24.08.2022 - 14:34

In Svizzera aumentano i debitori che non pagano

Il Ticino figura fra i cantoni più colpiti dal fenomeno dell’indebitamento eccessivo. I maschi i più toccati rispetto alle femmine, ma non fra i giovani.

Ats, a cura di Red.Web
in-svizzera-aumentano-i-debitori-che-non-pagano
Ti-Press

È leggermente aumentata negli ultimi mesi in Svizzera la quota di debitori privati che non riescono a far fronte ai loro impegni: a fine luglio queste persone erano il 6,4% della popolazione, contro il 6,3% di gennaio. Il numero assoluto è invece salito di 3’615 unità, portando così il numero totale di debitori a 556’959. Il Ticino figura fra i cantoni più colpiti dal fenomeno dell’indebitamento eccessivo. E i maschi sono più toccati del problema delle femmine, ma non fra i giovani.

I dati sono stati pubblicati oggi da Crif, società attiva nel campo dell’azione antifrode, dei controlli di solvibilità e dell’informazione per aziende e privati, e si basano sulle domande di continuazione di un’esecuzione, sui fallimenti e sugli attestati di carenza di beni.

Le differenze regionali rimangono sensibili. Con il 10,5%, Neuchâtel presenta il più alto tasso di debitori inadempienti, seguito dal Ginevra (9,9%), Basilea Città (8,4%), Vaud (8,0%), Giura e Soletta (entrambi 7,8%). Al settimo posto si inserisce il Ticino, che è al 7,7%: concretamente quindi a sud delle Alpi un debitore su 13 non fa fronte ai suoi impegni.

All’estremità opposta della graduatoria, Appenzello Interno ha i migliori debitori della Confederazione (inadempienti all’1,6%) e si piazza davanti a Zugo, Uri, Obvaldo e Nidvaldo (tutti fra 2,9 e 3,1%). Il settimo miglior cantone è quello dei Grigioni, con il 4,5%.

Crif mette in luce anche grandi disparità in base al sesso: gli uomini hanno più debiti delle donne. Il tasso di debitori inadempienti tra i maschi di età compresa tra i 46 e i 50 anni si attesta infatti al 12%, mentre tra le femmine si ferma all’8%. Tuttavia questa differenza non è presente in tutte le fasce di età: tra i 18-25enni si registrano infatti quote analoghe per entrambi i sessi. Il tasso più alto di debitori inadempienti è comunque osservato nella fascia di popolazione composta da uomini tra i 38 e i 41 anni.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved