ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 ore

‘Altri modelli da discutere in vista della prossima riforma’

A colloquio con Jerôme Cosandey di Avenir Suisse sulle prospettive future del primo pilastro dopo il risicato sì popolare ad Avs 21
Svizzera
11 ore

Domenica di bocciature a livello cantonale

La bocciatura più sonora, col 71,5% dei no, va al credito che il Canton Lucerna voleva dare alla Guardia Pontificia in Vaticano
Svizzera
13 ore

Allevamento intensivo: il no è netto

La bocciatura dell’iniziativa va oltre le previsioni: il 62,86% dei votanti ha infatti detto no
Svizzera
14 ore

Imposta preventiva: respinta dal 52% dei voti

Malgrado il testa a testa, alla fine prevale il no
Svizzera
14 ore

Riforma AVS: le donne andranno in pensione a 65 anni

La modifica della legge federale sull’assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti approvata per un soffio: sì al 50,6%
Svizzera
15 ore

Ambasciatore ucraino a Berna, no asilo per disertori russi

Preoccupano i migliaia di russi in fuga dal loro Paese per evitare il reclutamento, si teme che tra loro vi siano spie di Putin
Svizzera
19 ore

Una votazione che ha lasciato col fiato sospeso

Le urne sono chiuse, è iniziato lo spoglio delle schede. I risultati in tempo reale
Svizzera
22 ore

C’è tempo fino a mezzogiorno per votare

Svizzeri alle urne su Avs, imposta preventiva e allevamento intensivo
Svizzera
1 gior

Gli F-35 si comprano e gli oppositori si vestono da lutto

La manifestazione oggi a Berna per denunciare “la farsa democratica” riguardo alla decisione del Consiglio federale di acquistare i jet da combattimento
Svizzera
1 gior

Se il vaccino è ‘da buttare’

Sono oltre 10milioni le dosi di Moderna che la Confederazione ha acquistato per contrastare il Covid e che mercoledì... sono scadute
Svizzera
1 gior

Axpo e quell’aiuto non ancora utilizzato

Il gruppo ha ottenuto dalla Confederazione il credito d’emergenza per far fronte all’impennata dei prezzi nel settore energetico
11.08.2022 - 17:07
Aggiornamento: 19:05

Il clima obbliga la viticoltura vallesana a ripensarsi

Siccità e temperature elevate, oppure gelo e piogge abbondanti: gli eventi estremi mettono a dura prova il settore. Studi in corso, il Cantone investe

Ats, a cura di Red.Svizzera
il-clima-obbliga-la-viticoltura-vallesana-a-ripensarsi
Keystone
Si cercano alternative, ad esempio per quanto riguarda l’irrigazione

Sion – Malgrado la vendemmia 2022 in Vallese si prospetti piuttosto buona, le condizioni climatiche estreme che si susseguono non semplificano il compito dei viticoltori. In futuro la coltivazione della vite andrà ripensata, studi sono già in corso.

Nel 2017 i vigneti sono stati gravemente danneggiati dal gelo. Nel 2021 le gelate notturne di aprile e le abbondanti piogge estive hanno favorito malattie fungine come la peronospora e l’oidio: il raccolto di quell’anno è stato il peggiore dal 1957 in termini di quantità (-36%). Quest’anno è l’ondata di caldo a colpire duramente le piante.

Ottimismo per la vendemmia 2022

La vendemmia dovrebbe tuttavia essere buona, prevede Yvan Aymon, presidente dell’organizzazione settoriale Interprofession de la Vigne et du Vin (IVV): le viti sono sane anche se soffrono per la mancanza d’acqua. Alcuni comuni hanno potuto contare sui canali irrigui – i "bisses" – per bagnare i vigneti, ma altri, le cui sorgenti si stanno prosciugando, hanno vietato l’irrigazione. "La vite ama soffrire, ma ci sono dei limiti", precisa Aymon.

Il prolungato stress idrico e il calore elevato influiscono sulla maturazione, sui livelli di zucchero e di acidità, nonché sulla resa. "La scelta del momento della vendemmia dipende da ogni singolo coltivatore, in base a che vino vuole produrre", spiega Didier Joris, viticoltore-enologo di Chamoson (VS). Lui inizierà la sua 46esima vendemmia alle 4 del mattino della prossima settimana, in una data simile alle altre annate calde che ha vissuto – 1976, 2000, 2003 –, perché vuole "mantenere una certa freschezza naturale nelle uve".

Ripensare l’irrigazione

Da un anno all’altro, i vigneti sono sempre maggiormente esposti a condizioni estreme e i viticoltori devono adattarsi. Per sostenere la filiera, il Canton Vallese, in collaborazione con Agroscope, prevede di investire 150 milioni di franchi.

"Ci stiamo dirigendo verso estati più asciutte, ma non è ancora chiaro se le primavere saranno maggiormente calde e secche o calde e umide. Stiamo studiando tutti gli scenari. Per il futuro occorrerà ripensare l’irrigazione di una parte dei vigneti", spiega Vivian Zufferey ricercatore responsabile del dossier viticoltura presso Agroscope.

Da circa trent’anni il centro di competenza della Confederazione per la ricerca agronomica sperimenta in diverse parti del Paese nuovi strumenti e tecniche facilmente utilizzabili dalla viticoltura. Zufferey ritiene che per adattarsi bisogna saper prevedere, e per prevedere bisogna conoscere la propria terra e lo stato delle proprie piante.

Risparmio idrico

"L’ideale sarebbe conoscere la natura dei suoli e le loro riserve idriche, allo scopo di piantare il vitigno giusto al posto giusto. Sarebbe anche auspicabile poter monitorare lo stato idrico delle piante per adattare l’irrigazione. Esistono già oggi strumenti che permettono di conoscere in tempo reale il fabbisogno idrico dei ceppi, spiega Zufferey.

La Confederazione sta avviando progetti per migliorare l’efficienza dell’uso dell’acqua, in particolare sostenendo l’installazione dell’irrigazione a goccia al posto di quella a pioggia. Si stanno anche cercando soluzioni per non utilizzare acqua potabile. "Se gli anni come il 2022 si moltiplicheranno, sarà necessario risparmiare acqua", sostiene Zufferey.

Un’alternativa è il ricorso a vitigni più resistenti, come il Divico, sviluppato dalla stessa Agroscope. Per José Vouillamoz, specialista in genetica della vigna, sarebbe anche opportuno per il Vallese tornare ai vitigni storici del cantone come Heida, Amigne, Arvine e Rèze.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved