ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
7 ore

I pirati (informatici) salgono sui convogli delle Ffs

L’ex regia federale è finita nel mirino degli hacker. Ma la compagnia assicura: ‘Operazioni ferroviarie e dati dei clienti non sono stati toccati’
Svizzera
9 ore

Tracce di listeria in due tipi di formaggio

Sono stati rinvenuti in diversi lotti del francese Gaperon d’Auvergne e della Tomette des Alpes
Svizzera
9 ore

Henrique Schneider da luglio alla testa dell’Usam

Cambio della guardia in vista per l’Unione svizzera delle arti e mestieri. L’attuale presidente, Hans-Ulrich Bigler, passa il testimone
Svizzera
9 ore

Anche i clienti commerciali della Posta dovranno usare SwissID

Il cambiamento, che dovrebbe avvenire entro la metà dell’anno in corso, coinvolge circa 350’000 utenti
Svizzera
10 ore

Bonus milionari se la ristrutturazione andrà in porto

Li avrebbe promessi ai suoi 500 manager Credit Suisse. Che domani annuncerà i risultati del quarto trimestre e dell’intero anno
Svizzera
11 ore

‘Brilla’ un obice ritrovato nelle acque del Reno

Il proiettile di mortaio, probabilmente risalente agli anni Novanta, era stato ritrovato non lontano dal quartiere residenziale di St. Alban
Svizzera
11 ore

Meteonews avverte: fazzoletti a portata di mano

Brutte notizie per gli allergici: il rialzo delle temperature previsto nei prossimi giorni porterà un’aumento dei pollini nell’aria
Svizzera
11 ore

‘A Iskenderun ci davano poche speranze, e invece...’

Il fiuto dei cani svizzeri per ritrovare i superstiti sotto le macerie del terremoto in Turchia. Al lavoro due squadre alternate sull’arco di 24 ore
Svizzera
14 ore

Il carnevale non è divertente per i cani

Gli animali sono esposti a troppo stress, soprattutto a livello uditivo: guggen e petardi non fanno bene agli amici a quattro zampe
Svizzera
16 ore

A Lucerna Migros ti porta la spesa a casa col furgone autonomo

A beneficiare della novità, ancora in fase di sperimentazione, sono i dipendenti di Schindler, colosso industriale degli ascensori e delle scale mobili
Svizzera
1 gior

Anche gli svizzeri a rischio di inondazioni

I mutamenti climatici aggravano il problema di chi abita all’interno delle vie di sfogo delle acque in caso di tracimazione. A rischio 700mila persone
Svizzera
1 gior

Kutter dal centro paraplegici di Nottwil: ‘Ce la faremo!’

Il consigliere nazionale zurighese twitta un messaggio di ottimismo dopo l’incidente sugli sci costatogli la frattura di due vertebre cervicali
Svizzera
1 gior

I Cantoni potrebbero restare per anni senza i soldi della Bns

È quanto affermano gli economisti dell’Ubs. La probabilità di una distribuzione salirà di nuovo sopra il 50% soltanto nel 2026
29.11.2022 - 13:35
Aggiornamento: 18:38

Al via la riforma del Secondo pilastro

Passano la riduzione del tasso di conversione dal 6,8 al 6% e l’abbassamento della soglia d’entrata nel sistema

Ats, a cura di Red.Web
al-via-la-riforma-del-secondo-pilastro
Keystone

Il Consiglio degli Stati ha iniziato oggi a esaminare il corposo dossier della riforma del Secondo pilastro. Tra le decisioni già prese figura la riduzione del tasso di conversione dal 6,8 al 6% e l’abbassamento della soglia d’entrata nel sistema allo scopo di assicurare anche i bassi salari. Le discussioni, interrotte alle 13, riprenderanno un altro giorno, quando saranno discusse le compensazioni per la generazione transitoria.

La riduzione dell’aliquota di conversione, elemento centrale della riforma, è stata approvata da entrambi i rami del Parlamento senza grosse obiezioni. Per scongiurare una eccessiva diminuzione delle rendite – l’abbassamento dell’aliquota comporterebbe infatti una loro contrazione di circa il 12% –, il progetto prevede alcune misure per aumentare l’avere di vecchiaia disponibile al momento del pensionamento. Tra queste figura l’abbassamento della soglia d’entrata nel sistema, che passerà a 17’208 franchi (dagli attuali 21’510 franchi). In tal modo sarebbero assicurati in una cassa pensioni 140’000 lavoratori supplementari con salari modesti, principalmente donne. Il Nazionale vorrebbe diminuire tale soglia in modo più marcato (a 12’548 franchi) e assicurare così 320’000 lavoratori a basso reddito.

Altra novità: la deduzione di coordinamento, ovvero della parte inferiore del salario che non è assicurata, sarà ridotta. Attualmente è fissata a 25’095 franchi (7/8 della rendita massima AVS, ndr); Consiglio federale e nazionale propongono di dimezzarla. Gli Stati oggi hanno invece deciso (34 voti a 10) che questa corrisponderà al 15% della parte di salario compresa tra 0 e 85’320 franchi (in tutte le varianti la parte di salario che supera quest’ultima soglia non è assicurabile).

Questa soluzione, ha spiegato il relatore commissionale Erich Ettlin (Centro/OW), permetterà di meglio assicurare i bassi salari e chi ha più di un impiego. Inutile l’opposizione di Damian Müller (PLR/LU) che, giudicando la versione proposta troppo costosa per salariati e datori di lavoro, proponeva di restare alla versione uscita dal Nazionale. Questa misura e la precedente comporteranno un aumento dei prelievi salariali, dal momento che i contributi alla cassa pensioni saranno riscossi su una parte maggiore dello stipendio. Il capitale LPP risparmiato sarà però più corposo, consentendo così di compensare il previsto calo del tasso di conversione.

Il progetto prevede poi una modifica delle aliquote per gli accrediti di vecchiaia prelevati sul salario, con il passaggio a due sole categorie d’età. Contrariamente alla Camera del popolo, gli Stati non hanno invece voluto modificare l’età a partire della quale si inizia a versare gli accrediti vecchiaia. Il Nazionale vorrebbe portarla da 25 a 20 anni.

Compensazioni per la generazione transitoria

Oggi i "senatori" non hanno invece avuto il tempo di votare le compensazioni per la generazione transitoria, vero pomo della discordia della riforma. Il Consiglio federale, che si è basato sul compromesso raggiunto tra i sindacati e l’Unione svizzera degli imprenditori (USI), propone un supplemento di rendita per chi andrà in pensione nei 15 anni successivi all’entrata in vigore della riforma.

Il Nazionale ha modificato la proposta governativa allo scopo di compensare in modo mirato le risultanti diminuzioni delle rendite. Il calcolo del supplemento di rendita finale dovrebbe così anche tener conto delle prestazioni sovraobbligatorie della cassa pensioni.

Diversamente da quanto proposto dal governo, il supplemento di rendita andrebbe finanziato solidalmente da tutti gli assicurati soltanto nella misura in cui gli eventuali accantonamenti costituiti dalle singole casse pensioni non siano sufficienti. A tale scopo il fondo di garanzia potrà riscuotere dalle casse pensioni importi pari allo 0,15% dei salari assicurati secondo la LPP.

La Commissione della sicurezza sociale degli Stati (CSSS-S) propone al plenum di confermare il fatto che la generazione di transizione consideri le prime 15 classi d’età che andranno in pensione dopo l’entrata in vigore della riforma. Diverso, rispetto al Nazionale, sarebbe però il metodo di calcolo per determinare il supplemento di rendita: la CSSS-S vuole prendere in considerazione anche l’ammontare del capitale LPP risparmiato.

Il finanziamento delle rendite supplementari è simile alla proposta del Nazionale. L’aliquota che il fondo di garanzia potrebbe riscuotere dalle casse pensioni sarebbe però portata allo 0,24% dei salari assicurati secondo la LPP.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved