ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Più soldi nel portamonete dei pensionati in Svizzera

Il Parlamento chiede un adeguamento integrale delle rendite Avs all’inflazione. Niente da fare per l’aumento dei sussidi di cassa malati.
Svizzera
1 ora

Offensiva solare, obbligo pannelli solo per edifici grandi

La Camera del popolo ha deciso di limitare tale vincolo alle strutture che occupano una superficie al suolo superiore a 300 metri quadrati
Svizzera
1 ora

‘No’ definitivo alla privatizzazione di PostFinance

Lo ha decretato il Consiglio nazionale bocciando senza opposizioni un progetto di revisione legislativa del governo sull’organizzazione della Posta
Ecuador
4 ore

Affonda barca alle Galapagos, svizzeri a bordo: vi sono morti

Secondo le autorità, quattro persone sono decedute e altre quattro risultano disperse: nessuna indicazione per ora sulla sorte dei cittadini elvetici
Svizzera
4 ore

Piano salvataggio aziende elettriche, eliminate divergenze

Il Consiglio federale ha redatto un progetto di legge così da equipaggiarsi precauzionalmente contro un eventuale collasso del sistema
Svizzera
4 ore

Allarme per le piccole medie imprese: ‘Bollette sestuplicate’

Preoccupazione per l’associazione di categoria attiva nell’industria delle macchine, elettrotecnica e metallurgica
Svizzera
5 ore

Sei indebitato? Avrai (forse) una seconda chance

Chiesti miglioramenti sul progetto di legge del Consiglio federale che mira a sostenere le persone in difficoltà finanziarie
Svizzera
6 ore

Le donne contro la riforma Avs: in centinaia a Berna

La manifestazione indetta dalle donne socialiste e dalle co-presidenti della sezione femminile del partito. Annunciato sciopero per il 14 giugno 2023
Svizzera
7 ore

Ecco come hanno votato gli italiani in Svizzera

Il Partito democratico perde la leadership dei voti di lista, ma il risultato a livello di coalizione presenta alcune sorprese rispetto al voto in Italia
Svizzera
9 ore

I faggi precocemente ingialliti sono destinati a morire presto

Secondo uno studio del Wsl, gli alberi su terreni secchi che perdono presto le foglie non si riprendono negli anni successivi
Svizzera
22 ore

‘Altri modelli da discutere in vista della prossima riforma’

A colloquio con Jerôme Cosandey di Avenir Suisse sulle prospettive future del primo pilastro dopo il risicato sì popolare ad Avs 21
Svizzera
1 gior

Domenica di bocciature a livello cantonale

La bocciatura più sonora, col 71,5% dei no, va al credito che il Canton Lucerna voleva dare alla Guardia Pontificia in Vaticano
Svizzera
1 gior

Allevamento intensivo: il no è netto

La bocciatura dell’iniziativa va oltre le previsioni: il 62,86% dei votanti ha infatti detto no
Svizzera
1 gior

Imposta preventiva: respinta dal 52% dei voti

Malgrado il testa a testa, alla fine prevale il no
Svizzera
1 gior

Riforma AVS: le donne andranno in pensione a 65 anni

La modifica della legge federale sull’assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti approvata per un soffio: sì al 50,6%
Svizzera
1 gior

Ambasciatore ucraino a Berna, no asilo per disertori russi

Preoccupano i migliaia di russi in fuga dal loro Paese per evitare il reclutamento, si teme che tra loro vi siano spie di Putin
Svizzera
1 gior

Una votazione che ha lasciato col fiato sospeso

Le urne sono chiuse, è iniziato lo spoglio delle schede. I risultati in tempo reale
Svizzera
1 gior

C’è tempo fino a mezzogiorno per votare

Svizzeri alle urne su Avs, imposta preventiva e allevamento intensivo
Svizzera
2 gior

Gli F-35 si comprano e gli oppositori si vestono da lutto

La manifestazione oggi a Berna per denunciare “la farsa democratica” riguardo alla decisione del Consiglio federale di acquistare i jet da combattimento
Svizzera
2 gior

Se il vaccino è ‘da buttare’

Sono oltre 10milioni le dosi di Moderna che la Confederazione ha acquistato per contrastare il Covid e che mercoledì... sono scadute
Svizzera
2 gior

Axpo e quell’aiuto non ancora utilizzato

Il gruppo ha ottenuto dalla Confederazione il credito d’emergenza per far fronte all’impennata dei prezzi nel settore energetico
Svizzera
2 gior

L’alternativa è il pellet. Ma meglio fare scorta per tempo

SvizzeraEnergia vara la campagna ‘Zero spreco’: ecco qualche consiglio utile per evitare un inverno (giocoforza) freddo
Svizzera
3 gior

È allarme riscaldamento: ‘Fate il pieno del tank al più presto’

L’obiettivo? Contribuire al raggiungimento del risparmio volontario del 15% dei consumi di gas stabilito dal governo sull’esempio dell’Ue
Svizzera
3 gior

Luce verde all’export di munizioni in Qatar

Il Consiglio federale ha avallato la richiesta di esportazione di armamenti per il cannone di bordo del jet Eurofighter
Svizzera
3 gior

Crisi energetica, svizzeri ancora sordi agli inviti al risparmio

Malgrado le esortazioni a un uso più parsimonioso, il consumo di elettricità nel nostro Paese resta stabile
clima ed energia
15.09.2022 - 19:05
Aggiornamento: 19:32

Iniziativa per i ghiacciai, sciolti i dubbi sul ritiro

I ‘senatori’ confermano il controprogetto indiretto del Nazionale. Promotori raggianti. Avviata un’offensiva di ampia portata sul fotovoltaico.

iniziativa-per-i-ghiacciai-sciolti-i-dubbi-sul-ritiro
Ti-Press

Il Consiglio degli Stati ha preso giovedì importanti decisioni in materia di politica climatica ed energetica. Decisioni che, da un lato, spianano la strada al ritiro dell’Iniziativa per i ghiacciai (vedi sotto); dall’altro, gettano le basi di un’offensiva di vasto respiro sul fotovoltaico.

Ma è una strana giornata a Palazzo federale. Alla Camera dei cantoni il lungo dibattito (cinque ore, senza pause) si è appena concluso. Marcel Hänggi e Michèle Andermatt sono raggianti. Fanno parte del comitato d’iniziativa. Come Balthasar Glättli, che si precipita verso di loro e butta le braccia al collo del primo. «Abbiamo cominciato assieme, è con lui che ho parlato per la prima volta di quest’iniziativa», dice Hänggi alla ‘Regione’. ll presidente dei Verdi conferma: «Era sei anni fa. Nel frattempo migliaia di persone hanno aiutato, fatto pressione, costruito ponti. E ora siamo qui: è un segnale enorme!». E un momento da immortalare: no, non siamo fotografi; ma uno scatto non glielo si può negare.

Strana giornata, dicevamo: a poche decine di metri dai tre ecologisti, sotto la pioggia che batte sulla Piazza federale, attivisti di Mountain Wilderness Svizzera srotolano uno striscione: ‘Il paesaggio non è rinnovabile’. Negli stessi minuti, in questo "giorno nero per la protezione del paesaggio", arriva in redazione un comunicato di Raimund Rodewald, direttore dell’omonima Fondazione: "Il Consiglio degli Stati cancella la protezione del paesaggio nonostante gli obblighi internazionali, catapultandosi indietro – col sostegno della consigliera federale [Simonetta Sommaruga, ndr] – agli inizi degli anni 60".

Facciamo un po’ di ordine.

Cos’ha deciso il Consiglio degli Stati?

Ha approvato (39 voti a 4) un controprogetto indiretto all’iniziativa popolare ‘Per un clima sano’, detta Iniziativa per i ghiacciai. Il controprogetto coincide quasi del tutto con quello approvato in giugno dal Nazionale. I ‘senatori’, poi, lo hanno utilizzato quale ‘veicolo’ per portare avanti un’offensiva sul fotovoltaico. Ne è risultato un inedito mix di politica climatica e politica energetica, che la ministra dell’ambiente e dell’energia Simonetta Sommaruga ha definito «un ottimo esempio» di come si possa affrontare in maniera comprensiva la duplice sfida della decarbonizzazione e dell’approvvigionamento energetico.

Perché le decisioni sono rilevanti?

Per due ragioni. Anzitutto, perché viene spianata la strada al ritiro dell’Iniziativa per i ghiacciai e quindi a un’applicazione in tempi brevi di concrete misure per la protezione del clima. La scorsa settimana, infatti, i promotori si erano detti disposti a ritirare il loro testo. In una lettera inviata ai ‘senatori’, ponevano però come condizione che il controprogetto indiretto del Nazionale non venisse indebolito. E così è stato. Seconda ragione: l’offensiva sul fotovoltaico, lanciata sullo sfondo dei timori per una penuria energetica quest’inverno, rischia di mettere a repentaglio la protezione del paesaggio.

Perché l’iniziativa verrà ritirata?

Perché il Consiglio degli Stati ha accolto (23 voti a 21) la principale rivendicazione del comitato d’iniziativa: ha mantenuto l’importo (200 milioni di franchi l’anno, per 10 anni) destinato a un programma d’impulso per sostituire riscaldamenti a combustibile fossile ed elettrici e promuovere l’efficienza energetica. La maggioranza della commissione preparatoria voleva dimezzarlo, adducendo mancanza di manodopera, difficoltà nella fornitura di termopompe, nonché spese eccessive per la Confederazione (anche perché il controprogetto contiene pure 1,2 miliardi di sussidi per sostenere progetti innovativi per le aziende). Stando al comitato d’iniziativa, in questo modo il processo di sostituzione avrebbe preso troppo tempo. Per i promotori, la misura in questione è essenziale: quasi un riscaldamento a combustibile fossile su due viene ancora sostituito da uno dello stesso tipo; e un riscaldamento a nafta o a gas installato oggi emetterà CO2 fino agli anni 2040. I ‘senatori’ hanno anche stabilito che il programma di sostituzione dei riscaldamenti dovrà basarsi maggiormente sulle strutture di promozione esistenti, in particolare il Programma edifici della Confederazione e dei Cantoni. Ma questo nessuno lo contestava.

Fotovoltaico: cos’è previsto?

«Un trittico» che «ci fa guadagnare tempo», nelle parole di Elisabeth Baume-Schneider (Ps/Ju), relatrice della commissione: obbligo di posare pannelli solari sui tetti o le facciate degli edifici di nuova costruzione (i Cantoni possono prevedere eccezioni tramite ordinanza); gli edifici e le infrastrutture della Confederazione dovranno essere utilizzati il più possibile per la produzione di energia solare; impianti di grandi dimensioni su aree aperte in montagna (il ‘solare alpino’) che producono almeno 10 GWh, di cui il 45% nel semestre invernale, potranno essere costruiti più facilmente e ricevere un contributo fino al 50-60% dei costi d’investimento (non potranno però essere realizzati nelle zone palustri di importanza nazionale). Le misure saranno limitate fino al 31 dicembre 2025. Su proposta di Beat Rieder (Centro/Vs), saranno oggetto di una specifica legge urgente scorporata dal controprogetto indiretto.

Cosa succede adesso?

La legge urgente sul fotovoltaico verrà esaminata dal Nazionale, che si occuperà anche delle divergenze rimaste nel controprogetto all’Iniziativa per i ghiacciai (ma in sospeso restano solo questioni minori, di natura tecnica). Il comitato d’iniziativa non ne fa mistero: la tempistica è cruciale. Si sa che il controprogetto indiretto non basterà per rispettare l’accordo sul clima di Parigi. Ma l’urgenza richiede misure rapide ed efficaci, ha scritto già la scorsa settimana in un comunicato. E una legge, appunto, verrebbe attuata in tempi molto più brevi rispetto a un’iniziativa popolare. Il ritiro dunque è a un passo. «Abbiamo detto: il Consiglio degli Stati deve riprendere la proposta del Nazionale, senza indebolirla. Ed è ciò che ha fatto oggi. Siamo molto contenti. Aspettiamo ancora le votazioni finali, alla fine della sessione [30 settembre, ndr], ma tutto indica che ritireremo la nostra iniziativa», dichiara Marcel Hänggi. Resta però l’incognita referendum. Non è affatto escluso che l’Udc ritenti il colpaccio riuscitole nel giugno dello scorso anno, quando praticamente da sola riuscì a raccogliere le 50mila firma necessarie e quindi a convincere il 51,6% dei votanti a respingere la Legge sul Co2.

Perché il fattore tempo è cruciale?

Perché l’urgenza è manifesta. Ad esempio: i ghiacciai svizzeri non si sono mai sciolti così tanto come quest’estate e l’acqua persa non tornerà, afferma la Rete di monitoraggio dei ghiacciai svizzeri, che giorni fa ha presentato i risultati "estremi e preoccupanti" di un pluriennale lavoro su una ventina di ghiacciai. Tuttavia, spiegano i ricercatori, se reagiamo ora – rispettando le misure dell’accordo di Parigi volte a limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi – sarà ancora possibile salvare un terzo dell’attuale massa dei maggiori ghiacciai svizzeri. Sommaruga ha ricordato che «dove solo pochi anni fa le masse di ghiaccio adornavano i pendii delle montagne, oggi si vedono solo rocce e ghiaioni nudi. I cambiamenti sono in corso. Credo che tutti abbiamo visto quest’estate cosa stia succedendo, e cosa significhi per noi».

di cosa parliamo

L’iniziativa

L’Iniziativa per i ghiacciai – respinta dal Nazionale in marzo (99 voti a 89 e 4 astenuti); gli Stati si esprimeranno in dicembre – vuole iscrivere nella Costituzione federale il principio secondo cui la Svizzera riduce le sue emissioni di gas serra a un saldo netto pari a zero entro il 2050. Inoltre, prevede di vietare entro tale data carburanti e combustibili fossili come petrolio, gas, benzina, diesel e carbone. Eccezioni sarebbero ammesse solo per applicazioni tecnicamente non sostituibili. L’iniziativa è stata lanciata nel novembre del 2019 dall’Associazione svizzera per la protezione del clima ed è sostenuta da organizzazioni ambientaliste, chiese, ricercatori e politici di quasi tutti i partiti.

Il controprogetto indiretto

Il controprogetto indiretto sul quale le Camere si stanno mettendo d’accordo prevede di sancire a livello di legge lo stesso obiettivo generale dell’iniziativa (una Svizzera climaticamente neutra entro il 2050), stabilisce obiettivi intermedi di riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra e definisce, settore per settore (edifici, traffico, industria), misure mirate per raggiungerli. Non cita esplicitamente alcun divieto di vettori energetici fossili e prende in considerazione la situazione particolare delle regioni periferiche e di montagna.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved