i-fronti-in-ucraina-continueranno-a-inasprirsi
Keystone
C’è il rischio che i flussi di rifugiati diventino ancor più importanti
03.07.2022 - 13:08
Aggiornamento: 14:20
Ats, a cura di Moreno Invernizzi

‘I fronti in Ucraina continueranno a inasprirsi’

Ne è convinta la ministra della Giustizia Karin Keller-Sutter, secondo cui ‘la situazione potrebbe peggiorare considerevolmente in inverno’

I fronti continueranno a inasprirsi in Ucraina. Ne è convinta la ministra della giustizia Karin Keller-Sutter. Una guerra di logoramento tra gli eserciti ucraino e russo sta per svilupparsi nell’Est e nel Sud del Paese, a suo avviso.

"È lo scenario più probabile per il momento", ha dichiarato Keller-Sutter in un’intervista al SonntagsBlick. Ma un altro scenario la preoccupa. "La situazione in Ucraina potrebbe peggiorare considerevolmente in inverno, se l’approvvigionamento in energia e derrate alimentari non fosse più garantito", ha messo in guardia.

Vi sono già 6,3 milioni di persone sfollate in Ucraina, che vivono – a suo parere – in condizioni molto difficili. "Se non potranno riscaldarsi durante l’inverno e il cibo mancherà, tali persone potrebbero doversi rifugiare in un Paese dell’Europa occidentale".

Inoltre, se i combattimenti si estenderanno a tutta l’Ucraina, "ciò potrebbe provocare flussi di rifugiati ancor più importanti", ha sottolineato la consigliera federale. Keller-Sutter ritiene tuttavia questo scenario poco probabile.

Sovrapposizione di crisi

Le domande d’asilo depositate dagli Ucraini sono in calo in Svizzera, ha aggiunto. "Trattiamo attualmente circa 100 richieste al giorno", contro le 1’800 di poco tempo fa. Complessivamente, 58’391 rifugiati hanno sollecitato lo statuto di protezione S. Keller-Sutter ritiene difficile quantificare il numero di persone che ripartono in Ucraina.

L’invasione russa non è tuttavia la sola sfida, ha proseguito la consigliera federale del Plr. "Viviamo in un’epoca in cui le crisi non si succedono, ma si sovrappongono". La pandemia di Covid-19 potrebbe segnare un deciso ritorno in autunno in Svizzera con, parallelamente, la minaccia di una crisi energetica, ha rilevato.

A questo occorre aggiungere catene di approvvigionamento interrotte che incidono negativamente sulla disponibilità di beni importanti e l’inflazione, secondo Keller-Sutter. "È da tempo che la situazione economica mondiale non è mai stata così fragile". La ministra della giustizia si chiede anche quanto tempo durerà la solidarietà con le persone sfollate in caso di recessione nell’Unione europea.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
karin keller-sutter russiaucraina ucraina
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved