ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 ore

I pirati (informatici) salgono sui convogli delle Ffs

L’ex regia federale è finita nel mirino degli hacker. Ma la compagnia assicura: ‘Operazioni ferroviarie e dati dei clienti non sono stati toccati’
Svizzera
9 ore

Tracce di listeria in due tipi di formaggio

Sono stati rinvenuti in diversi lotti del francese Gaperon d’Auvergne e della Tomette des Alpes
Svizzera
9 ore

Henrique Schneider da luglio alla testa dell’Usam

Cambio della guardia in vista per l’Unione svizzera delle arti e mestieri. L’attuale presidente, Hans-Ulrich Bigler, passa il testimone
Svizzera
10 ore

Anche i clienti commerciali della Posta dovranno usare SwissID

Il cambiamento, che dovrebbe avvenire entro la metà dell’anno in corso, coinvolge circa 350’000 utenti
Svizzera
11 ore

Bonus milionari se la ristrutturazione andrà in porto

Li avrebbe promessi ai suoi 500 manager Credit Suisse. Che domani annuncerà i risultati del quarto trimestre e dell’intero anno
Svizzera
11 ore

‘Brilla’ un obice ritrovato nelle acque del Reno

Il proiettile di mortaio, probabilmente risalente agli anni Novanta, era stato ritrovato non lontano dal quartiere residenziale di St. Alban
Svizzera
12 ore

Meteonews avverte: fazzoletti a portata di mano

Brutte notizie per gli allergici: il rialzo delle temperature previsto nei prossimi giorni porterà un’aumento dei pollini nell’aria
Svizzera
12 ore

‘A Iskenderun ci davano poche speranze, e invece...’

Il fiuto dei cani svizzeri per ritrovare i superstiti sotto le macerie del terremoto in Turchia. Al lavoro due squadre alternate sull’arco di 24 ore
08.12.2022 - 11:42
Aggiornamento: 14:45

La Confederazione rischia di non dormire più sonni tranquilli

Nel Preventivo 2023 attenzione all’etica dello sport, al vino svizzero e alla protezione delle greggi contro il lupo

Ats, a cura di Red.Web
la-confederazione-rischia-di-non-dormire-piu-sonni-tranquilli
Ti-Press
Le luci di Palazzo federale

I dibattiti attorno al Preventivo 2023 della Confederazione sono terminati. La versione del governo prevedeva 81,3 miliardi di franchi di entrate a fronte di 86,2 miliardi di franchi di spese, con un deficit di finanziamento di 4,8 miliardi. Rispetto a questa bozza, le Camere hanno aggiunto 14,46 milioni di uscite supplementari.

Il Consiglio degli Stati ha eliminato così l’ultima divergenza col Nazionale approvando un aumento di spesa di 360mila franchi per migliorare la situazione etica nello sport. Il parlamento ha poi deciso di attribuire un importo supplementare di 4 milioni per la protezione delle greggi contro il lupo. La somma totale per questa voce di spesa passa così da 8 a 12 milioni.

In seguito è stato deliberato un supplemento di 6,2 milioni per le promozione dello smercio del vino svizzero. L’importo totale a questa voce passa da 69,35 a 75,55 milioni. Le Camere hanno poi accettato di destinare 3,9 milioni supplementari per la preservazione delle "razze indigene" degli animali da reddito.

La misura più consistente ammonta a 4 miliardi e riguarda il piano di salvataggio per il settore elettrico. In tal modo Axpo Holding, se necessario, potrà ricorrere a un prestito federale anche nel 2023, sempre nel rispetto delle scadenze definite. Questo importo è iscritto nel bilancio straordinario.

Richiesta una maggiore disciplina della spesa

Nel complesso, i deputati hanno apportato poche modifiche al progetto di bilancio del governo. Tutte le proposte di tagli presentate dall’Udc sono state respinte; idem per le proposte di aumento inoltrare dalla sinistra.

In futuro, è probabile che il bilancio darà luogo a discussioni molto più accese. Le prospettive finanziarie non sono in effetti rosee. Nel corso delle discussioni, la destra in particolare ha chiesto un ritorno a una maggiore disciplina nella spesa.

Il "ministro" delle Finanze uscente, Ueli Maurer, ha più volte messo in guardia i presenti: se nel 2023 potremo ancora dormire tranquilli, negli anni successivi ciò non sarà più il caso. Il deficit di finanziamento potrebbe salire a sette miliardi entro il 2026.

Tasse su? Per ora non sembra

Per questo l’esecutivo sta già pensando a misure di contenimento delle uscite in vista del Preventivo 2024. Per ora, di aumentare le imposte non se ne parla. Tuttavia, le opinioni su come reagire alla difficile situazione variano notevolmente a seconda del gruppo parlamentare.

Oltre al bilancio 2023 e al piano finanziario per il periodo 2024-2026, il parlamento si è occupato anche dei crediti supplementari per il 2022 (seconda aggiunta al Preventivo 2022). La somma chiesta dal governo, e accolta dalle Camere, ammonta a quasi 1,8 miliardi e riguarda principalmente il settore della migrazione, quest’ultimo connesso alla guerra in Ucraina (1,2 miliardi), la centrale elettrica di riserva di Birr, in Argovia (191 milioni), e gli interessi sui debiti (135 milioni). Cento milioni sono inoltre destinati all’Ucraina per superare questo inverno.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved