22.09.2022 - 14:33

I terroristi non verranno espulsi verso Paesi a rischio

Questo perché va contro la Costituzione e il diritto internazionale. Respinta quindi dal Consiglio nazionale la mozione di Fabio Regazzi

Ats, a cura di Red.Web
i-terroristi-non-verranno-espulsi-verso-paesi-a-rischio
Ti-Press

Espellere terroristi dalla Svizzera verso un Paese dove rischiano la tortura o la pena di morte è contrario alla Costituzione e al diritto internazionale. Seguendo il parere del governo, il Consiglio nazionale ha tolto oggi dal ruolo – con 109 voti contro 69 – una mozione di Fabio Regazzi (Centro/Ti) che era stata accettata dalle Camere nel 2019.

Nel suo atto parlamentare, il ticinese chiedeva l’allontanamento di jihadisti condannati per atti a favore dell’Isis nei rispettivi Paesi, anche se questi sono considerati "poco sicuri". Nella prassi vengono fatte prevalere le norme a garanzia del condannato rispetto alla sicurezza del nostro Paese, secondo Regazzi.

In un rapporto del maggio scorso, il Consiglio federale giudicava impossibile, dal profilo giuridico, concretizzare la richiesta, poiché viola il principio del non respingimento, protetto in maniera assoluta dal diritto internazionale.

Non possiamo sottrarci a questo diritto, ha sottolineato Kurt Fluri (Plr/So) a nome della commissione. "Non esternalizziamo la tortura e la pena di morte. La Svizzera non deve essere complice, è uno Stato di diritto", ha ammonito Delphine Klopfenstein Broggini (Verdi/Ge).

Di parere opposto i democentristi. Gregor Rutz (Udc/Zh) ha per esempio ricordato che l’allontanamento riguarda terroristi condannati. Non stralciare la mozione non significa che la Svizzera agirà contro il diritto internazionale, ma semplicemente che non siamo soddisfatti della situazione attuale, ha aggiunto.

La ministra di giustizia Karin Keller-Sutter ha da parte sua confermato che la mozione non può essere attuata. Secondo la Costituzione, "nessuno può essere rinviato sul territorio di uno Stato in cui rischia la tortura o qualsiasi altra pena o trattamento crudele e inumano", ha ribadito.

Il governo sta comunque vagliando altre soluzioni. Il principio delle assicurazioni diplomatiche tra Stati è previsto per garantire che la persona espulsa non corra rischi al suo ritorno nel Paese di origine. Secondo l’esecutivo, Berna ha già percorso questa strada in diverse occasioni per le estradizioni, ma non per le espulsioni.

Dal 2016 sono state decise 27 espulsioni. A fine 2021, solo cinque persone non hanno potuto essere espulse in base al principio di non respingimento. Altri non hanno potuto esserlo perché stavano scontando una pena detentiva.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved