ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
5 ore

Rösti e Herzog sempre favoriti, ma i gruppi non si sbottonano

Ultime audizioni oggi dei candidati al Consiglio federale. Solo i Verdi liberali esprimono una preferenza maggioritaria per la ‘senatrice’ basilese.
consiglio degli stati
6 ore

Sicurezza stradale: ‘Aderire al registro europeo’

‘Entrare nell’Erru’, il sistema elettronico che consente lo scambio di informazioni sulle imprese di trasporto per il rispetto delle norme stradali
Svizzera
9 ore

Il Nazionale vuole introdurre il reato di cyberbullismo

Approvata un’iniziativa parlamentare che modifica il codice penale dato che le protezioni legali attuali non sono sufficienti a proteggere le vittime
Svizzera
12 ore

Verso il condono edilizio dopo 30 anni per i rustici fuori zona

La mozione approvata da entrambe le Camere riguarda, per il Ticino, circa 2’000 costruzioni illegali secondo i numeri forniti dal ‘senatore’ Marco Chiesa
Svizzera
12 ore

Imposta minima Ocse, 75% del gettito va ai Cantoni

Alla Confederazione il restante 25%. Lo ha deciso oggi il Nazionale allineandosi così agli Stati.
Svizzera
19 ore

‘Una dinamica che si esaurisce? Io non sono ancora stanca!’

Governo a maggioranza latina, Giura, agricoltura, socialità: a colloquio con la ‘senatrice’ Elisabeth Baume-Schneider, candidata al Consiglio federale
ginevra
1 gior

Tariq Ramadan sarà processato per stupro e coazione sessuale

La procura aveva aperto un’indagine nel 2018: una donna aveva accusato Tariq Ramadan di averla sequestrata e poi aver abusato di lei nel 2008 in un hotel
20.09.2022 - 16:34
Aggiornamento: 17:09

Pioggia di denaro dalle ditte farmaceutiche ai medici

Si tratta del valore più alto dall’inizio della divulgazione di questo tipo di informazioni, peraltro non sempre trasparenti

Ats, a cura di Red.Web
pioggia-di-denaro-dalle-ditte-farmaceutiche-ai-medici
Ti-Press
Quanto denaro...

Si fa sempre più intensa la pioggia di denaro elargita delle imprese farmaceutiche per i medici (sotto forma di compensi per la partecipazione a congressi, spese di alloggio, onorari, consulenze ecc.), gli ospedali, le reti di dottori, le società professionali e i gruppi di pazienti: nel 2021 questi pagamenti hanno raggiunto la cifra di 196 milioni di franchi.

Si tratta del valore più alto dall’inizio della divulgazione di questo tipo di informazioni, nel 2015, spiega il periodico Beobachter nel numero attualmente in edicola. Oggi 66 aziende rendono pubblici i pagamenti sulla base di un’autoregolamentazione interna del settore chiamata Pharma Cooperation Code. Tuttavia, anche a sette anni dal suo lancio diverse società attuano l’operazione trasparenza solo a metà e alcune appaiono riluttanti a mostrare i dati, sostengono i cronisti della testata zurighese.

La lacuna più grave è rappresentata dal fatto che le imprese continuano a pubblicare i dati sui propri siti web: quindi se una persona vuole scoprire se il proprio medico riceve denaro dall’industria deve teoricamente cercare in più di 60 pagine internet diverse. E le informazioni non sono sempre facili da trovare. Per questo motivo il Beobachter, insieme ad altri media, valuta queste pubblicazioni farmaceutiche e pubblica poi i dati sulla piattaforma Pharmagelder.ch.

Non sempre comunque appare cristallina la volontà di fare luce sul tema. La rivista avanza il caso della filiale elvetica di una impresa italiana che praticamente sembra nascondere la scheda con le informazioni in questione. Se la si riesce a trovare appare poi vuota, dando l’impressione che non sia stato effettuato alcun pagamento. Solo se si seleziona ulteriormente un collegamento ipertestuale che porta il nome "Ultimo anno" si ottiene una panoramica dei pagamenti a medici e ospedali. Ma anche qui i problemi non sono finiti: la tabella è stata convertita in singole immagini e la ricerca tramite il navigatore non funziona. La tabella non può nemmeno essere salvata. Anche altre imprese presentano i dati su documenti in cui non è possibile effettuare una ricerca, altre invece sono più trasparenti.

Da parte sua Scienceindustries, organizzazione padronale della chimica, della farmaceutica e delle biotecnologie, fa sapere che ha dovuto ammonire otto società perché non hanno pubblicato i loro dati in tempo. Tuttavia per l’organismo non si rileva un problema generale nell’attuazione della trasparenza nel ramo.

Per la cronaca, quasi la metà dei 196 milioni versati risulta essere stato messo a disposizione da cinque società: Novartis (15,5% del totale), Roche (13,1%), Pfizer (8,9%), MSD (5,5%) e Bristol Meyers Squibb (5,5%).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved