identita-elettronica-avviata-la-consultazione
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
7 ore

In Svizzera moria di pesci di ‘proporzioni storiche’

La federazione dei pescatori teme che un numero ancora maggiore di specie autoctone possa scomparire per sempre
Svizzera
8 ore

Unia: ‘Divario salariale aumenta, occorre intervenire’

Il sindacato denuncia la stagnazione degli stipendi più bassi e l’aumento di quelli dei dirigenti
Svizzera
9 ore

Aumentano i posti vacanti fra le imprese svizzere

Sui siti internet delle 50 imprese più grandi si contano 12’400 annunci: il 34% in più rispetto a un mese fa
Svizzera
10 ore

Peste suina: Turgovia addestra cani per individuarla

La malattia è mortale per cinghiali e maiali, non per l’uomo. C’è un rischio elevato che arrivi presto in Svizzera, ritiene l’Ufficio federale competente
Svizzera
11 ore

Poca acqua nel Reno, il costo della benzina resta alto

Le navi possono trasportare un quarto delle merci rispetto a un anno fa. I costi di trasporto sono dunque fortemente aumentati.
Svizzera
11 ore

La carenza di maestri è arrivata anche nei Grigioni

La parte italofona è riuscita a trovare delle soluzioni grazie a insegnanti provenienti da Ticino e Italia
Svizzera
1 gior

Statuto S: per gli aiuti si terrà conto di salario e patrimonio

Le raccomandazioni sono state adeguate dalla Conferenza dei direttori cantonali delle opere sociali
Svizzera
1 gior

Furti con scasso a Silvaplana e Müstair

La Polizia cantonale grigionese chiede alla popolazione di segnalare eventuali persone sospette
Svizzera
1 gior

Genitori multati per aver fatto saltare la scuola alla figlia

È successo nel Canton Zurigo. La famiglia ha fatto iniziare le vacanze estive della bambina tre settimane in anticipo
Svizzera
1 gior

Impianti di risalita: la stagione estiva si conferma molto buona

In Ticino, però, si registra una diminuzione dell’affluenza rispetto all’anno scorso
Svizzera
1 gior

Ubriaco rimane bloccato con l’auto su un ponticello pedonale

Ha dichiarato di aver preso una scorciatoia per rincasare. Gli è stata rilevata un’alcolemia dell’1,4 per mille
Svizzera
1 gior

Il clima obbliga la viticoltura vallesana a ripensarsi

Siccità e temperature elevate, oppure gelo e piogge abbondanti: gli eventi estremi mettono a dura prova il settore. Studi in corso, il Cantone investe
Svizzera
1 gior

Stelle cadenti, venerdì notte il clou dello spettacolo

A Sud delle Alpi le nuvole potrebbero ostacolare l’osservazione. La luminosità della Luna potrebbe offuscare le Perseidi meno appariscenti
Svizzera
1 gior

Si scioglie il ghiaccio, il passo riaffiora dopo 2’000 anni

Il passo del Tsanfleuron, piccola porzione di terra che collega Vaud e Vallese a quota 2’800 metri, è riemerso dai ghiacci e tornato parzialmente sgombro
29.06.2022 - 15:52
Ats, a cura de laRegione

Identità elettronica, avviata la consultazione

Il Consiglio federale ci riprova: dopo il secco ‘no’ alle urne, propone un nuovo Id-e emesso che ‘garantirà la massima protezione dei dati’

Dopo il secco rifiuto alle urne il 7 marzo 2021 opposto alla Legge federale sui servizi d’identificazione elettronica (legge sull’Ie), il Consiglio federale ha avviato oggi una consultazione in merito al nuovo mezzo d’identità elettronica che intende permettere ai titolari di identificarsi nel mondo virtuale in modo semplice, sicuro e veloce.

Il nuovo Id-e sarà emesso dalla Confederazione e garantirà la massima protezione dei dati personali, ha indicato la ministra della Giustizia Karin Keller-Sutter in una conferenza stampa oggi a Berna. Uno degli elementi che avevano causato la bocciatura del progetto iniziale era infatti la partecipazione dei privati, avversata da molti ambienti poiché temevano falle nella protezione dei dati.

‘La popolazione ha bisogno di questo strumento’

Già l’anno scorso, pochi mesi dopo il "no" alle urne, il Consiglio federale aveva dichiarato di voler proporre una nuova soluzione in tempi brevi, convinto che la popolazione abbia bisogno di tale strumento. Aveva incaricato il Dipartimento federale di giustizia e polizia (Dfgp) di elaborare, d’intesa con la Cancelleria federale (CaF) e il Dipartimento federale delle finanze (Dff), una nuova proposta per un’identificazione elettronica sicura e statale.

Nel frattempo il Consiglio nazionale e il Consiglio degli Stati hanno approvato sei mozioni di identico contenuto, presentate da tutti i gruppi parlamentari, che chiedono l’introduzione di un mezzo di identificazione elettronico (Id-e) emesso dallo Stato e atto a dimostrare la propria identità.

Se sostenuto, l’Id-e potrebbe entrare in vigore nel 2025

Per coinvolgere in anticipo gli ambienti interessati nella stesura della nuova legge, l’Ufficio federale di giustizia (Ufg) ha già svolto nell’autunno 2021 una consultazione pubblica informale raccogliendo circa 60 pareri.

Ora, tenendo conto dei riscontri ricevuti, il Governo ha avviato la consultazione ufficiale sul progetto preliminare di legge sul mezzo d’identificazione elettronico e altri mezzi di autenticazione elettronici (Legge sull’Id-e) che si concluderà il 20 ottobre. Se tutto procederà per il verso giusto, nell’estate 2023 il progetto verrà sottoposto alle Camere federali e, considerando l’iter parlamentare, potrà entrare in vigore nel 2025, ha dichiarato Karin Keller-Sutter.

Mezzo d’identificazione statale

Secondo la normativa proposta, i titolari di una carta d’identità, di un passaporto svizzero o di una carta di soggiorno per stranieri rilasciata da un’autorità elvetica, potranno richiedere un Id-e. La Confederazione intende offrire una applicazione per lo smartphone con cui gestire in modo sicuro tale mezzo d’identificazione.

L’Id-e potrà essere utilizzato sia in internet, ad esempio per ordinare online un estratto del casellario giudiziario, sia nel mondo reale, ad esempio per dimostrare la propria età quando si acquistano alcolici. Rispetto al progetto di legge respinto nel 2021, la Confederazione è ora responsabile dell’emissione dell’Id-e e gestisce direttamente l’infrastruttura su cui si basa tale mezzo, spiega la nota.

Protezione dei dati garantita

Inoltre, i futuri titolari di un Id-e statale avranno il massimo controllo sui loro dati ("self sovereign identity"). La protezione dei dati andrà garantita non solo dal sistema stesso (principio della "privacy by design"), ma anche mediante la riduzione del flusso delle informazioni al minimo necessario (principio della minimizzazione dei dati) e il loro salvataggio decentralizzato.

Inoltre, l’impiego dell’Id-e sarà volontario e gratuito. Tutti i servizi della Confederazione per i quali è possibile usare il nuovo Id-e continueranno a essere offerti anche in modalità analogica. Nel contempo tutte le autorità, anche cantonali e comunali, saranno tenute ad accettare l’Id-e se ricorrono all’identificazione elettronica, ad esempio quando rilasciano un certificato di domicilio o un estratto del registro esecuzioni e fallimenti.

Altri mezzi di autenticazione

La normativa proposta prevede che l’infrastruttura statale creata per l’Id-e possa essere utilizzata anche da autorità comunali e cantonali nonché da privati. Attualmente documenti quali i diplomi, i biglietti per manifestazioni e le tessere associative sono perlopiù rilasciati su supporti fisici o eventualmente come documenti Pdf.

Con l’infrastruttura prevista, questi documenti potranno essere rilasciati anche in formato digitale ed essere gestiti in modo sicuro nell’app messa a disposizione dalla Confederazione, ha concluso Karin Keller-Sutter.

Leggi anche:

Identità elettronica: gli svizzeri si oppongono nettamente

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio federale identità elettronica
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved