ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

A Berna inizia il dibattito sul preventivo 2023

Pandemia e salvataggio del settore energetico pesano sul budget della Confederazione, previsto in deficit per 4,8 miliardi di franchi
Svizzera
2 ore

Al via la visita in Svizzera del presidente italiano Mattarella

Il Presidente della Repubblica incontrerà il presidente della Confederazione Cassis e i consigliere federali Sommaruga, Amherd e Parmelin
Svizzera
14 ore

Consiglio degli Stati, Brigitte Häberli-Koller eletta presidente

La turgoviese del Centro prende il posto di Thomas Hefti (Plr/Gl) che ha deciso di non presentarsi alle elezioni federali del prossimo ottobre
Svizzera
14 ore

Pirati della strada, pene severe ma eccezioni possibili

Dopo il Nazionale, marcia indietro anche agli Stati sull‘attenuazione delle pene. Si introducono però attenuanti per chi sgarra per la prima volta
Svizzera
15 ore

Saranno quasi 200 i milioni di franchi destinati all’ambiente

Lo ha deciso il Consiglio degli Stati per 29 voti a 16, approvando una proposta di minoranza della verde Adèle Thorens Goumaz
Svizzera
16 ore

Cure infermieristiche, approvato rafforzamento professione

L’iniziativa chiede in particolare che sia disponibile un numero sufficiente di infermieri diplomati per rispondere al fabbisogno crescente di cure
Svizzera
17 ore

Agricoltura: più impiego di erbicidi, insetticidi e fungicidi

Vendute nel 2021 circa 2’259 tonnellate di prodotti fitosanitari, 329 tonnellate in più rispetto al 2020
Svizzera
19 ore

Nessuna sanzione disciplinare contro Roger Köppel

Il consigliere nazionale Udc era sospettato di aver violato il segreto d’ufficio per alcune dichiarazioni sul suo canale video
Svizzera
19 ore

Un grigionese sullo scranno più alto del Consiglio nazionale

Appartenente al Centro, 42enne, nato a Rabius, nella Surselva, Martin Candinas è stato eletto nella Camera bassa nel 2011
Svizzera
1 gior

Circolazione e cure infermieristiche nel menu invernale a Berna

Al via la sessione invernale che eleggerà anche i consiglieri federali in sostituzione di Maurer e Sommaruga e i nuovi presidenti delle due Camere
Svizzera
1 gior

Oggi a Berna il tradizionale mercato delle cipolle

Nella capitale un centinaio di pullman turistici da tutta la Svizzera e dall’estero
elezioni cantonali
1 gior

Svitto: il Plr difende il seggio nel governo al ballottaggio

Damian Meier si è infatti imposto sulla concorrente dei Verdi liberali Ursula Lindauer. Il governo locale è interamente in mano ai partiti borghesi
alle urne
1 gior

Clima, tasse e giustizia: si è votato in otto Cantoni

Riforma giudiziaria nei Grigioni. A Basilea Città, zero emissioni di gas serra dal 2037. Deduzioni fiscali aumentate per la cassa malati nel Canton Zurigo
26.09.2022 - 19:41
Aggiornamento: 20:38

Più soldi nel portamonete dei pensionati in Svizzera

Il Parlamento chiede un adeguamento integrale delle rendite Avs all’inflazione. Niente da fare per l’aumento dei sussidi di cassa malati.

Ats, a cura di Red.Svizzera
piu-soldi-nel-portamonete-dei-pensionati-in-svizzera
Keystone
La misura dovrebbe entrare in vigore al più presto. Così almeno vogliono Nazionale e Consiglio degli Stati

Come il Nazionale, anche il Consiglio degli Stati vuole una compensazione totale del rincaro per i pensionati nel 2023. Lunedì, in una sessione straordinaria dedicata al tema ‘potere d’acquisto’, ha approvato due mozioni in questo senso provenienti dai ranghi del Ps e del Centro. Il Consiglio federale era contrario. Idem Plr e Udc.

Paul Rechsteiner (Ps/Sg) e Pirmin Bischof (Centro/So) chiedevano, con mozioni identiche, che le rendite Avs e Ai e le prestazioni complementari (Pc) venissero adeguate in base all’indice nazionale dei prezzi al consumo al più tardi entro l’inizio del 2023. Inoltre, il Consiglio federale dovrà presentare al Parlamento un concetto su come adeguare regolarmente le pensioni in futuro in caso di inflazione superiore al 2%.

Attualmente, la Confederazione determina le rendite Avs secondo il cosiddetto indice misto. Questo si basa per metà sull’inflazione e per metà sull’evoluzione dei salari.

Il Consiglio degli Stati ha adottato le proposte con 24 voti favorevoli, 17 contrari e due astensioni (Bischof) e 24 voti favorevoli, 16 contrari e due astensioni (Rechsteiner). La scorsa settimana, il Nazionale aveva approvato con pochi voti di scarto una mozione del gruppo del Centro che aveva lo stesso intento. Poiché la formulazione delle mozioni non è identica, la Camera del popolo dovrà occuparsi delle mozioni Bischof e Rechsteiner.

L’Unione sindacale svizzera (Uss) intanto si dice "sollevata". La decisione era "più che necessaria e avrà un impatto positivo anche sui beneficiari di rendite Ai, prestazioni complementari e prestazioni transitorie [per disoccupati anziani, ndr]", si legge in una nota. L’organizzazione sindacale attende ora dal Consiglio federale che attui questa misura "senza indugio".

Sussidi cassa malati, rinvio in commissione

Il Consiglio degli Stati ha invece rinviato la decisione di aumentare del 30% il contributo federale alla riduzione dei premi di cassa malati per il prossimo anno. Due mozioni corrispondenti – di Marina Carobbio (Ps) e Isabelle Chassot (Centro/Fr) – sono state rispedite in commissione per ulteriore esame.

Anche in questo caso, la scorsa settimana il Nazionale aveva adottato di misura una mozione del gruppo Ps con la medesima richiesta. Centro e Ps avevano allora unito le forze per farla approvare. Cosa che non è avvenuta lunedì alla Camera dei cantoni.

Il plenum ha accolto una mozione d’ordine di Charles Juillard (Centro/Ju), intenzionato a capire se una misura del genere sarebbe davvero utile a chi ha bisogno di aiuto. Marina Carobbio si è opposta invano, adducendo l’urgenza della misura. Isabelle Chassot invece s’è detta d’accordo col rinvio in commissione. L’Uss giudica "incomprensibile" una decisione che a suo dire "dimostra una totale mancanza di comprensione della realtà della vita delle persone".

Calcolatore per i prezzi di benzina e diesel

Fra le altre mozioni sul tavolo, il Consiglio degli Stati ha accolto quella con cui Pirmin Bischof chiede al Consiglio federale di adottare un calcolatore online dei prezzi di benzina e diesel. Questo strumento, già in uso in Austria dal 2011, obbligherebbe le stazioni di servizio ad annunciare i loro prezzi in tempo reale allo Stato. L’atto parlamentare passa ora al Nazionale.

Tutte le altre soluzioni per aiutare la popolazione sono state respinte. Marco Chiesa (Udc), ad esempio, invocando un rifiuto "alle rivendicazioni socialiste per più Stato", proponeva di abbassare i prezzi della benzina abolendo l’imposta sugli oli minerali, di dedurre i premi di cassa malati dall’imposta federale diretta, o ancora di sopprimere l’imposizione del valore locativo per i pensionati. Non lo hanno seguito nemmeno tutti i suoi colleghi di partito. La sinistra non ha avuto più successo con l’idea di un’indennità annuale contro il caro energia o di un ‘assegno federale’ per i meno abbienti. Carlo Sommaruga (Ps/Ge) ha invano messo in guardia dal rischio di un aumento della povertà in Svizzera, che colpirà anche la classe media.

«Qualsiasi cosa decidiate oggi porterà a misure di austerità», aveva avvertito il ministro delle Finanze Ueli Maurer (Udc). L’inflazione in Svizzera è solo un terzo di quella dell’eurozona, ha ricordato il ministro dell’Economia Guy Parmelin (Udc). Il Consiglio federale, ha ribadito il vodese, è dell’opinione che al momento misure di sostegno dirette per le economie domestiche e le aziende non si giustifichino. Il Parlamento la pensa diversamente. E ora il Governo dovrà darsi da fare.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved