ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
6 ore

Rösti e Herzog sempre favoriti, ma i gruppi non si sbottonano

Ultime audizioni oggi dei candidati al Consiglio federale. Solo i Verdi liberali esprimono una preferenza maggioritaria per la ‘senatrice’ basilese.
consiglio degli stati
7 ore

Sicurezza stradale: ‘Aderire al registro europeo’

‘Entrare nell’Erru’, il sistema elettronico che consente lo scambio di informazioni sulle imprese di trasporto per il rispetto delle norme stradali
Svizzera
10 ore

Il Nazionale vuole introdurre il reato di cyberbullismo

Approvata un’iniziativa parlamentare che modifica il codice penale dato che le protezioni legali attuali non sono sufficienti a proteggere le vittime
Svizzera
13 ore

Verso il condono edilizio dopo 30 anni per i rustici fuori zona

La mozione approvata da entrambe le Camere riguarda, per il Ticino, circa 2’000 costruzioni illegali secondo i numeri forniti dal ‘senatore’ Marco Chiesa
Svizzera
13 ore

Imposta minima Ocse, 75% del gettito va ai Cantoni

Alla Confederazione il restante 25%. Lo ha deciso oggi il Nazionale allineandosi così agli Stati.
Svizzera
20 ore

‘Una dinamica che si esaurisce? Io non sono ancora stanca!’

Governo a maggioranza latina, Giura, agricoltura, socialità: a colloquio con la ‘senatrice’ Elisabeth Baume-Schneider, candidata al Consiglio federale
ginevra
1 gior

Tariq Ramadan sarà processato per stupro e coazione sessuale

La procura aveva aperto un’indagine nel 2018: una donna aveva accusato Tariq Ramadan di averla sequestrata e poi aver abusato di lei nel 2008 in un hotel
cyberpornografia
1 gior

Pedofilia: maxiretata nel Canton Vaud con 96 persone fermate

Centoventi casi analizzati. Due persone in carcere, tra coloro che hanno scaricato i file il 15% sono minorenni
global tax
1 gior

Imposta minima, divergenze tra i due rami del Parlamento

I punti riguardano le ripartizioni degli introiti: 75% ai cantoni per il Consiglio degli Stati, “solo” il 50% per il Nazionale
Svizzera
1 gior

‘Solo Sì vuol dire sì’, al Nazionale passa la modifica di legge

Approvato l’inserimento nel Codice penale del principio che qualifica come aggressione sessuale il rapporto senza il consenso esplicito
14.09.2022 - 07:45
Aggiornamento: 18:22

Sondaggi Ssr/Tamedia: Avs 21, i Sì avanti ma perdono slancio

La percentuale di favorevoli si è ridotta al 59% perdendo 5 punti, quanto quelli guadagnati dai contrari

Ats, a cura di Red.Web
sondaggi-ssr/tamedia-avs-21-i-si-avanti-ma-perdono-slancio
Ti-Press

A tre settimane dalle votazioni federali del 25 settembre i due progetti di riforma dell’Avs raccolgono la maggioranza dei favori, anche se in calo; l’abolizione parziale dell’imposta preventiva non convince, mentre l’iniziativa contro l’allevamento intensivo non passa: è quanto emerge dal secondo sondaggio di gfs.bern/Ssr e dal terzo di Tamedia e 20 Minuten. Gli autori del sondaggio Ssr sottolineano come, nonostante le due proposte di riforma dell’Avs risultino accolte dalla maggioranza, il trend si sposti verso il "no".

Secondo l’indagine Ssr, la riforma dell’Avs 21, che prevede l’aumento dell’età pensionabile delle donne da 64 a 65 anni e sul quale si concentra l’attenzione, la percentuale dei favorevoli si è ridotta scendendo al 59% (-5 punti percentuali) e quella dei contrari è aumentata di 5 punti al 38%, rispetto all’inchiesta precedente. Simile tendenza rileva Tamedia con i "sì" al 55% (-3 punti) e i "no" al 44%. Netto il divario fra i generi, dove il progetto viene affossato dalle donne (51% Ssr; 58% Tamedia) e nettamente sostenuto dagli uomini (72% Ssr; 70% Tamedia).

A livello regionale i "sì" prevalgono nella Svizzera tedesca (64% Ssr; 58% Tamedia), mentre nella Svizzera romanda e nella Svizzera italiana – dove i risultati di Ssr e Tamedia coincidono – i sostenitori sono rispettivamente al 47 e al 49%. In generale i più scettici sono gli elettori del campo rosso-verde e della fascia di età tra i 40 e i 64 anni (Ssr) e tra i 50 e i 64 anni (Tamedia) e che vivono nei centri abitati.

La seconda parte della riforma, ossia il finanziamento supplementare dell’Avs mediante l’aumento dell’imposta sul valore aggiunto (entrambi gli oggetti devono superare lo scoglio delle urne per considerare riuscita la revisione), risulta accolta dal 63% dei votanti contro il 34% dei contrari, secondo il sondaggio Ssr. Per quello di Tamedia la percentuale è rispettivamente del 56 e del 42%.

Nel caso della legge federale sull’imposta preventiva, nel sondaggio Ssr la percentuale dei favorevoli si attesta al 47% (-2 punti) e quella dei contrari al 44% (+9 punti), mentre una percentuale elevata (9%) è ancora indecisa. Per Tamedia i "sì" sono il 40% (34% nel precedente sondaggio), mentre i "no" sono il 48% (stabile) e gli indecisi il 12%. La legge è chiaramente respinta dal campo rosso-verde e registra una maggioranza solo tra i simpatizzanti del Plr. Ad appoggiarla sono più gli uomini e le persone ultra 65enni, mentre tra le regioni linguistiche, la Svizzera romanda segna la più bassa percentuale di favori.

Infine l’ultimo oggetto in votazione – l’iniziativa contro l’allevamento intensivo – raccoglie nei due sondaggi di Ssr e di Tamedia rispettivamente il 47 e il 39% di voti favorevoli e il 52 e il 60% di contrari. In entrambe le indagini si nota un calo dei sostenitori (-4 punti per Ssr e -9 punti per Tamedia) rispetto alle inchieste precedenti. Il testo è più supportato dalle donne (53% Ssr e 46% Tamedia) che dagli uomini (40% Ssr e 31% Tamedia). Inoltre trova più consensi tra i simpatizzanti del Partito socialista, Verdi e Verdi liberali e tra coloro che abitano in città.

Il sondaggio della Ssr è stato condotto da gfs.bern tra il 31 agosto e il 7 settembre tra 8’642 persone aventi diritto di voto. Il margine di errore è di +/- 2,8 punti percentuali. Il sondaggio Tamedia/20 Minuten è stato condotto dall’Istituto LeeWas il 7 e l’8 settembre su 17’377 persone: 12’930 svizzero-tedeschi, 3’907 romandi, e 540 ticinesi. Il margine di errore è di +/- 1,2 punti percentuali.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved