14.09.2022 - 22:49
Aggiornamento: 15.09.2022 - 07:17

Falso manifesto Datec, la Fedpol vuole vederci chiaro

La polizia federale ha aperto ufficialmente un’inchiesta sull’annuncio fasullo che invitava a segnalare chi riscalda la propria casa oltre i 19 gradi

falso-manifesto-datec-la-fedpol-vuole-vederci-chiaro

La polizia federale ha aperto ufficialmente un’inchiesta dopo aver ricevuto una denuncia per uso abusivo dello stemma e altri elementi della Confederazione, in merito al caso del falso manifesto del Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni (Datec) apparso sui social media negli scorsi giorni. Lo ha comunicato la Rsi, che ha ricevuto conferma dalla stessa Fedpol.

Il manifesto fasullo invitava i cittadini a segnalare alla Confederazione – ottenendo una ricompensa di 200 franchi – i propri vicini di casa se questi riscaldano la propria abitazione a una temperatura superiore a 19 gradi. I post sui social rappresentanti il manifesto, è emerso successivamente, sono stati condivisi dalla propaganda russa.

Leggi anche:

‘Il tuo vicino scalda troppo? Ricompensa di 200 franchi’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved