ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
42 min

Polizze con codice Qr, bilancio ‘molto positivo’

A due mesi dalla sua introduzione, la Posta si dice soddisfatta della risposta dell’utenza. ‘Per la stragrande maggioranza è una routine’
Svizzera
1 ora

Per Ruth Dreifuss un dottorato honoris causa

A conferirglielo, per l’impegno a favore di un mondo più giusto, delle pari opportunità e della tutela delle minoranze è stata l’Università di Berna
Svizzera
1 ora

Scansa un camion e centra il guardrail a bordo carreggiata

Incidente della circolazione sulla cantonale che da Coira porta ad Arosa: ingenti danni a vettura e infrastruttura stradale. Illeso il conducente
Svizzera
3 ore

Fogh Rasmussen: ‘La Svizzera non può chiamarsi fuori’

L’ex segretario generale della Nato critica la neutralità del nostro Paese nell’ambito del conflitto in Ucraina
Svizzera
4 ore

Sale sul tetto di un vagone e resta folgorato: grave un 18enne

Incidente nella notte alla stazione di Gossau (Sg). Il giovane è stato trasportato all’ospedale in condizioni critiche
Svizzera
19 ore

Il centro di cybersicurezza diventa un ufficio federale del Ddps

Lo ha deciso oggi il Consiglio federale incaricando il Dipartimento di predisporre le strutture del nuovo ufficio entro fine marzo 2023
Svizzera
20 ore

Gestione sostenibile delle imprese, stabilite le prossime tappe

Nel rapporto approvato oggi il Consiglio federale ha ribadito la grande importanza attribuita al rispetto dei diritti umani e alla protezione ambientale
Svizzera
21 ore

Spazio economico europeo, tre svizzeri su quattro favorevoli

Secondo lo studio condotto da gfs.bern, la maggioranza vede di buon occhio il mercato europeo e una partecipazione ai programmi europei di cooperazione
01.10.2022 - 10:43

Infertilità e calo delle nascite: ma non è colpa dei vaccini

Lo rivela uno studio. Altre ricerche parlano di questa possibilità, temporanea, per quanto riguarda la fertilità degli uomini

Ats, a cura di Red.Web
infertilita-e-calo-delle-nascite-ma-non-e-colpa-dei-vaccini
Ti-Press
Covid-19

L’Istituto svizzero per gli agenti terapeutici Swissmedic ha studiato una possibile correlazione tra fertilità e vaccini anti-Covid-19 ed è giunto alla conclusione che non esistono prove scientifiche che i vaccini possano compromettere la fertilità umana.

Swissmedic ha condotto l’indagine in collaborazione con dieci autorità partner di paesi anche con un tasso di copertura vaccinale nettamente più elevato rispetto alla Svizzera. Queste autorità di controllo dei medicamenti rappresentano insieme una popolazione pari di circa 800 milioni di persone. In nessuno dei Paesi in questione si rilevano al momento segnali di una correlazione.

Swissmedic ha ricevuto domande da parte di cittadini e da chi opera nei media, in merito a una possibile correlazione tra i vaccini anti-Covid-19 e la fertilità. "Da un punto di vista scientifico, né la letteratura di settore pubblicata, né la sorveglianza del mercato mondiale indicano che i vaccini basati sulla tecnologia a mRna possano compromettere la fertilità umana. Nemmeno in Svizzera Swissmedic ha ricevuto segnalazioni di circostanza preoccupante a tal proposito", precisa un comunicato.

Calo delle nascite dovuto ad altri fattori

In alcuni Paesi sono state riscontrate variazioni dei tassi di natalità sia nel periodo della pandemia che in corrispondenza dell’inizio della campagna vaccinale. In Svezia e nei paesi germanofoni si è registrato dapprima un aumento del tasso di fertilità, nel corso del 2021, cui è seguita una forte diminuzione all’inizio del 2022. Tra le cause del calo si ipotizza che le persone possano aver posticipato il desiderio di avere un figlio per timore che la vaccinazione esercitasse effetti negativi sulla fertilità. A ciò potrebbero aver contribuito anche le raccomandazioni ufficiali, inizialmente esitanti rispetto alla vaccinazione delle donne in gravidanza.

In alcuni Paesi (Spagna, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti) invece si è osservato un calo significativo della fertilità già nove mesi dopo che iniziasse la pandemia e prima dell’avvio della campagna vaccinale. L’Istituto federale tedesco per la ricerca sulla popolazione elenca tra le cause del calo delle nascite sia la crisi sanitaria che le conseguenti incertezze economiche. Visto le differenze "appare pertanto piuttosto difficile dimostrare un nesso causale tra vaccinazione e fertilità".

Riduzione della fertilità dovuta al Covid-19

Alcuni studi hanno invece concluso che un’infezione da Covid-19 può ridurre temporaneamente la fertilità negli uomini. Sono infatti state riscontrate una diminuzione della produzione di sperma, disfunzione erettile o carenza di testosterone negli uomini che hanno contratto il coronavirus. In seguito al contagio, la probabilità di una gravidanza diminuiva rapidamente e sono stati necessari almeno 60 giorni prima che gli uomini interessati tornassero a essere fertili quanto quelli non infettati.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved