06.09.2022 - 14:56
Aggiornamento: 17:51

Dopo il boom turbolenze in vista per le Casse pensioni

Per questi motivi stanno riducendo la quota di investimenti a tasso fisso come le obbligazioni e continuando a puntare sul mattone

Ats, a cura di Red.Web
dopo-il-boom-turbolenze-in-vista-per-le-casse-pensioni
Ti-Press
Futuro cupo

Le Casse pensioni svizzere stanno attraversando una fase di turbolenze dopo aver realizzato rendimenti record degli investimenti nell’esercizio 2021. "Il 2022 è in netto contrasto con il successo dell’anno precedente", ha fatto sapere Ueli Sutter, analista di Complementa. In concreto, gli investimenti dei fondi pensione hanno generato un rendimento negativo del 7,7% tra gennaio e agosto, contro un +8,3% dell’anno scorso.

Oltre a questa pessima performance, il rapporto di copertura medio è sceso al 105,1% dal 115,3% della fine del 2021. Nel corso dell’anno, il numero di fondi sottofinanziati è salito a circa l’8,5%. Complementa stima che attualmente le Casse pensioni debbano ottenere un rendimento di almeno l’1,9% per mantenere un rapporto di copertura stabile. La popolazione attiva ha tratto vantaggio dai buoni risultati degli investimenti nel 2021, ha aggiunto Sutter: "L’anno scorso i dipendenti hanno beneficiato di un rendimento del capitale pensionistico del 3,8%", quando il rendimento medio degli ultimi 20 anni è stato del 2,4%. Il tasso di conversione, invece, ha raggiunto un nuovo minimo del 5,39%, in calo di un decimo di punto rispetto a un anno fa.

Successo degli investimenti infrastrutturali

Per questi motivi, i fondi pensione stanno riducendo la quota di investimenti a tasso fisso come le obbligazioni. Alla fine del 2021, meno di un terzo degli investimenti apparteneva a questa categoria, un minimo storico. Il capitale liberato è suddiviso principalmente tra immobili e investimenti alternativi, in particolare nelle infrastrutture. Nel 2021, le infrastrutture sono state per la prima volta la sottocategoria più popolare. Per i gestori di fondi, le ragioni principali per includere gli investimenti in infrastrutture sono l’accesso a fonti di rendimento aggiuntive e gli effetti di diversificazione. Chi invece non investe in infrastrutture lo fa soprattutto per mancanza di liquidità.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved