Svizzera

Finanziamento 13esima Avs, commissione si mette di traverso

Respinte le proposte del Consiglio federale. La maggioranza borghese vuole ‘diluire‘ la questione nella prossima ampia riforma del primo pilastro

Subito una battuta d’arresto nella commissione del Consiglio nazionale
(Keystone)

In merito al finanziamento della 13esima mensilità AVS, approvata da popolo e Cantoni, la Commissione della sicurezza sociale del Nazionale respinge le proposte di finanziamento avanzate dal Consiglio federale.

Per un solo voto di scarto (13 a 12), precisa una nota odierna dei servizi parlamentari, la commissione considera che bisognerebbe rinunciare al progetto di finanziamento proposto dal Consiglio federale e stabilire invece un meccanismo di finanziamento nell’ambito della prossima ampia riforma del primo pilastro.

Tutto questo nell’ottica di garantire un approccio globale e ben ponderato, che permetta di salvaguardare questa assicurazione sociale e il suo finanziamento per il decennio successivo, specifica la nota.

Il progetto governativo

Il Consiglio federale prevede di porre in consultazione due opzioni per garantire il finanziamento delle 13esima mensilità dal 2026 come voluto all'iniziativa popolare dei sindacati: una prevede di aumentare i contributi salariali di 0,8 punti; l’altra di aumentare sia i contributi salariali di 0,5 punti sia l’IVA di 0,4 punti.

Nel contempo, tenuto conto della difficile situazione finanziaria delle casse federali, il governo prevede di ridurre, a partire da inizio 2026 e fino all’entrata in vigore della prossima riforma dell’AVS, il contributo della Confederazione ai costi del primo pilastro dal 20,2% al 18,7%.

Su quest'ultimo aspetto, con 17 voti a 8, la commissione invita l'esecutivo a desistere. Se la quota della Confederazione dovesse comunque essere ridotta e fosse scelto un finanziamento attraverso un aumento combinato dei contributi salariali e dall’IVA, la commissione raccomanda - 13 voti a 12 - che i due elementi del finanziamento siano presentati congiuntamente nell’ambito di un unico oggetto.

13esima mensilità anche per l'AI

Volendo evitare ogni tipo di discriminazione nell’ambito del primo pilastro dopo l’adozione della 13esima AVS, la commissione ha approvato un’iniziativa parlamentare - 13 voti a 12 - volta a introdurre il versamento di una mensilità supplementare anche per i beneficiari di una rendita dell’assicurazione invalidità (AI).

La commissione spiega questo passo col fatto che finora il primo pilastro, base del sistema di previdenza svizzero, è sempre stato trattato come un tutt’uno e sia il Parlamento sia il Consiglio federale si sono adoperati per far evolvere in parallelo l’AVS e l’AI.

La commissione rammenta inoltre che la Costituzione prevede che le rendite delle due assicurazioni debbano coprire adeguatamente il fabbisogno vitale. Tale aspetto è ancora più importante nell’ambito dell’AI, pensa la commissione, dal momento che il numero di persone in situazione di precarietà è nettamente più alto tra i beneficiari dell’invalidità che non dell’AVS.

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔