NOTIZIE #dentroleconomia
#dentroleconomia
4 sett

Novità in materia di accordi di libero scambio

Accordo tra AELS ed Ecuador e tra Ucraina e Georgia. Alcuni dettagli in merito.
#dentroleconomia
1 mese

Un segnale forte dall'economia

Lo scorso 16 ottobre si è tenuta, in presenza, la 103esima Assemblea generale ordinaria della Cc-Ti presso l’Espocentro a Bellinzona
#dentroleconomia
1 mese

I primi passi per un’esportazione corretta

L’esportazione è il processo di spedizione di beni o di merci da un territorio nazionale in un Paese estero dove saranno poi venduti
#dentroleconomia
1 mese

La Scuola Manageriale della Cc-Ti prosegue a gonfie vele

Questo ciclo formativo sta godendo già da diversi anni di un grande successo
#dentroleconomia
1 mese

Rischio aziendale e pandemia

Una scheda giuridica redatta dall’Avv. Michele Rossi. Scopriamo i dettagli.
#dentroleconomia
1 mese

Care imprenditrici, cari imprenditori, cari soci

Lo scritto di Glauco Martinetti, Presidente Cc-Ti, sull’ultima edizione di Ticino Business
#dentroleconomia
1 mese

‘Sempre a difesa della libertà imprenditoriale’

L’intervista a Glauco Martinetti, Presidente Cc-Ti, sulle pagine della Cc-Ti sui quotidiani (LaRegione e CdT) del 13 ottobre 2020
#dentroleconomia
2 mesi

Corso di formazione continua “PMI e mondo finanziario”

La Cc-Ti, insieme al Centro Studi Villa Negroni, ha strutturato un’offerta formativa volta all’incremento delle competenze nell’ambito finanziario.
#dentroleconomia
2 mesi

Quando l’agricoltura incontra l’innovazione

Quando si parla di sviluppo raramente lo si fa parlando del primario. In realtà l’agricoltura negli ultimi decenni ha sviluppato notevolmente la tecnologia.
#dentroleconomia
19.10.2020 - 08:000

Locale e globale

L’opinione del Direttore della Camera di commercio, dell’industria, dell’artigianato e dei servizi del Cantone Ticino Luca Albertoni

Il tema delle relazioni internazionali del Ticino e della Svizzera è ormai dibattuto in maniera costante, vista la sempre attuale discussione sulle nostre relazioni con l’Unione Europea (UE). La campagna di votazione concernente la libera circolazione e il primo pacchetto di Accordi bilaterali tra Svizzera e UE ha dimostrato ancora una volta quanto sia necessario concentrarsi sui fatti, per capire bene quale sia il nostro ruolo nel contesto internazionale e come sia ormai impossibile prescindere da quanto avviene negli altri Paesi.

Le difficoltà dell’industria svizzera in questo periodo storico molto particolare sono strettamente legate alle incertezze che regnano in molti Paesi che per noi rappresentano mercati fondamentali, come la stessa UE, ma anche gli Stati Uniti. Incertezze che potrebbero crescere ulteriormente da novembre, quando saremo chiamati a esprimerci su un’altra iniziativa, definita “Per multinazionali responsabili”. Obiettivo certamente condiviso, ma che si vuole raggiungere attraverso un sistema complicato ed estremamente penalizzante per le aziende site in Svizzera. Queste infatti, in estrema sintesi, sarebbero chiamate a rispondere di qualsiasi irregolarità dovesse verificarsi nella loro catena di relazioni (approvvigionamento, clienti ecc.) in quasliasi Paese del mondo. Impresa praticamente impossibile anche per aziende rigorosissime nei controlli, per cui è facile pensare che esse cercherebbero altri lidi. In effetti, la normativa svizzera sarebbe unica al mondo perché andrebbe ben oltre gli standard internazionali esistenti, riconosciuti come validi. Identificare le grandi imprese, peggio ancora se multinazionali, come entità pericolose da abbattere è diventata purtroppo un’abitudine assai diffusa. Dimenticando però che sono spesso proprio queste aziende (per capacità finanziarie e organizzative) a garantire condizioni di lavoro che garantiscono molti dei principi della Responsabilità sociale delle imprese, invocata da più parti. Soprattutto dalle parti che vorrebbero cacciarle. Decisamente surreale. Senza dimenticare che la presenza di grandi aziende (multinazionali o meno) è da sempre un fondamentale tassello della nostra economia diversificata, perché dà lavoro a un enorme numero di piccole e medie aziende (giardinieri, elettricisti, autorimesse, pittori ecc., solo per citarne alcuni). 

Una vocazione internazionale che la Svizzera e il Ticino non possono assolutamente perdere e la Cc-Ti si batterà affinché le regole svizzere restino a livelli ragionevoli.

D’altro canto, continua anche il nostro impegno nel contesto della consulenza e della formazione rivolte all’export, che sta lottando strenuamente per cercare di riavvicinarsi ai livelli dello scorso anno. In ambito formativo ad esempio, abbiamo appena concluso un accordo di collaborazione con i colleghi delle Camere di commercio e dell’industria romande per svolgere un percorso/corso che aiuti le aziende a fare breccia nei mercati esteri considerati più difficili. La parte scientifica è assicurata dall’Alta Scuola di gestione di Ginevra, nel quadro del loro programma “International Business Management”.

© Regiopress, All rights reserved