ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
11 ore

Tempi bui per i lupi: passa agli Stati l’abbattimento preventivo

Potranno essere uccisi esemplari che si avvicinano minacciosamente a zone abitate o esseri umani o che predano eludendo la protezione delle greggi
Svizzera
13 ore

Rinnovabili da potenziare, ma sempre nel rispetto dell’ambiente

Il dossier approvato dagli Stati passa ora all’esame del Nazionale. Unanime la volontà di ridurre la dipendenza dalle fonti fossili, e non, importate
Svizzera
15 ore

Salta il contratto per il nuovo elicottero della Rega

Il velivolo Aw169-Fips non raggiunge le alte prestazioni richieste dalla Rega in termini di resistenza al gelo
Svizzera
17 ore

Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio

Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
18 ore

Il Consiglio federale non potrà imporre sanzioni autonomamente

Attualmente, la Svizzera può adottare misure restrittive decretate dall’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa
Svizzera
19 ore

Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo

Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
19 ore

Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole

Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
20 ore

I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi

In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
Svizzera
1 gior

Le Ffs vogliono 60% di merci in più su rotaia entro il 2050

Presentato il concetto ‘Suisse Cargo Logistics’. Promesse più flessibilità, velocità e digitalizzazione, con un occhio di riguardo ai trasporti ecologici
Svizzera
1 gior

Il parlamento apre il paracadute per Axpo

Anche il Consiglio degli Stati ha approvato a passo di carica la linea di credito di 4 miliardi per far fronte a problemi di liquidità
Svizzera
1 gior

Primo sì in Parlamento all’imposta minima sulle multinazionali

Il Consiglio degli Stati quasi all’unanimità sposa la linea governativa: lasciare la maggior parte degli introiti supplementari ai Cantoni interessati
Svizzera
1 gior

Maudet studia il ritorno e si candida al Consiglio di Stato

Caduto in disgrazia, di nuovo in pista: l’ex enfant prodige del Plr vuole difendere i ‘valori di una nuova lista’
17.08.2022 - 17:24
Aggiornamento: 18:05

‘Per la tutela del clima necessaria un’altra fiscalità’

Lo dice Gioventù socialista, che lancia l’‘Iniziativa per il futuro’. Osteggiata dai Giovani liberali: ‘Attacco frontale al modello svizzero’

Ats, a cura di Red.Web
per-la-tutela-del-clima-necessaria-un-altra-fiscalita
Keystone
Agire ora per cambiare il futuro

La Gioventù socialista (Giso) oggi ha ufficialmente lanciato l‘’Iniziativa per il futuro’, che chiede una tutela del clima socialmente equa, finanziata con una tassa di successione sulle grandi eredità. I Giovani liberali radicali (Glrs) hanno subito annunciato che combatteranno con veemenza tale progetto, considerato "un attacco frontale al modello svizzero di successo".

La nuova iniziativa della Giso – che da ieri può raccogliere le 100’000 firme necessarie – prevede un’imposta di successione e sulle donazioni del 50% per patrimoni superiori a 50 milioni di franchi. Secondo le sue stime, la tassa riguarderebbe circa 2’000 persone in Svizzera e genererebbe in media entrate per sei miliardi di franchi all’anno. Due terzi di questo importo dovrebbero andare alla Confederazione e un terzo ai Cantoni.

Tutto questo denaro deve essere utilizzato "per combattere la crisi climatica in modo socialmente equo e per la ristrutturazione dell’economia nel suo complesso, necessaria a questo scopo", hanno sottolineato vari oratori in occasione del lancio ufficiale dell’iniziativa organizzato in un luogo simbolico: il letto pressoché prosciugato del fiume Emme, a Burgdorf (Be).

Oltre al presidente della Giso nazionale Nicola Siegrist, al vicepresidente Thomas Bruchez e alla ticinese Aida Demaria, erano presenti sul posto fra gli altri Cédric Wermuth, consigliere nazionale (Ag) e copresidente del Ps svizzero e Julia Küng, vicepresidente dei Verdi e copresidente della sezione giovanile.

L’iniziativa – denominata ‘Per una politica climatica sociale finanziata in modo fiscalmente equo’ – propone una trasformazione ecologica dell’economia nel suo complesso. Ciò significa, ad esempio, una maggiore attenzione ai settori professionali a basse emissioni, come le professioni infermieristiche, l’edilizia sociale ed ecologica, o anche all’espansione delle energie rinnovabili locali, finanziate pubblicamente. L’obiettivo è una politica climatica "con misure che consentano a tutti di lavorare, abitare e vivere in modo ecologico".

Si vuole anche garantire che la popolazione non debba assumersi i costi della crisi climatica. "I super ricchi, con la loro corsa al profitto, stanno mettendo a rischio i nostri mezzi di sussistenza e il nostro futuro, accumulando capitali enormi. Perciò è giusto che sia messa in atto un’imposizione fiscale, garantendo che questi profitti vengano utilizzati per finanziare una politica climatica sociale", ha affermato Aida Demaria, membro del comitato della Giso Ticino.

"Nel 2050 avrò 48 anni. La crisi climatica mi accompagnerà per tutta la vita ed è urgente affrontare il problema con una nuova prospettiva. Il futuro è ora e dobbiamo iniziare oggi", ha riassunto.

Secondo Wermuth, "concretamente l’iniziativa avanza un’offerta imbattibile a tutti i partiti che si considerano eredi della tradizione liberale: utilizzare la più liberale di tutte le imposte per trasformare le infrastrutture della società in modo socialmente equo con investimenti pubblici".

Giovani Plr assolutamente contrari

Di ben altro parere i Giovani liberali radicali Svizzera (Glrs), secondo cui i loro coetanei socialisti "ancora una volta si dimostrano i predoni della nostra prosperità". L’iniziativa è "un attacco frontale al modello svizzero di successo; e un altro tentativo di prendere le armi contro le aziende familiari di questo Paese", afferma un comunicato. "Non solo vengono degradati a vacche da mungere, ma allo stesso tempo vengono diffamati come distruttori dell’ambiente", aggiunge la nota.

Secondo i Glrs, l’iniziativa deve essere respinta per due motivi in particolare. Primo: l’imposta richiesta è un’ulteriore tassazione ingiusta di un patrimonio già tassato. In secondo luogo, il patrimonio aziendale delle imprese familiari e delle altre PMI non è costituito da conti bancari, ma da macchinari e immobili. Con la nuova pressione fiscale il passaggio di un’azienda tra generazioni diventa una questione di esistenza.

Nel 2016, un’iniziativa popolare per l’introduzione di un’imposta di successione nazionale portata avanti da evangelici, socialisti, ecologisti e Unione Sindacale Svizzera è nettamente fallita alle urne. All’epoca, l’intenzione era di usare il denaro per finanziare l’Avs.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved