16.09.2022 - 13:51
Aggiornamento: 14:06

Risparmio energetico, la Confederazione dà il buon esempio

Il Consiglio federale ha deciso le norme per i propri edifici e i relativi dipendenti: temperatura dei locali a massimo 20 °C e meno acqua calda

Ats, a cura di Red.Web
risparmio-energetico-la-confederazione-da-il-buon-esempio
Keystone

In vista della stagione fredda, ai collaboratori della Confederazione converrà indossare senz’altro un maglioncino quando impegnati sul lavoro: la temperatura dei locali non dovrà infatti superare i 20 gradi. Lo ha deciso oggi il Consiglio federale, secondo cui, inoltre, la Confederazione ridurrà di un terzo il consumo di gas dei suoi edifici civili. Restrizioni sono previste anche per l’erogazione di acqua calda.

Consumo: -15% e oltre

In attuazione della Strategia energetica 2050 del Consiglio federale, negli ultimi anni l’efficienza energetica degli edifici federali è stata costantemente migliorata grazie a nuove costruzioni e risanamenti. Nel complesso, il consumo energetico degli edifici è già stato ridotto in modo significativo. Ma vista la crisi energetica causata tra l’altro dalla guerra in Ucraina, l’Amministrazione federale civile ridurrà inoltre il proprio consumo di gas di un terzo rispetto al consumo medio degli ultimi cinque anni, andando così oltre l’obiettivo di risparmio del 15% perseguito a livello nazionale. Quanto al riscaldamento, la riduzione a 20 gradi riguarderà gli edifici civili della Confederazione, gli immobili militari e gli istituti del settore dei Politecnici federali. Questa misura permetterà, secondo l’esecutivo, di conseguire un risparmio stimato tra circa il 6 e il 10% del consumo energetico necessario per la produzione di calore nelle strutture della Confederazione.

Restrizioni acqua calda e luce

Il governo ha inoltre incaricato la Cancelleria federale e i dipartimenti di attuare ulteriori misure aziendali di risparmio. Laddove le esigenze di servizio lo permetteranno, l’erogazione di acqua calda sarà interrotta e la riduzione del riscaldamento di notte e nel fine settimana verrà prolungata. L’illuminazione non necessaria ai fini della sicurezza e i dispositivi che non devono necessariamente essere in funzione verranno spenti. Inoltre, tra Natale e Capodanno le attività amministrative saranno ridotte in modo da utilizzare il minor numero possibile di edifici.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved