ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
9 ore

Unione sindacale: riconfermato per 4 anni Pierre-Yves Maillard

Due donne vicepresidenti: la presidente di Unia Vania Alleva e la segretaria generale del Vpod/Ssp Natascha Wey
Svizzera
12 ore

Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione

All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
14 ore

Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile

Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
15 ore

Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese

Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
16 ore

Suicidio assistito: Cappato si autodenuncia a Milano

Il tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni rischia fino a dodici anni di carcere per aver accompagnato in Svizzera un malato di 82 anni
Svizzera
18 ore

La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’

La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
1 gior

Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid

L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
1 gior

Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale

Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
1 gior

Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio

È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
1 gior

Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web

Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
1 gior

Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)

Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
06.10.2022 - 13:05
Aggiornamento: 15:16

‘Io, adolescente e con la fedina penale già macchiata’

Fra i reati più commessi dai giovanissimi ci sono il taccheggio e il porto abusivo di armi, lo indica un’indagine internazionale

Ats, a cura di Red.Web
io-adolescente-e-con-la-fedina-penale-gia-macchiata
Ti-Press

In Svizzera è in aumento il numero di adolescenti che ammettono di aver commesso almeno un reato nella loro vita. I furti di merci nei negozi risultano in testa, davanti al porto illegale di armi e ai vandalismi. Le risse sono gli atti di violenza citati più spesso.

Sono alcuni dati che emergono dalla pubblicazione odierna del quarto studio internazionale sull’autosegnalazione della delinquenza ("International Self-Report Delinquency Study") condotto in 49 Paesi. In Svizzera l’indagine è stata condotta tra maggio e luglio del 2021 in 24 cantoni. Le Scuole universitarie di scienze applicate di Friburgo e di Zurigo hanno mandato un questionario a 11’019 scolari, la maggior parte dei quali aveva tra i 14 e i 15 anni. Rispetto alla precedente indagine del 2013 sono aumentate sia la delinquenza giovanile sia le esperienze di vittimizzazione riportate dagli adolescenti. Questo risultato è rafforzato dal fatto che gli adolescenti sono molto più propensi a parlare dei propri reati rispetto agli adulti, sottolineano le due università.

Il taccheggio è il reato più frequentemente citato (15%) dagli adolescenti intervistati. Il 10,3% ha ammesso di portare con sé armi da fuoco, manganelli, coltelli o altre armi proibite. Gli atti di vandalismo hanno interessato il 9,4% dei giovani e lo spaccio di droga il 5,5%. Sono invece risultati rari, i furti con scasso (1,5%) e i furti d’auto (1,1%).

Risse e rapine

Il 6,4% degli interpellati ha detto di aver partecipato a una rissa nell’anno precedente l’indagine. Il 2,6% ha ammesso di aver aggredito e ferito seriamente una persona. E l’1,3% ha commesso una rapina, a mano armata o con violenze e minacce. Online, il 5% ha commesso crimini di odio, il 2,9% ha inviato foto intime contro la volontà delle vittime. Le truffe e la pirateria in rete hanno interessato il 2,7% dei giovani intervistati.

Complessivamente il 5% degli adolescenti intervistati è stato responsabile del 76% dei reati denunciati. Questi giovani recidivi commettono in media 66 reati all’anno. Come misura preventiva, gli autori dello studio invitano a identificarli e sottoporli precocemente a un trattamento terapeutico.

La quota di maschi tra i giovani delinquenti è significativamente più alta di quella delle ragazze, in particolare per quanto riguarda la violenza e il furto. Per tutti i reati segnalati sono inoltre sovra-rappresentati gli adolescenti figli di immigrati. Tuttavia questa differenza relativa all’origine viene meno se si tiene conto della situazione socioeconomica e di fattori quali la violenza domestica o il fatto di vivere in quartieri problematici. Nella Svizzera francese, furti nei negozi, risse, pirateria informatica, porto illegale di armi di adolescenti sono più frequenti che nella Svizzera tedesca e in Ticino. Quest’ultima regione spicca invece per i graffiti. I giovani delinquenti della Svizzera tedesca sono invece più attivi nel traffico di droga e nei crimini d’odio online rispetto ai romandi.

Le vittime subiscono furti, violenza domestica e minacce

Riguardo alla vittimizzazione, il 25,4% dei giovani interpellati ha riferito di aver subito furti. Il 16,2% ha riferito di violenza domestica: più spesso schiaffi, spintoni o colpi, ma per il 5% anche pugni, calci o percosse con oggetti. Il 3,7% ha denunciato una rapina o un’aggressione fisica. Il 3,2% si è descritto come vittima di crimini di odio quali minacce o violenza. Il 13,8% ha ricevuto minacce sui social network. In misura minore, il 5,1% ha subito molestie sessuali online.

I maschi sono più spesso vittime di crimini violenti. Le ragazze si trovano particolarmente spesso ad affrontare crimini di odio su Internet, violenza domestica e molestie sessuali. I giovani con un background migratorio risultano più spesso vittime di tutti i reati complessivamente, a eccezione delle rapine. In generale, il rischio di venire vittimizzato è più alto nella Svizzera romanda. L’indagine pubblicata oggi è la quarta dell’"International Self-Report Delinquency Study", dopo quelle del 92/93, 2005/07 e 2013. Alle precedenti ha partecipato un numero minore di Paesi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved