costo della vita
11.09.2022 - 20:38

Mister Prezzi: stangata energetica, i modi per limitare i danni

Aumento brutale, ma le autorità possono agire sulla tariffa per l’uso della rete e sulle tasse raccolte dalle comunità. Si può ridurre il prezzo del 10%’

Ats, a cura di Red.Svizzera
mister-prezzi-stangata-energetica-i-modi-per-limitare-i-danni
Mister Prezzi, Stefan Meierhans (Keystone)

Mister Prezzi suggerisce due modi per ridurre i prezzi dell’elettricità: le autorità possono agire sulla tariffa per l’uso della rete e sulle tasse raccolte dalle comunità. In questo modo si potrebbe ridurre il prezzo finale fino al 10%, secondo lui.

"Ho raccomandato al Consiglio federale di ridurre la tariffa per l’utilizzo della rete, con un risparmio di circa 350 milioni di franchi", ha spiegato il supervisore dei prezzi Stefan Meierhans a Le Matin Dimanche.

In un’intervista rilasciata a Keystone-Ats alla fine di agosto, Meierhans aveva già definito "estremamente elevati" i costi dell’utilizzo della rete per il trasporto dell’elettricità in Svizzera. A suo avviso il Consiglio federale può modificare le condizioni quadro per ridurre le tariffe.

A Le Matin Dimanche, l’alto funzionario ha anche indicato che "raccomanda regolarmente alle autorità politiche competenti di rinunciare alle tasse di concessione". Insieme, queste due soluzioni "potrebbero ridurre il prezzo finale fino al 10%", afferma.

È la politica che deve decidere

Mister Prezzi vede anche altre possibilità di azione. Secondo lui, sarebbe possibile per i cantoni o i comuni, che spesso sono i proprietari delle società elettriche, restituire parte dei dividendi che le società apporteranno o hanno apportato in passato. "Questa opzione dovrebbe essere presa in considerazione, ma alla fine la decisione spetta ai politici", afferma.

Spetta ai politici anche decidere se le grandi differenze tra i comuni sono sostenibili, secondo Meierhans. A suo parere , "è ovvio" che la situazione attuale "richiede un’analisi approfondita dell’architettura del mercato elettrico, sia in Svizzera che nell’intero continente".

Aumento "brutale"

"Ciò che colpisce" nella situazione attuale per quanto riguarda l’elettricità "è che l’aumento è brutale", sottolinea Meierhans, precisando che altrove in Europa il problema dell’inflazione è ancora più marcato che in Svizzera. "Questo è certamente legato al fatto che nel nostro Paese il mercato dell’elettricità non è ancora completamente liberalizzato", osserva.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved