ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Benzina: lanciato un comparatore gratuito dei prezzi

Secondo il promotore, il Touring Club Svizzero, vale la regola del cinque: occhio infatti ai chilometri percorsi e ai litri del pieno
Svizzera
1 ora

Consiglio federale: Herzog (Ps) e Rösti (Udc) i più amati

Un sondaggio guarda ai candidati preferiti dagli elettori in vista delle elezioni di dicembre per sostituire i dimissionari Sommaruga e Maurer
Svizzera
6 ore

Le Forze aeree svizzere in addestramento nel Regno Unito

Beneficiano di condizioni difficili da trovare in Svizzera, come ampie aree di volo vicino al mare e regioni scarsamente popolate
Svizzera
20 ore

Unione sindacale: riconfermato per 4 anni Pierre-Yves Maillard

Due donne vicepresidenti: la presidente di Unia Vania Alleva e la segretaria generale del Vpod/Ssp Natascha Wey
Svizzera
23 ore

Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione

All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
1 gior

Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile

Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
1 gior

Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese

Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
1 gior

Suicidio assistito: Cappato si autodenuncia a Milano

Il tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni rischia fino a dodici anni di carcere per aver accompagnato in Svizzera un malato di 82 anni
31.08.2022 - 09:53
Aggiornamento: 13:44

Gorbaciov, un uomo che ‘ha cambiato il corso del XX secolo’

Il presidente della Confederazione Ignazio Cassis rende omaggio all’ex capo di Stato sovietico

Ats, a cura di Red.Web
gorbaciov-un-uomo-che-ha-cambiato-il-corso-del-xx-secolo
Keystone
Morto all’età di 91 anni

Il presidente della Confederazione Ignazio Cassis ha reso omaggio al defunto Premio Nobel per la Pace russo ed ex capo di Stato sovietico Mikhail Gorbaciov quale leader globale che ha sostenuto la libertà e la speranza. Oggi il mondo ha urgentemente bisogno di questi valori.

La Svizzera piange insieme al mondo la perdita di un pacificatore. Gorbaciov ha cambiato il corso del XX secolo, ha scritto Cassis su Twitter.

Anche la presidente del Consiglio nazionale Irène Kälin (Verdi/Ag) e il presidente del Consiglio degli Stati Thomas Hefti (Plr/Gl) hanno espresso le loro condoglianze. Gorbaciov "ha fornito un grande contributo all’unificazione pacifica dell’Europa con coraggio e lungimiranza", hanno scritto i servizi parlamentari a loro nome su Twitter. In tempi come questi, la sua eredità è più preziosa che mai.

Gorbaciov e il suo rapporto con il nostro Paese

Nella sua carriera politica, Gorbaciov si era più volte recato in Svizzera. È ad esempio a Ginvera, nel 1985, che si è tenuto l’incontro chiave con il presidente americano Ronald Reagan. Questa riunione, durante la quale le due superpotenze hanno discusso del disarmo nucleare, è considerata come una vera e propria svolta nella Guerra fredda. Altri negoziati hanno poi seguito.

Nel dicembre 2000, Gorbaciov aveva anche lanciato un appello contro le armi di distruzione di massa davanti alle Camere federali, in presenza del presidente della Confederazione dell’epoca, Adolf Ogi. Si era inoltre già recato a Berna un anno prima, nel quadro della quarta riunione sull’Europa dell’est.

Curato in un ospedale svizzero

L’ex dirigente sovietico si è recato in Svizzera anche quale presidente di Green Cross. Ha fra le altre cose inaugurato il centro operativo dell’organizzazione ambientalista alla periferia di Ginevra nel 1993.

Gorbaciov ha anche fatto conoscenza con il sistema sanitario elvetico: in occasione di una cena di beneficenza di Green Cross a Lucerna, nel 1997, è stato ricoverato a causa di una reazione allergica.

Dimissioni oltre 30 anni fa

Le dimissioni di Gorbaciov erano arrivate oltre 30 anni fa, il 25 dicembre 1991. "Con la caduta del partito comunista, anche il suo più alto dirigente ha dovuto andarsene", aveva detto l’ex consigliere federale René Felber all’agenzia di stampa Ats dieci anni più tardi.

Il socialista, che in quel momento era ministro degli esteri, ha incontrato più volte l’ex dirigente sovietico. "Gorbaciov è un uomo molto colto e intelligente", aveva dichiarato il consigliere federale, e "ha capito l’importanza dell’apertura della Russia verso l’Occidente"

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved