Svizzera

Caritas sollecita la politica contro la crisi degli alloggi

La penuria e l'aumento dei prezzi colpiscono in particolare le economie domestiche povere. Si chiedono investimenti in abitazioni a prezzi accessibili

Il quartiere Lignon a Ginevra
(Keystone)
25 giugno 2024
|

Caritas Svizzera invita gli ambienti politici ed economici a intervenire per combattere la crisi degli alloggi. I costi elevati di questi ultimi non sono più sopportabili per le persone con un reddito modesto, ha denunciato oggi a Berna.

Le economie domestiche povere sono particolarmente colpite dalla penuria di alloggi e dall'aumento dei prezzi. In media devono considerare "un buon terzo" del loro reddito per l'alloggio e l'energia. È più del doppio di quanto spende in proporzione una famiglia media, avverte l'organizzazione.

La situazione è peggiore in alcuni cantoni, come Ginevra, osserva la direttrice di Caritas Ginevra Sophie Buchs, secondo cui il cantone romando "vive da molti anni quello che il resto della Svizzera inizia a conoscere solo ora: una grave carenza di alloggi che provoca un aumento degli affitti e porta talvolta a difficoltà di finanziamento anche le classi medie".

Impatto sulla salute

Gli affitti aumentano soprattutto perché gli alloggi diventano sempre più scarsi, in particolare quelli a prezzi accessibili. Il tasso di sfitto è ampiamente al di sotto dell'1% in molti cantoni. Anche gli aumenti del tasso ipotecario di riferimento, dello scorso giugno e del dicembre 2023, così come l'esplosione dei costi energetici dall'inizio del 2022, hanno un impatto.

Secondo l'Ong, la crisi delle abitazioni va oltre l'aspetto finanziario e può avere influenze negative sulla salute fisica e mentale. Le persone con un budget limitato devono fare concessioni in altri settori, come l'alimentazione, la salute, l'istruzione e il tempo libero.

Inoltre, più dell'80% delle economie domestiche in condizioni di povertà vivono in condizioni "inadeguate": il più delle volte "in alloggi rumorosi e scarsamente isolati, in posizioni sfavorevoli, ad esempio vicino a una strada pericolosa", sottolinea Caritas.

Necessari investimenti

In questo contesto, Caritas chiede risposte politiche, in particolare "veri investimenti nella promozione di abitazioni a prezzi accessibili" a tutti i livelli dello Stato. Chiede inoltre contributi agli affitti in base al reddito, come già avviene nei cantoni di Basilea Città, Basilea Campagna e Ginevra, nonché in alcuni comuni vodesi e ticinesi.

Per il direttore di Caritas, Peter Lack, "la politica dell'alloggio e anche una politica di lotta contro la povertà, sono più necessarie che mai".

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔