Svizzera

Il terzo genere non è approvato dalla maggioranza degli elvetici

Sei cittadini su dieci sono contrari all'inserimento di una nuove voce nei documenti ufficiali

Nemo con la bandiera non binaria
(Keystone)
17 giugno 2024
|

Sei svizzeri su dieci sono contrari all'inserimento di un terzo genere nei documenti ufficiali. Questa opinione è praticamente la stessa rispetto a un anno fa. Il rifiuto è più marcato tra gli uomini che tra le donne. È quanto rileva un sondaggio condotto dall'Istituto Leewas per conto di 20 Minuten e Tamedia.

Il 43% delle donne potrebbe abituarsi a un riferimento "diverso", come ha già fatto la Germania. Tra gli uomini, la percentuale scende al 35%, indica l'indagine.

Nell'insieme della popolazione, il 57% ha rifiutato l'inclusione di un genere "diverso" rispetto al 62% di un anno fa.

Tra i partiti, l'Udc (16%) è il meno favorevole all'inclusione di un terzo genere. Il PS (67%), i Verdi (64%) e i Verdi Liberali (58%) sono più aperti, mentre il Plr (39%) e il Centro (37%) sono più o meno in linea con la media nazionale.

Secondo il sondaggio non ci sono quasi differenze tra città e campagna. Il tasso di approvazione nelle città è del 36%, un punto in meno rispetto alle altre regioni.

Se si considera l'opinione in base all'età, il rifiuto del terzo genere è più marcato tra i 35-49enni (59%), seguiti dai 18-34enni (58%). La fascia d'età 50-64 anni risulta leggermente più aperta: a rifiutare l'idea è il 56%.

A livello di istruzione, a essere più favorevoli all'idea di un terzo genere sono gli universitari (52%), mentre il 61% delle persone che ha completato la scuola dell'obbligo, una scuola professionale o commerciale rifiuta l'idea della dicitura "altro" sui documenti d'identità.

Al sondaggio online condotto dal 6 al 9 giugno hanno partecipato 12'444 persone provenienti da tutta la Svizzera. Il margine d'errore è di 2,2 punti percentuali.

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔