11.09.2022 - 09:20
Aggiornamento: 17:31

L’aiuto dello Stato? ‘Un rospo da ingoiare’

I sei membri della direzione di Axpo, beneficiaria di una linea di credito di 4 miliardi, hanno rinunciato ai bonus

Ats, a cura di Red.Web
l-aiuto-dello-stato-un-rospo-da-ingoiare
Ti-Press
Scossa

La direzione di Axpo, che ha ottenuto una linea di credito dal governo federale, ha rinunciato ai bonus, ha dichiarato il ceo del gruppo energetico. L’anno scorso, il salario variabile per i sei membri ammontava a più di 2,5 milioni. Questa deroga si applicherà se Axpo farà ricorso al fondo di salvataggio messo a disposizione dal governo federale e fino a quando il denaro non sarà rimborsato, spiega Christoph Brand in un’intervista pubblicata dalla SonntagsZeitung domenica.

L’aiuto, sotto forma di una linea di credito quadro di 4 miliardi di franchi, dovrebbe consentire al gruppo elettrico di evitare il fallimento qualora si trovasse a corto di liquidità a causa dell’aumento dei prezzi dell’elettricità. Il piano di salvataggio è soggetto a condizioni, tra cui il divieto di distribuire dividendi. Il divieto di bonus non è incluso.

"Un rospo da ingoiare"

Il ceo di Axpo respinge le accuse di speculazione. "Se avessimo speculato, non avremmo assicurato la nostra produzione di elettricità con anni di anticipo". "Nessuno nel settore pensava che fosse possibile un aumento dei prezzi così vertiginoso e a questi livelli", ha dichiarato Brand in un’intervista al SonntagsBlick. "Il fatto che abbiamo chiesto aiuto allo Stato come misura precauzionale non ci rende orgogliosi", afferma. "È un rospo da ingoiare".

A suo avviso, la gestione dei rischi di Axpo non è peggiore di quella dell’azienda energetica losannese Alpiq. Il fatto che la sua azienda stia chiedendo aiuto al governo federale è dovuto alle differenze di volume. "Siamo molto più grandi di Alpiq. Quindi dobbiamo fornire più elettricità", ha detto. Nonostante le attuali difficoltà, Brand ha dichiarato alla SonntagsZeitung che continuerà la controversa attività di commercio. Il settore Trading e Vendite ha contribuito con un miliardo di franchi di profitto negli ultimi sei mesi. "Sarebbe assurdo per noi rinunciarvi".

Leggi anche:

Quattro miliardi ad Axpo: ‘Sommaruga non ha fatto il suo lavoro’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved