ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
47 min

Circa 900 scosse sismiche in Svizzera e dintorni nel 2022

La terra ha tremato un po’ meno rispetto agli ultimi anni. Gli eventi più significativi percepiti nella Confederazione, hanno avuto epicentro all’estero.
Svizzera
2 ore

USS annuncia un referendum contro la riforma del 2º pilastro

I sindacati interrompono contestualmente la raccolta firma per l’iniziativa ‘Utili della Banca nazionale per un’AVS forte’
Svizzera
2 ore

Ginevra, Uber può continuare a operare

L’azienda ha ottenuto misure superprovvisionali. Lo Stato di recente aveva vietato le sue attività.
Svizzera
3 ore

Maurizio Dattrino al comando della Divisione territoriale 3

Il brigadiere ticinese, attinente di Arbedo, sostituirà il divisionario Lucas Caduff che va in pensione
Svizzera
3 ore

Penuria di farmaci, al lavoro una task force

Su incarico del Consiglio federale, avrà il compito di valutare le misure a breve termine per far fronte a questo fenomeno ‘problematico’
Svizzera
4 ore

Indonesiani contro Holcim, fallita la trattativa di risarcimento

Si tratta del secondo capitolo a livello giudiziario della vertenza, dopo che una conciliazione per stabilire un risarcimento è fallita lo scorso ottobre
Svizzera
7 ore

1° febbraio: è il giorno della prova sirene

Le sirene suoneranno in tutta la Svizzera. In Ticino alle 13.30, 13.35, 13.45 e 13.55 sarà diffuso un suono continuo e modulato, della durata di un minuto
Svizzera
9 ore

Esportare le procedure d’asilo è ‘un’idea balzana’

L’Udc vuole una Svizzera senza richiedenti e si ispira all’accordo tra Regno Unito e Ruanda. Il professor Achermann: vecchia idea, destinata a morire.
Svizzera
23 ore

Sulle etichette dei prodotti freschi anche il mezzo di trasporto

Lo chiede un’iniziativa parlamentare approvata dalla Commissione scienza, educazione e cultura degli Stati, in particolare per il trasporto via aereo
Svizzera
1 gior

Corona-Leaks, in esame la consegna dei dati a Marti

La consigliera federale Keller-Sutter chiede di verificare se il procuratore straordinario può legalmente accedere all’intera casella e-mail di Lauener
Svizzera
1 gior

Altra giornata di sciopero per i funzionari pubblici vodesi

È la terza nelle ultime sei settimane per rivendicare l’indicizzazione completa dei salari. Previsto un corteo fino alle porte del Gran Consiglio
Svizzera
1 gior

Stranieri di terza generazione, no a naturalizzazione agevolata

Prematura una revisione della procedura: la Commissione delle istituzioni politiche degli Stati raccomanda di respingere l’iniziativa parlamentare
Svizzera
1 gior

Gatto chiuso in una gabbia ritrovato morto nell’Aare

L’animale era stato recuperato da un pescatore a Wolfwil. Sulla vicenda sta indagando la Polizia cantonale solettese
14.07.2022 - 10:32
Aggiornamento: 15:30

Galleria del San Gottardo, si pensa a un pedaggio

Lo suggerisce il direttore dell’Ustra Jürg Röthlisberger nel caso di un aumento di capacità del tunnel

Ats, a cura di Red.Web
galleria-del-san-gottardo-si-pensa-a-un-pedaggio
Keystone

Pagare un pedaggio per attraversare in auto la galleria del San Gottardo? È l’ipotesi a cui pensa il direttore dell’Ufficio federale delle strade (Ustra) Jürg Röthlisberger, nel caso di un aumento di capacità del tunnel.

Quest’anno "gli automobilisti sull’asse nord-sud dovranno contare sulle solite code e tempi di attesa", afferma l’alto funzionario in un’intervista pubblicata oggi dalla Neue Zürcher Zeitung (Nzz). In difficoltà non sono però solo le vetture. "Ogni modalità di trasporto presenta dei problemi. Ci sono anche lunghi tempi di attesa negli aeroporti e i treni sono pieni nelle ore di punta. Possiamo solo informare affinché i viaggiatori siano consapevoli di ciò a cui vanno incontro", aggiunge. "Ma sulle strade non vi sarà il caos", promette.

‘Rimanere in autostrada anche durante gli ingorghi’

L’ingegnere con formazione al Politecnico federale di Zurigo consiglia di mettersi in viaggio nei momenti più favorevoli e invita i conducenti a rimanere sulle autostrade anche durante gli ingorghi. "Il traffico evasivo sulle strade locali è negativo per le persone che vivono nei villaggi lungo le strade nazionali", osserva. "Chi esce dalle autostrade ostacola il trasporto pubblico e il traffico non motorizzato, aumenta il rischio di incidenti e in generale ha bisogno di più tempo. La funzione delle autostrade di convogliare il traffico viene così a cessare". Quali regioni toccate da questo fenomeno l’intervistato cita ad esempio i Grigioni (A13) e il canton Uri (A2).

Intanto – fanno notare i cronisti della Nzz – particolarmente lunghe sono le colonne al San Gottardo e la pressione per aumentare la capacità di transito aumenterà, una volta che sarà messa in funzione la seconda canna nel 2027. "Chi vuole introdurre quattro corsie deve prima convincere la popolazione e i Cantoni", risponde Röthlisberger facendo riferimento a un’eventuale votazione popolare. "Si tratta di un ostacolo elevato. Così difficile che la questione non si porrà nel prossimo futuro".

"Se le generazioni future volessero aumentare la capacità del tunnel del Gottardo, sarebbero necessarie misure di accompagnamento, se non altro per evitare di inondare le regioni di Basilea e Lucerna, già molto congestionate", aggiunge lo specialista, che né qui né in nessun altro punto dell’intervista fa riferimento al Ticino. "Forse un pedaggio in galleria?", si chiede il direttore.

‘L’aumento del prezzo del carburante non ha ridotto l’utilizzo dell’auto’

Röthlisberger constata anche che l’aumento del prezzo del carburante non ha avuto un impatto decisivo – l’auto non viene usata meno – e prende posizione sui 60 km/h in autostrada che tanto hanno fatto discutere negli scorsi giorni. "Oggi, spesso limitiamo la velocità a 80 chilometri orari nelle ore di punta, e non solo quando il traffico è già intasato o congestionato, ma anche come misura preventiva. Questo è ormai ampiamente accettato e anche utile. Ora vogliamo testare i limiti di questo sistema e scoprire se l’armonizzazione della velocità funziona anche a 60 o 70 chilometri orari. È solo questo che vogliamo valutare: non è che la ministra dei trasporti Simonetta Sommaruga ci ha ordinato di ridurre il traffico autostradale a 60 chilometri all’ora".

‘Promozione della mobilità elettrica piuttosto che parità di trattamento’

Riguardo alle imposte che, nelle intenzioni del governo, dovranno in futuro pagare i conducenti di auto elettriche, per contribuire ai costi dell’infrastruttura stradale (i detentori di auto a motore termico partecipano attraverso le tasse sui carburanti), Röthlisberger ammette che fino al 2030 il conducente al volante di una Subaru in campagna rimarrà svantaggiato nei confronti di chi guida una Tesla. "Questo punto di vista non è certamente sbagliato", riconosce.

"Ma la società vuole allontanarsi dalle energie fossili", prosegue. "Ecco perché attualmente al centro dell’attenzione figura la promozione della mobilità elettrica e non tanto la parità di trattamento. Inoltre il conducente di Tesla non è la massa. La maggior parte delle persone utilizzerà auto più piccole, che non dovrebbero costare più di 5’000-20’000 franchi", si dice convinto l’intervistato. "C’è ancora troppo poca offerta nel settore elettrico, soprattutto nel segmento delle auto d’occasione: ma questo cambierà nei prossimi anni", conclude.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved