11.08.2022 - 16:09
Aggiornamento: 16:28

Stelle cadenti, venerdì notte il clou dello spettacolo

A Sud delle Alpi le nuvole potrebbero ostacolare l’osservazione. La luminosità della Luna potrebbe offuscare le Perseidi meno appariscenti

Ats, a cura di Red.Web
stelle-cadenti-venerdi-notte-il-clou-dello-spettacolo
Keystone

Dopo l’assaggio della Notte di San Lorenzo, le Perseidi si preparano al clou del loro spettacolo. Il picco di attività delle stelle cadenti è atteso per la notte da venerdì a sabato. A Sud delle Alpi, lo spettacolo potrebbe però essere rovinato dalle nuvole.

La tradizione lega il fenomeno al martirio di San Lorenzo, la cui ricorrenza si celebra proprio il 10; tuttavia, il fenomeno è attivo per molti giorni intorno al vero picco di visibilità, che cade tra il 12 e il 13 agosto. Quella notte, tra le 22 e le 4, si dovrebbero osservare fino a 100 stelle cadenti all’ora.

Lo sciame delle Perseidi è originato dalla cometa Swift-Tuttle, scoperta nel 1862 e il cui ultimo passaggio risale al 1992, e sono cosi chiamate perché sembrano provenire da un punto del cielo al di sopra della costellazione di Perseo.

Naso all’insù a nord-est

Per una visione ottimale, MeteoNews consiglia di volgere lo sguardo a est o nord-est, dove sorge appunto la costellazione del Perseo. Da un punto di vista meteorologico, a Nord delle Alpi nulla dovrebbe ostacolare l’osservazione delle stelle cadenti. A sud, invece, le nuvole potrebbero leggermente ostacolare gli osservatori. Anche la Luna potrebbe fare da guastafeste: la sua luminosità offuscherà le stelle cadenti meno appariscenti.

Leggi anche:

Arrivano le ‘Lacrime di San Lorenzo’ ma con la Luna piena

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved