ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 ore

I pirati (informatici) salgono sui convogli delle Ffs

L’ex regia federale è finita nel mirino degli hacker. Ma la compagnia assicura: ‘Operazioni ferroviarie e dati dei clienti non sono stati toccati’
Svizzera
9 ore

Tracce di listeria in due tipi di formaggio

Sono stati rinvenuti in diversi lotti del francese Gaperon d’Auvergne e della Tomette des Alpes
Svizzera
9 ore

Henrique Schneider da luglio alla testa dell’Usam

Cambio della guardia in vista per l’Unione svizzera delle arti e mestieri. L’attuale presidente, Hans-Ulrich Bigler, passa il testimone
Svizzera
10 ore

Anche i clienti commerciali della Posta dovranno usare SwissID

Il cambiamento, che dovrebbe avvenire entro la metà dell’anno in corso, coinvolge circa 350’000 utenti
Svizzera
11 ore

Bonus milionari se la ristrutturazione andrà in porto

Li avrebbe promessi ai suoi 500 manager Credit Suisse. Che domani annuncerà i risultati del quarto trimestre e dell’intero anno
Svizzera
11 ore

‘Brilla’ un obice ritrovato nelle acque del Reno

Il proiettile di mortaio, probabilmente risalente agli anni Novanta, era stato ritrovato non lontano dal quartiere residenziale di St. Alban
Svizzera
12 ore

Meteonews avverte: fazzoletti a portata di mano

Brutte notizie per gli allergici: il rialzo delle temperature previsto nei prossimi giorni porterà un’aumento dei pollini nell’aria
Svizzera
12 ore

‘A Iskenderun ci davano poche speranze, e invece...’

Il fiuto dei cani svizzeri per ritrovare i superstiti sotto le macerie del terremoto in Turchia. Al lavoro due squadre alternate sull’arco di 24 ore
Svizzera
15 ore

Il carnevale non è divertente per i cani

Gli animali sono esposti a troppo stress, soprattutto a livello uditivo: guggen e petardi non fanno bene agli amici a quattro zampe
Svizzera
17 ore

A Lucerna Migros ti porta la spesa a casa col furgone autonomo

A beneficiare della novità, ancora in fase di sperimentazione, sono i dipendenti di Schindler, colosso industriale degli ascensori e delle scale mobili
Svizzera
1 gior

Anche gli svizzeri a rischio di inondazioni

I mutamenti climatici aggravano il problema di chi abita all’interno delle vie di sfogo delle acque in caso di tracimazione. A rischio 700mila persone
Svizzera
1 gior

Kutter dal centro paraplegici di Nottwil: ‘Ce la faremo!’

Il consigliere nazionale zurighese twitta un messaggio di ottimismo dopo l’incidente sugli sci costatogli la frattura di due vertebre cervicali
Svizzera
1 gior

I Cantoni potrebbero restare per anni senza i soldi della Bns

È quanto affermano gli economisti dell’Ubs. La probabilità di una distribuzione salirà di nuovo sopra il 50% soltanto nel 2026
Svizzera
1 gior

Nel 2022 il 66% in più di traffico aereo in Svizzera

Il dato si sta riavvicinando a quello del periodo pre-pandemico distaccandosi solo del 12% rispetto al 2019
Svizzera
1 gior

Syndicom: basta molestie e sessismo nelle redazioni

Sulla scia delle rivelazioni su casi di mobbing e sessismo presso una testata del gruppo Tamedia, il sindacato dei media reclama un cambio di cultura
Svizzera
1 gior

Niente da fare per l’iniziativa per pensioni eque

I promotori gettano la spugna: l’obiettivo delle 100mila firme entro il 7 marzo resta una chimera
08.12.2022 - 15:43
Aggiornamento: 16:17

Baume-Schneider, Rösti: l’en plein delle Franches-Montagnes

La regione della consigliera federale eletta esce due volte vincitrice. La ‘Question jurassienne’? Il bernese dice che lui l’aveva già chiusa

baume-schneider-rosti-l-en-plein-delle-franches-montagnes
Keystone
Baume-Schneider sventola la bandiera giurassiana sulla Piazza federale assieme ai suoi conterranei: il Giura ha la sua prima consigliera federale

Si è spenta l’eco dei clacson dei tifosi portoghesi. La nebbia della vigilia si è dissipata. Passano sferraglianti i primi tram. Sfrecciano ciclisti imbacuccati. Un uomo porta a passeggio il cane. Auto poche. Gli addetti alla nettezza urbana vuotano i cestini. La Bundesgasse a quest’ora è un lungo vialone buio, punteggiato di poche luci: i semafori; il mercatino natalizio; il ‘Fitness Park’ che apre a minuti, alle 6 (per quelli che prima della colazione i bicipiti, oh yeah). Al Medienzentrum i giornali sono ancora quelli di martedì. I siti dei quotidiani danno risalto alla scoppola rimediata dalla ‘Nati’ contro il Portogallo.

Non si passa: è ‘un giorno speciale’

A Palazzo federale dev’esserci già un discreto viavai. Prima però bisogna entrare. E non è facile, nemmeno per i giornalisti con accredito permanente. «No, sotto: oggi è un giorno speciale», fa un arcigno agente della Fedpol. Un collega della Ssr ci prova: «Ho una diretta tra mezz’ora». Niente da fare. Si va all’entrata dei visitatori, lato Bundesterrasse. Pochi minuti di trattative. Ok, dentro.

In effetti c’è un bel movimento: parlamentari, giornalisti, tecnici di radio e tv, gli addetti dei Servizi del Parlamento, molti visitatori. E i candidati. Albert Rösti sembra una trottola. Hans-Ueli Vogt stringe mani, scambia due chiacchiere qua e là. Le candidate del Ps arrivano assieme, si infilano al Café Vallotton. Le 8 in punto: il presidente del Consiglio nazionale, il grigionese Martin Candinas (Centro), brandisce la campanella. Si comincia.

Rösti, senza storia

L’ultimo rinnovo parziale del Consiglio federale, quattro anni fa, si concluse in quattro e quattr’otto: Viola Amherd (Centro, allora Ppd) e Karin Keller-Sutter (Plr) elette già al primo scrutinio. Stavolta ci vorrà un po’ di più. Una mezz’oretta scarsa per Albert Rösti: con 131 voti (maggioranza assoluta: 122), il consigliere nazionale bernese manda a casa già al primo turno – proprio sotto gli occhi della moglie Theres, in tribuna assieme ai due figli e alla 91enne mamma Hanni – il professore ed ex consigliere nazionale zurighese Hans-Ueli Vogt (98). Nessuna sorpresa. Molti davano per scontato un secondo turno. Invece no.

Poi i giochi si fanno seri. In palio c’è il seggio di Simonetta Sommaruga. Elisabeth Baume-Schneider (Ebs) non parte coi favori del pronostico, ma la giurassiana al primo turno è già davanti: 96 voti, contro gli 83 di Eva Herzog e i 58 di un certo... Daniel Jositsch. Il capogruppo del Ps Roger Nordmann si appella all’Assemblea federale: scegliete una delle due «eccellenti candidate» sul ticket ufficiale, «è tempo di eleggere la decima consigliera federale».

Il terzo ingombrante incomodo

Pochi recepiscono. Al secondo scrutinio, l’ambizioso ‘senatore’ zurighese – escluso dal ticket in quanto uomo – incassa ancora 28 voti; Herzog (105) riduce il distacco da Ebs (112). Ma non siamo ancora alla maggioranza assoluta. Jositsch non si chiama fuori dai giochi. Continuando a drenare preziosi voti (il copresidente del Ps Cédric Wermuth censurerà poi su Twitter la "mini-rivolta maschilista di Udc, Plr e Centro"; Nordmann ipotizzerà che "se sul ticket ci fosse stato un uomo, sarebbe stato eletto").

Si va così al terzo turno: 22 dei 28 voti del terzo, ingombrante incomodo si suddividono equamente tra le due candidate, a lui ne restano 6. Risultato: Herzog va a 116, Ebs a 123, esattamente la maggioranza assoluta richiesta. La ‘senatrice’ dirà in seguito in una conferenza stampa di aver «bussato alla porta del Consiglio federale con un po’ d’audacia giurassiana». La porta si è spalancata. E lei ora si vede come «ponte tra diverse culture, tra città e campagna, tra autorità e popolazione, tra generazioni e tra comunità straniere».

Il trionfo delle Franches-Montagnes

Ma siamo ancora a Palazzo. Al ristorante Galérie des Alpes avviciniamo Marcel Winistörfer, sindaco (appena rieletto) di Moutier, cittadina del Giura bernese che nel 2026 passerà al Canton Giura: «Le Franches-Montagnes oggi hanno vinto due volte: con Elisabeth Baume-Schneider, che è di Les Breuleux; e con Albert Rösti, che è presidente della federazione degli allevatori dei cavalli delle Franches-Montagnes. È fantastico!». Al pianterreno, un sontuoso aperitivo. Pochi degnano di uno sguardo i Läckerli basilesi. Invece fuori, tra i giurassiani festanti, da un po’ i bicchieri si allungano verso le bottiglie di Damassine.

È quasi mezzogiorno: c’è una valigia abbandonata vicino a Palazzo federale. La polizia sbarra l’accesso all’area. L’"oggetto sospetto" si rivela inoffensivo, alle 12.43 l’allarme rientra. Nessuna bomba.

La bomba

Il 7 gennaio 1993, qui a Berna, un giovane militante autonomista dei Bélier, Christophe Bader, perse la vita nell’esplosione dell’ordigno artigianale che trasportava. Trent’anni dopo, è il Canton Giura a far scoppiare una bomba, simbolica: l’elezione della sua prima consigliera federale. Sulla Piazza federale i giurassiani – a fianco dei bernesi – abbracciano persino il bernese Albert Rösti.

Un bernese e una giurassiana eletti lo stesso giorno in Consiglio federale: segno che la ‘Question jurassienne’ è definitivamente chiusa?, chiediamo di lì a poco a Rösti in una conferenza stampa al Medienzentrum. «Ne sono sicuro», dice. «Anche se per me era già chiusa quando, da bernese, sono stato eletto presidente della federazione degli allevatori dei cavalli delle Franches-Montagnes».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved