ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
45 min

Indagine sul mercato del lavoro nel settore bancario

Aperta un’inchiesta preliminare su trentaquattro banche in sei regioni della Svizzera tedesca: nel mirino lo scambio di informazioni sui salari
Svizzera
1 ora

Nelle aree di servizio autostradali approda ‘Braccio di Ferro’

Acquistati da Marché Restaurants tre esercizi di Popeyes, catena statunitense di fast food specializzata in piatti a base di pollo
Svizzera
11 ore

Pericolo marcato di valanghe in molte regioni meridionali

L’allerta riguarda la parte altovallesana delle Alpi, il versante sudalpino centrale, la cresta principale delle Alpi e la zona del Bernina
Svizzera
15 ore

È Zurigo l’El Dorado dei cittadini stranieri

Il 2022 potrebbe essere l’anno record per gli arrivi in riva alla Limmat. Tornano, in particolare, gli italiani
Svizzera
15 ore

Nuotata di San Nicolao da record nella Limmat

Ben 380 persone si sono date appuntamento a Zurigo per la 22esima edizione della tradizionale manifestazione benefica
Svizzera
15 ore

Mercato del lusso, Svizzera scalzata dalla Cina

Il nostro Paese resta in testa nell’orologeria, ma perde il primato per quel che concerne la gioielleria
Svizzera
15 ore

Inabilità al lavoro, impennata delle malattie mentali

Sensibile aumento dei casi di incapacità lavorativa. E non è solo colpa del burnout: altri tipi di diagnosi psicologiche si fanno largo
Svizzera
16 ore

Penuria di sostanze chimiche, laghi a rischio inquinamento

La scarsa reperibilità di sostanze anti-fosforo mette in difficoltà gli impianti di depurazione svizzeri
Svizzera
17 ore

‘Il no allo Spazio economico è stata una decisione sbagliata’

Per il presidente dei Verdi liberali Jürg Grossen, con i bilaterali ‘le relazioni con l’Unione europea sono come una caldaia piena di buchi’
Svizzera
18 ore

Ecco la proposta: un arrocco Cassis-Berset

È l’idea avanzata dal Partito socialista: uno scambio nella conduzione dei dipartimenti degli Esteri e dell’Interno
07.09.2022 - 16:10
Aggiornamento: 16:34

Il canone radio-Tv invariato a 335 franchi anche nel 2023/24

Lo ha stabilito il Consiglio federale, che ha invitato la Ssr a orientare maggiormente l’offerta online su contenuti audio e video più che scritti

il-canone-radio-tv-invariato-a-335-franchi-anche-nel-2023/24
Keystone

Anche per il biennio 2023-2024, il canone radio-tivù rimarrà a 335 franchi l’anno per le famiglie. Lo ha stabilito oggi il Consiglio federale che ha anche prolungato la concessione per l’ente radiotelevisivo (Ssr) fino al 31 dicembre 2024. Il governo, precisa una nota odierna, ha anche definito le linee generali della nuova concessone a partire dal 2025: l’ente pubblico, che dovrebbe continuare a ricevere 1,25 miliardi l’anno, dovrebbe orientare maggiormente la sua presenza online alle offerte audio e video – e limitare ulteriormente i testi scritti per non soffocare la concorrenza di altri media sul web – e proseguire la sua trasformazione, continuando a rivolgersi a tutta la popolazione e a tutte le regioni del Paese. Per compensare il calo degli introiti pubblicitari, la Ssr dovrebbe aumentare l’efficienza e prevedere dei risparmi.

Canone invariato

Dopo aver analizzato le entrate e le uscite del canone per gli anni 2023-2024, l’esecutivo ha deciso di non modificare le tariffe per le economie domestiche e le imprese per i prossimi due anni. Le proiezioni dell’Ufficio federale delle comunicazioni (Ufcom) indicano che il fabbisogno aumenterà un po’ più rapidamente dei ricavi, soprattutto a causa della compensazione del rincaro. Tuttavia, il divario rimane minimo e non giustifica un adeguamento del canone. Potrà essere compensato dalle riserve pari a 189 milioni accumulate negli ultimi anni per far fronte a variazioni impreviste di reddito o fabbisogno.

Sport e intrattenimento

Per quanto attiene alla nuova concessione Ssr, i cui tratti saranno definiti nel corso del 2023, il Consiglio federale ha ribadito che l’ente radiotelevisivo deve continuare con la sua missione al servizio della democrazia e della coesione del Paese e orientare maggiormente il suo mandato costituzionale di servizio pubblico all’informazione, alla formazione e alla cultura. Circa l’intrattenimento e lo sport, la Ssr si deve concentrare sugli ambiti non offerti dagli altri fornitori. Il Consiglio federale sta valutando di perfezionare ulteriormente questo mandato per consentire alla Ssr di far fronte alla concorrenza delle piattaforme internazionali e di tenere conto del paesaggio mediatico svizzero.

Web: meno testi scritti, più audio e video

In futuro la Ssr dovrebbe inoltre orientare maggiormente la sua presenza online all’offerta audio e video, mentre si dovrebbero considerare ulteriori restrizioni per i testi scritti. In questo modo i media privati svizzeri avrebbero più spazio su Internet. La Ssr dovrebbe continuare a servire tutte le regioni del Paese, in tutte le lingue nazionali e tutte le fasce d’età. La sua partecipazione al canone dovrebbe rimanere a 1,25 miliardi all’anno. Dopo le discussioni con la Ssr, la nuova concessione sarà oggetto di una consultazione pubblica.

Offerta Ssr all’estero

Anche l’accordo sulle prestazioni tra la Confederazione e la Ssr concernente l’offerta editoriale destinata all’estero è prorogato sino a fine 2024. Questo definisce i servizi che la Ssr deve fornire per informare gli svizzeri all’estero sull’attualità del nostro Paese e per sostenere la presenza mediatica della Svizzera all’estero. L’importo dei contributi finanziari della Confederazione rimane invariato. Questo copre la metà delle spese per i servizi mediatici forniti da swissinfo e tvsvizzera.it, nonché delle collaborazioni televisive con TV5 Monde e 3Sat.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved