28.07.2022 - 14:59
Aggiornamento: 18:26

Le fototrappole immortalano l’orso. Anzi due

Non un solo esemplare, ma probabilmente due animali distinti quelli ‘catturati’ il 17 luglio dai sensori posati nella Bassa Engadina

Ats, a cura di Red.Web
le-fototrappole-immortalano-l-orso-anzi-due
Keystone
Passavo di qua...

Le fototrappole piazzate in due valli laterali della Bassa Engadina a metà luglio hanno catturato due volte un orso. Secondo i guardiani della selvaggina potrebbe trattarsi di due esemplari diversi che non hanno ancora lasciato la regione.

Dal sito web dell’Ufficio caccia e pesca dei Grigioni si rileva che le fototrappole sono state montate nella Val S-charl, vicino a Scuol, e in Val d’Assa, nelle vicinanze di Ramosch, quindi a circa venti chilometri di distanza. Un apparecchio ha fotografato un orso la mattina del 17 luglio, mentre l’altro dispositivo ha scattato la foto con l’orso la sera dello stesso giorno.

"Fondamentalmente le escursioni in quelle zone non rappresentano un problema", ha dichiarato il collaboratore dell’Ufficio cantonale Arno Puorger dalle colonne della ‘Südostschweiz’. Tuttavia, siamo in presenza di percorsi che portano ad alpeggi utilizzati nella stagione estiva e che sono molto frequentati dai turisti. Finora non sono però stati segnalati avvistamenti di orsi.

"Questo fatto fa pensare piuttosto a due orsi", racconta lo specialista di grandi predatori a Keystone-Ats. "Ma si tratta soltanto di una supposizione. È inoltre possibile che questi due grandi predatori si trovino ancora in Engadina Bassa, perché di fatto non ci sono state altre segnalazioni".

Esemplari dell’Alto Adige

Che gli orsi provengano dalla regione Trentino-Alto Adige è cosa certa. Secondo Puorger, è l’unica popolazione di orsi presente a una distanza usuale di migrazione. Infatti per gli animali l’accesso alla Svizzera dista a pochi chilometri dal Trentino.

Almeno un plantigrado scorrazzava per la Bassa Engadina già nella prima metà di giugno. I guardiani della selvaggina possono citare due rilevamenti accertati, uno dei quali "a prova di escremento".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved