ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
3 ore

Addio carta: il Canton Berna si dà al digitale

Dal primo marzo le autorità comunicheranno, salvo rare eccezioni, unicamente attraverso i mezzi elettronici
Svizzera
7 ore

Ringier istituisce gruppo di lavoro su missione giornalistica

Alla ‘task force’ il compito di sviluppare una dichiarazione che i caporedattori saranno chiamati a dover rispettare
Svizzera
7 ore

Marco Chiesa sollecita la congiunzione delle liste con il Plr

Per il presidente dll’Udc è l’unico modo per evitare l’avanzata della sinistra. Che non risparmia di critiche
Svizzera
9 ore

I Verdi puntano a diventare la terza forza politica del Paese

Dall’assemblea di Ginevra, il presidente Balthasar Glättli non lesina critiche all’indirizzo dell’Udc e della sua posizione in materia energetica
Svizzera
10 ore

Sale la tensione con la Cina? Le Pmi svizzere delocalizzano

A causa della delicata situazione, le aziende battenti bandiera rossocrociata si orientano su piazze produttive in Vietnam, Thailandia e India
Svizzera
11 ore

L’Udc pronta a dar battaglia a ‘cultura woke’ e immigrazione

Adunata dei delegati a Bülach per lanciare l’anno elettorale 2023. Piatto forte dell’assemblea discussioni sul genere e approvvigionamento energetico
Svizzera
1 gior

Sarebbe riuscita l’iniziativa per la responsabilità ambientale

I Giovani Verdi annunciano di aver raccolto oltre 100mila firme. Il concetto di ‘limite naturale’ al centro della proposta di modifica costituzionale.
Svizzera
1 gior

Giornalista scopre monumento nazista nel cimitero di Coira

Ha fatto parte del culto dell’eroe con cui Hitler ha giustificato la guerra, scrive la Srf. Le autorità non ne erano a conoscenza.
richiedenti asilo
30.11.2022 - 22:16

Revocata l’attribuzione anticipata ai Cantoni

Nei centri federali è di nuovo disponibile un numero di posti letto sufficiente per accogliere i richiedenti appena arrivati

Ats, a cura di Red.Svizzera
revocata-l-attribuzione-anticipata-ai-cantoni
Richiedenti asilo a Zurigo (Keystone)

Berna – Nei centri federali d’asilo è di nuovo disponibile un numero di posti letto sufficiente per accogliere i richiedenti appena arrivati. A partire da metà dicembre la Segreteria di Stato della migrazione (Sem) quindi non attribuirà più anticipatamente ai cantoni i richiedenti l’asilo la cui procedura non è ancora conclusa, indica la stessa Sem in un comunicato odierno.

Sebbene negli ultimi mesi la Sem abbia aumentato il numero di posti letto nelle strutture federali da 5’000 a oltre 9’000, i centri si sono rapidamente riempiti. Dalla fine di ottobre, la Sem assegna provvisoriamente una parte dei richiedenti asilo ai cantoni prima dell’iter normale, per continuare a garantire le capacità di accoglienza. Inizialmente questa disposizione riguardava le persone per le quali era stato disposto il rimpatrio, nelle ultime settimane è stata estesa alle persone la cui procedura di asilo non è ancora stata completata.

Di nuovo posti disponibili

Secondo la Sem, questa misura straordinaria si è dimostrata efficace e ha permesso di accogliere tutti i richiedenti l’asilo e le persone in provenienza dall’Ucraina che chiedono protezione in Svizzera. Un risultato raggiunto grazie anche all’ulteriore velocizzazione delle procedure, all’impiego di specialisti supplementari per il trattamento delle domande d’asilo, ma anche al sostegno dell’Esercito che mette a disposizione diverse strutture supplementari.


Piccoli richiedenti asilo a Zurigo (Keystone)

Dato che ora nei centri federali d’asilo è nuovamente disponibile un numero sufficiente di posti letto, dal 16 dicembre la Sem non assegnerà più anzitempo ai cantoni i richiedenti la cui procedura è ancora in corso. Se necessario, i richiedenti oggetto di una decisione di allontanamento continueranno a essere attribuiti ai cantoni prima dello scadere della durata di soggiorno minima di 140 giorni nei centri federali d’asilo. La misura riguarda un numero abbastanza esiguo di persone, assicura la Sem.

Sempre molte domande

In ottobre la Sem ha registrato 3’208 nuove domande d’asilo, ossia il valore mensile più alto dall’inizio del 2016. E per novembre si prevedono cifre analoghe. Complessivamente, alla fine dell’anno le domande d’asilo dovrebbero raggiungere quota 24’500, a cui si aggiungono le 2’600-3’000 persone fuggite dall’Ucraina che chiedono ogni mese lo statuto di protezione S. La Sem, in collaborazione con l’Esercito, sta esaminando la possibilità di mettere a disposizione alloggi supplementari.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved