ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
43 min

Circolazione e cure infermieristiche nel menu invernale a Berna

Al via la sessione invernale che eleggerà anche i consiglieri federali in sostituzione di Maurer e Sommaruga e i nuovi presidenti delle due Camere
Svizzera
1 ora

Oggi a Berna il tradizionale mercato delle cipolle

Nella capitale un centinaio di pullman turistici da tutta la Svizzera e dall’estero
elezioni cantonali
14 ore

Svitto: il Plr difende il seggio nel governo al ballottaggio

Damian Meier si è infatti imposto sulla concorrente dei Verdi liberali Ursula Lindauer. Il governo locale è interamente in mano ai partiti borghesi
alle urne
14 ore

Clima, tasse e giustizia: si è votato in otto Cantoni

Riforma giudiziaria nei Grigioni. A Basilea Città, zero emissioni di gas serra dal 2037. Deduzioni fiscali aumentate per la cassa malati nel Canton Zurigo
Svizzera
16 ore

Novembre si appresta a congedarsi con una notte gelida

Nelle Prealpi e nelle vallate alpine la colonnina di mercurio è infatti scesa ben al di sotto dello zero
Svizzera
19 ore

Benzina: lanciato un comparatore gratuito dei prezzi

Secondo il promotore, il Touring Club Svizzero, vale la regola del cinque: occhio infatti ai chilometri percorsi e ai litri del pieno
Svizzera
20 ore

Consiglio federale: Herzog (Ps) e Rösti (Udc) i più amati

Un sondaggio guarda ai candidati preferiti dagli elettori in vista delle elezioni di dicembre per sostituire i dimissionari Sommaruga e Maurer
Svizzera
1 gior

Le Forze aeree svizzere in addestramento nel Regno Unito

Beneficiano di condizioni difficili da trovare in Svizzera, come ampie aree di volo vicino al mare e regioni scarsamente popolate
26.08.2022 - 13:20
Aggiornamento: 14:10

‘Quello spot non violò il divieto di far propaganda politica’

A stabilirlo il Taf in merito al video, ‘targato’ Udc e diffuso dalle reti televisive di Ch Media, per la campagna ‘Per un’immigrazione moderata’

Ats, a cura di Red.Web
quello-spot-non-violo-il-divieto-di-far-propaganda-politica
Youtube

Diffondendo uno spot pubblicitario nell’agosto 2020, le reti televisive di Ch Media non hanno violato il divieto di fare della propaganda politica prima di una votazione popolare. A questa conclusione è giunto il Tribunale amministrativo federale (Taf) in una sentenza pubblicata oggi.

A diverse riprese tra l’11 e il 18 agosto di quell’anno, i canali privati Tele Züri, 3+, 4+ e 5+ avevano diffuso uno spot pubblicitario su mandato di un’organizzazione che si pretendeva di utilità pubblica. Il film in questione mostrava una giovane che correva in vari siti idilliaci, vantava le bellezze naturali e invitava a proteggere il paesaggio. Lo spot si concludeva con lo slogan "Per la protezione del paesaggio e della cultura svizzeri".

In seguito, un video è stato diffuso su Internet il cui inizio corrispondeva praticamente allo spot tv. La seconda parte era invece completata con nuove immagini e messaggi. Il film terminava con una raccomandazione in vista della votazione federale del 17 settembre 2020 "Per un’immigrazione moderata (Iniziativa per la limitazione)".

Introiti confiscati

Esaminando a posteriori questa campagna, l’Ufficio federale delle comunicazioni (Ufcom) ha ritenuto che Ch Media avesse violato il divieto di fare pubblicità politica prima delle votazioni popolari. Ha chiesto che gli introiti pubblicitari fossero versati alle casse della Confederazione. Il gruppo mediatico ha allora presentato un ricorso davanti al Taf.

I giudici sangallesi hanno ora accolto il ricorso di Ch Media. Hanno sottolineato preventivamente che il film diffuso su Internet non era sottoposto al divieto di fare pubblicità politica prima delle votazioni, previsto dalla Legge federale sulla radiotelevisione (Lrtv).

Nessuna allusione politica

Inoltre, il Taf ha constatato che lo spot tv non presentava alcuna allusione all’Iniziativa per la limitazione o di altri temi a essa legati. Non avrebbe quindi potuto, al momento della sua diffusione, essere considerata una pubblicità politica illecita. Diverso sarebbe stato se i due film fossero stati diffusi durante lo stesso periodo, in modo incrociato, in tal modo che i telespettatori avrebbero potuto associare il film online con lo spot tv.

Il Tribunale amministrativo federale ricorda che spetta alle aziende mediatiche garantire che non vengano diffuse pubblicità che violano il divieto previsto dalla Lrtv. Se non si conformassero agli obblighi di diligenza, potrebbero esserne ritenute responsabili.

Nella fattispecie non era possibile, neanche per Ch Media, constatare prima della pubblicazione online del film che lo spot rientrava in una campagna in vista di una votazione popolare. Tale sentenza non è definitiva e può ancora essere impugnata davanti al Tribunale federale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved