Svizzera

Caso Gazprombank, confermate le condanne in Appello

Quattro dipendenti della sede zurighese erano accusati di non aver vigilato sul patrimonio di un musicista, vicino a Putin, ritenuto un prestanome

In sintesi:
  • Per il procuratore, non è plausibile che il violoncellista Sergei Roldugin abbia potuto accumulare il patrimonio depositato 
  • I soldi transitati dai conti sono poi stati trasferiti a società a Panama e Cipro
La sede zurighese della banca
(Keystone)
25 giugno 2024
|

Il Tribunale cantonale di Zurigo, confermando la sentenza di primo grado, ha condannato martedì quattro dipendenti della banca russa Gazprombank in Svizzera per aver violato il loro dovere di diligenza in relazione al patrimonio depositato da un cittadino russo ritenuto vicino al presidente Vladimir Putin. Ha confermato la sentenza di primo grado.

Le spiegazioni dei dipendenti della banca riguardo ai conti del violoncellista e direttore d'orchestra russo Sergei Roldugin erano insufficienti, ha dichiarato il presidente del tribunale durante la lettura della sentenza martedì mattina a Zurigo.

Nel 2014, Roldugin ha aperto diversi conti presso Gazprombank Svizzera, attraverso i quali sono transitati successivamente milioni. "C'erano circostanze che lasciavano pensare che potesse trattarsi di un finanziamento tramite un prestanome", ha dichiarato il giudice. I responsabili della banca non avrebbero indagato su questi indizi.

Tre russi e uno svizzero

Gli imputati sono quattro ex dipendenti di Gazprombank Svizzera. Si tratta del direttore generale, di due membri della direzione e di un responsabile della clientela. I primi tre sono cittadini russi che vivono da tempo in Svizzera. Il quarto è un cittadino svizzero. La banca ha annunciato nell'ottobre 2022 la fine delle sue attività in Svizzera.

Il Tribunale cantonale ha condannato i quattro imputati a pene pecuniarie con la condizionale. Il direttore generale è stato condannato a 110 aliquote giornaliere da 3’000 franchi (330'000 franchi). Gli altri tre imputati hanno ricevuto pene pecuniarie di 110 aliquote giornaliere che vanno da 350 a 500 franchi. La sentenza non è ancora definitiva e può essere impugnata presso il Tribunale federale.

I quattro accusati hanno gestito dal 2014 al 2016 i conti di Sergei Roldugin. L'accusa rimprovera loro di non aver verificato se il violoncellista fosse realmente il beneficiario effettivo dei conti legati a partecipazioni in aziende che gli hanno fruttato 30 milioni di franchi in dividendi.

Il ruolo di un prestanome

Per il procuratore, non è plausibile che il violoncellista abbia potuto accumulare una tale fortuna. Sarebbe stato dunque solo un prestanome. Inoltre, il denaro è rapidamente stato trasferito all'estero verso i conti di due società con sede a Panama e a Cipro.

La difesa ha sottolineato che il musicista dispone da anni, in qualità di investitore, delle migliori relazioni con personalità della politica e dell'economia russe. È quindi plausibile che sia riuscito ad accumulare una fortuna considerevole.

In primo grado, i quattro imputati erano stati condannati a pene pecuniarie con la condizionale. Il Ministero pubblico aveva richiesto pene detentive con la condizionale. La difesa aveva chiesto l'assoluzione.

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔