27.08.2022 - 20:00

Animali da compagnia, passata la pandemia...

Durante il lockdown molti gli hanno aperto le porte di casa. Per poi richiuderla alle loro spalle una volta finito il confinamento

Ats, a cura di Red.Web
animali-da-compagnia-passata-la-pandemia
Ti-Press
Sedotti e (in molti casi) abbandonati

La medaglia e il suo rovescio. Se durante la pandemia molti svizzeri, in cerca di un po’ di compagnia, hanno aperto le porte di casa ad animali domestici, pochi mesi dopo alcuni l’hanno richiusa. Alle loro spalle.

L’anno scorso i proprietari di animali domestici hanno abbandonato i loro animali più spesso che in passato: la cifra è aumentata quasi del 10%. Si tratta di oltre 7’100 animali, 627 in più rispetto all’anno precedente, fa sapere l’Agenzia per la protezione degli animali.

La maggior parte di loro sono cani o gatti acquistati durante il periodo di telelavoro e di cui i proprietari si sono stancati rapidamente.

Nemmeno i pesci sono immuni

In totale, l’anno scorso sono stati accolti nei rifugi più di 13’500 animali, di cui 5’456 sono stati trovati e 937 provengono da sequestri ufficiali.

La maggior parte di essi (7’724) sono gatti, cani (2’012), roditori (2’220), uccelli (1’555), tartarughe, cavalli e animali esotici. Inoltre, sono stati raccolti 9’873 pesci.

Solo un quarto dei gatti ha potuto essere restituito ai proprietari, poiché solo pochi di loro erano microchippati con i dati del proprietario.

Serpenti e lucertole in aumento

Oltre alle tartarughe (742), sempre più rettili (228), come serpenti e lucertole, vengono restituiti a un rifugio o rifiutati dai loro proprietari. I servizi interessati si trovano molto spesso di fronte ad animali importati illegalmente o tenuti in modo improprio.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved